Sebbene il 2020 fosse stato annunciato come un anno di relativa crescita economica per Kiev, accompagnata dall’auspicio di una fase di distensione nel Donbass, il ritratto che l’Ucraina restituisce di sé non è affatto confortante. Città abbandonate a se stesse, strade fatiscenti, edifici pericolanti e infrastrutture inefficienti. Una sensazione generale secondo cui il paese stia precipitando in un baratro sociale ma soprattutto politico: quasi il 60% dei cittadini ucraini, secondo un sondaggio pubblicato dal Center for Social Monitoring e dall’Istituto ucraino di ricerca sociale Oleksandr Yaremenko, sostiene che il paese stia andando allo sbando, verso condizioni addirittura peggiori di quelle subite nell’era sovietica. Lo conferma la fotografia che Human Rights Watch ne ha realizzato: impunità totale per gli abusi relativi ai conflitti, provvedimenti per limitare la libertà di espressione e associazione, la violenza da parte di gruppi radicali che promuovono l’odio, minacce alle minoranze etniche, persone LGBT, attivisti e giornalisti.

Il peso del conflitto con la Russia sulla vite dei civili

Secondo la missione speciale di monitoraggio dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), sono centinaia e centinaia i feriti o uccisi a causa di bombardamenti e scontri a fuoco con armi leggere. Lì dove il conflitto non ha ucciso, ha danneggiato le case e le infrastrutture civili. Dal 2014, quasi un migliaio di strutture scolastiche sono state danneggiate durante il conflitto e altrettante usate per scopi militari. Pensionati, anziani, persone con disabilità sono soggetti a politiche discriminatorie che impongono di registrarsi come sfollati interni (IDP) e di mantenere la residenza in aree controllate dal governo per accedere alle loro pensioni. Le regole vietano loro di trascorrere più di 60 giorni consecutivi in ​​regioni armate controllate da gruppi o rischiano la sospensione delle loro pensioni. Le strutture di base e le infrastrutture sanitarie sono rimaste inadeguate, in particolare dalla parte controllata dai gruppi armati sostenuti dalla Russia nelle regioni di Donetsk e Luhansk. I cittadini ucraini con patologie gravi quali Aids, tubercolosi o cancro non riescono ad accedere a farmaci e a cure palliative, a ciò si aggiunge personale sanitario poco e male formato.

Violenza diffusa e restrizioni delle libertà civili

Sono centinaia nel paese i gruppi che incitano all’odio e alla discriminazione effettuando abitualmente attacchi violenti, minacce o intimidazioni nei confronti di rom, persone LGBT e attivisti per i diritti umani in diverse città ucraine. Nella maggior parte dei casi, la polizia non indaga nemmeno. Gruppi fomentatori di odio attaccano eventi per promuovere i diritti delle donne: episodi gravissimi si sono verificati a Kiev, Leopoli e Uzhgorod, mentre la polizia stava a guardare. Gruppi radicali formatisi nella capitale si lasciano andare a roghi, violenze sulle donne: le indagini vengono avviate ma le sanzioni penali quasi mai. Il clima di emergenza scaturito dal conflitto per la Crimea è stata una ghiotta occasione per restringere le libertà civili cercando di giustificarle citando la necessità di contrastare l’aggressione militare della Russia nell’Ucraina orientale e la propaganda anti-Ucraina. A ciò si aggiunge un’escalation di violenza contro i media che va dalle minacce e dalle intimidazioni alla limitazione dell’accesso dei giornalisti alle informazioni. I reporter che si impegnano per il boicottaggio della coscrizione come Ruslan Kotsaba vengono accusati di alto tradimento; tutti coloro i quali denunciano le condizioni in cui versa il paese vengono sollevati dai loro incarichi con l’accusa di diffondere disinformazione sull’Ucraina o di fare propaganda filorussa. Stessa sorte per chi denuncia l’establishment corrotto: nel novembre 2018, Kateryna Handzyuk, un’attivista anti corruzione, è morta a causa di ustioni inflitte in un attacco all’acido.

Ci sono stati più di 83 casi documentati di molestie nei confronti di attivisti pubblici registrati in Ucraina nel 2019, secondo il rapporto intitolato “Lo status di difensori dei diritti umani e attivisti pubblici in Ucraina nel 2019“, preparato dall’ Ukrainian Helsinki Human Rights Union. Secondo il rapporto, nel 2019 è stato commesso un omicidio di un attivista pubblico, 25 incidenti relativi ad attacchi fisici, 20 minacce con intimidazioni e altri mezzi di pressione, 11 attacchi che hanno provocato la distruzione e il danneggiamento di proprietà, 11 attacchi contro assemblee pacifiche; e ancora, azioni legali, detenzioni e indagini illegali, campagne per screditare gli attivisti. Secondo il rapporto, l’anno scorso sono stati registrati, inoltre, 22 casi di persecuzione di difensori dei diritti LGBT e della parità di genere. Circa 15 attivisti sono stati processati per attività anti corruzione, 14 aggressioni sono state commessi contro attivisti che si oppongono alla costruzione illegale, altrettante contro sostenitori della protezione dell’ambiente, dei diritti delle donne, della protezione dei diritti delle minoranze nazionali, delle persone sieropositive, condannate o sindacalizzate. Secondo lo studio, Kiev è diventata leader nel numero di incidenti nel 2019: a seguire, le regioni di Odessa, Kharkiv, Dnipropetrovsk.

Spopolamento e povertà diffusa

L’Ucraina è una nazione di emigranti. I giovani non restano qui a studiare e quelli che partono ambiscono a non tornare. Inoltre, i forti cambiamenti nel mercato del lavoro mondiale, secondo analisti ed esperti, provocheranno un deflusso ancora maggiore di ucraini all’estero. Non più solo in fuga verso Polonia, Ungheria, Italia, Repubblica Ceca e Paesi baltici, ma anche Germania, Francia, Belgio e nei paesi della Scandinavia. Fuggono gli imprenditori, gli specialisti fuggono dalla povertà del lavoro, gli uomini d’affari fuggono dalla crescente pressione fiscale e dall’arbitrarietà delle forze di sicurezza. La vera ragione è il deterioramento di tutte e tre le principali colonne del bilancio: commercio, investimenti in entrata e servizi. Basti pensare che nel III trimestre del 2019 lo stipendio nominale medio in Ucraina era di 382 euro. Oggi l’Ucraina è l’ultima nel potere d’acquisto dei cittadini tra 42 paesi europei (ad esempio, il reddito medio netto pro capite in Europa nel 2019 è stato di 14 739 euro, in Ucraina 1830 euro, 8 volte inferiore alla media europea). A soffrire maggiormente i pensionati, molti dei quali costretti a sopravvivere con poche decine di euro: i prezzi del gas per il popolo ucraino, ad esempio, sono aumentati di 10 volte dal 2014, mentre quattro ucraini in pensione su cinque ricevono una pensione inferiore a 3.000 grivna ($ 119) al mese.

Dalla povertà ai dritti umani passando per la guerra civile: tutte sfide che Zelensky si prepara ad accogliere, tra un Putin che avanza ed un’ Europa che osserva.