“Non trovo più il tuo numero di telefono. A quanto pare sembrerebbe che questo villaggio (Baghouz, Ndr) sia ancora nelle loro mani (dell’Isis, ndr). Mi hanno chiamato ora al volo e tra un’ora parto. Vado a Deir Ezzor. Sembrerebbe che questo villaggio ci sia davvero e che c’è da combattere”. Sono queste le ultime parole inviate da Lorenzo Orsetti a Fausto Biloslavo il 2 febbraio scorso, poco prima di partire per la linea del fronte. Una linea del fronte dalla quale non sarebbe più tornato