Grecia: la crisi triplica i senzatetto

Giovanni Masini è stato ad Atene per Gli occhi della Guerra e ha visto con i suoi occhi gli effetti della crisi economica. A partire dal 2011, la crisi ha gettato fuori di casa migliaia di Greci. Ma la defenestrazione è doppia: quasi sempre, chi viene lasciato fuori dalla propria abitazione risulta escluso anche dalla vita civile, con pochissime possibilità di rientrarvi. i senza fissa dimora non se la passavano bene nemmeno prima dell’inizio della bufera, ma una ricchezza più diffusa faceva sì che le relazioni sociali supplissero alle mancanze dello Stato. Chi perdeva il lavoro poteva sempre contare su un amico o un parente pronto ad aprire la porta. Ora che la disoccupazione è arrivata al 23% (sono dati ufficiali, ma c’è da temere che le cifre reali siano molto più alte, ndr), anche gli aiuti fra conoscenti sono più difficili.

Montaggio di Roberto Di Matteo