VUOI FARE UN'INCHIESTA? REALIZZALA CON NOI

A distanza di otto mesi dalla strage del Bataclan affiorano nuove inquietanti rivelazioni. Anche a Parigi, come a Dacca, il decesso di alcune delle ottantanove vittime – tra cui anche la ricercatrice italiana Chiara Solesin – potrebbe esser arrivato al termine di una vera e propria agonia.È quanto emerge dal rapporto ufficiale della Commission Fenech-Pietrasanta, organo parlamentare competente in materia di terrorismo islamico e prevenzione di nuovi attacchi, che parla di “torture abominevoli”. Le pagine del documento conclusivo dei lavori della Commissione, oltre ad aver rilevato scarsa coordinamento tra le forze d’intelligence e la necessità di riformare e semplificare i servizi segreti francesi, conterrebbero anche la verità nascosta su quel maledetto 13 novembre.Durante un’audizione, come riportato da Daily Mail, un poliziotto della brigade anti-criminalité (Bac), intervenuto sul luogo del massacro, ha parlato di “segni di tortura” sui corpi delle vittime. “Dopo la strage – ha raccontato il testimone in divisa – ero al passage Saint-Pierre-Amelot  (dove si trova il teatro Bataclan, ndr) con i colleghi quando ho visto uno di loro piangere e vomitare, mi ha raccontato quello che aveva visto al secondo piano del Bataclan”. Gli atti di crudeltà sarebbero quindi avvenuti al secondo piano della struttura, dove – secondo le ricostruzioni ufficiali di quella notte – si sono diretti i tre attentatori a caccia di ostaggi, allo scopo di filmare e diffondere video di propaganda che, però, non sono mai finiti in rete.A smentire le testimonianze è il prefetto di Parigi, Michel Cadot, secondo cui “sulla scena del crimine non è stata rinvenuta nessuna arma contundente”.

Secondo te perché la polizia ha coperto i terroristi?
Ma quella dell’agente della Bac non è l’unica testimonianza emersa dal dossier della Commissione. “Corpi decapitati”, “mutilazioni genitali” e “sventramenti” sono emersi dai racconti degli altri intervistati tra cui un padre che, chiamato a riconoscere il corpo ormai cadavere del figlio, ha definito il viso del giovane “irriconoscibile” perché “gli hanno perforato l’occhio destro e rimosso mezzo volto”.Le voci circa le presunte torture inflitte dal commando di fanatici ai fans degli Eagle of Death Metal non sono una novità. I primi sospetti, iniziati a circolare nell’immediato dopo Bataclan, erano stati archiviati dalla stampa mainstream come “fantasie”.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.