SEO PER IL GIORNALISMO ENTRA NELLA NEWSROOM ACADEMY
Terrorismo /

Il controllo dei flussi migratori è considerato, ad oggi, uno dei principali obiettivi della politica estera degli Stati europei. E per farlo, gli Stati dell’Unione europea, sia singolarmente che come organizzazione, hanno iniziato a impiegare non solo le loro armi politiche, ma anche quelle delle loro forze armate. L’Africa, negli anni, è diventata un crocevia di impegni militari. Operazioni di diversi livelli, da nazionali a internazionali, caratterizzano tutta la fascia sahariana e sub-sahariana. E non c’è Paese europeo che non abbia come interesse primario quello di intervenire nel continente africano per controllare o interrompere i flussi migratori.

La campagna contro l’immigrazione di massa sembra essere diventata quella che, fino ai primi anni del Duemila, è stata la guerra al terrorismo internazionale. Dopo l’attacco alle Torri Gemelle del 2001, gli Stati occidentali sono stati coinvolti nella guerra contro il terrore, inviando uomini e mezzi non solo in Asia centrale e Medio oriente, ma anche in Africa. Gli Stati Uniti, con Africom, sono coinvolti da anni nel colpire Libia, Somalia e diverse postazioni terroristiche negli Stati del Sahel. Ma se per gli Usa è stato importante il terrorismo come volano per il loro impegno militare in Africa, per altri Paesi la questione è diversa. E per l’Europa, il nodo immigrazione pesa sulle scelte di politica internazionale anche più del pericolo del terrorismo.

Ecco quindi che se per alcune potenze è il contrasto al terrore (soprattutto di matrice islamista) la chiave per spiegare l’intervento militare in vaste aree del modo, dal Medio Oriente all’Africa occidentale, per i Paesi europei sono le migrazioni di massa a essere essenziali per giustificare un intervento militare in aree apparentemente distanti.

L’Italia, in questo senso, è un esempio perfetto. Il nostro intervento al fianco delle forze occidentali nella lotta al terrorismo, soprattutto dopo il 2001, si è gradualmente trasformato in un supporto esterno. Mentre adesso, il vero obiettivo della politica estera di Roma non è più il terrore, ma fermare i flussi migratori che dall’Africa giungono sulle coste italiane passando per la Libia.

[Best_Wordpress_Gallery id=”1189″ gal_title=”Soldati in Africa”]

L’esempio della missione militare in Niger è cristallino: l’obiettivo principale dei nostri soldati sarà quello di supportare le forze nigerine nel contrasto al traffico di migranti che giungono in Italia attraverso i trafficanti libici. Il Niger è considerato il cuore del problema: ed è lì che l’Italia va ad intervenire.

Se l’immigrazione è il problema: è chiaro che con essa si intrecciano questioni d natura strategica di particolare rilevanza. Come per il terrorismo, e il suo contrasto, sconfiggere che è responsabile del traffico di uomini aiuta i Paesi europei a risolvere uno dei grandi problemi del nostro tempo.

Ma anche possedere le chiavi del controllo dell’immigrazione è, a sua volta, un obiettivo di natura strategica. Perché controllare i flussi non significa solo bloccarli, ma significa anche o modificare le rotte oppure entrare nella politica di un Paese costruendo una partnership sempre maggiore. E così, il sostegno al contrasto al terrorismo, logica con cui si è deciso di intervenire in Paesi mediorientali africani, oggi è sostituto gradualmente dalla lotta al traffico di esseri umani.

Ma gli obiettivi, o comunque i risultati, non sono del tutto differenti. In Niger, come in Libia, la lotta al traffico illegale di persone e il blocco al’immigrazione clandestina è di fatto una priorità strategica per i governi europei. Ma è anche uno strumento per aumentare la presenza militare in regioni non controllate o controllate da Paesi rivali. La sfida fra Italia e Francia per possedere il controllo di quelle rotte migratorie di fatto si è trasformata in una sfida politica per l’influenza su quel governo e i governi futuri. La Francia parte avvantaggiata: ma l’Italia ha lanciato il guanto di sfida per evitare che sia solo Parigi a detenere le chiavi di un Paese da cui nasce il flusso che poi giunge in Libia.

È difficile capire se l’immigrazione sia la causa o l’obiettivo di queste missioni. Ma è chiaro che siamo di fronte a una sfida mondiale come lo è stato e continua a essere il terrorismo. Anche in questo caso si parla di interventi miliari, di accordi fra paesi, di leadership e di blocchi. E, come per il terrorismo, ci sono Stati che decidono di assumere il controllo di queste nuove missioni spartendosi concretamente le proprie sfere d’influenza.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.