Facebook ha annunciato il lancio di Facebook News, una nuova sezione della piattaforma social che mostrerà agli utenti una selezione personalizzata di notizie, introdotta per “diffondere il giornalismo di qualità”. Come spiegano il vicepresidente Campbell Brown e la Product Manager Mona Sarantakos, Facebook news consentirà “alle persone un maggiore controllo sulle storie che vedono e la possibilità di esplorare una gamma più ampia dei loro interessi, direttamente dall’app di Facebook”. Come spiega l’annuncio della piattaforma social, l’intenzione di Mark Zuckerberg è quella di costruire “un prodotto in modo consultivo” condividendo “le idee e recependo gli input dal settore. Abbiamo dialogato con le testate giornalistiche di ciò che vorrebbero, come le loro storie dovrebbero essere presentate” e quali “analisi fornire”.

Facebook News è stato lanciato oggi negli Usa. “Il giornalismo è importante per la democrazia”, ha sottolineato il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg in un post, “ma Internet è stato dirompente per il tradizionale modello di business dei giornali, quindi credo che i principali servizi Internet abbiano oggi la responsabilità di collaborare con i media per costruire modelli sostenibili a lungo termine per finanziare questo importante lavoro. Spero che il nostro lavoro onori e sostenga il contributo che i giornalisti danno alla nostra società”, ha osservato.

Ecco come funziona Facebook News

La piattaforma social spiega il funzionamento della novità appena introdotta negli Usa. “Facebook News – si legge – presenterà una vasta gamma di contenuti in quattro categorie: notizie generali, di attualità, locali e altro. All’inizio dell’anno, abbiamo intervistato oltre 100.000 persone su Facebook negli Stati Uniti per capire a quali argomenti fossero maggiormente interessati e abbiamo scoperto che stavamo diffondendo molti dei temi cui le persone desideravano di più nei loro feed di notizie, specialmente in categorie come intrattenimento, salute, affari e sport. Abbiamo preso in considerazione questo aspetto quando abbiamo identificato gli editori in queste quattro categorie” spiega la società di Zuckerberg.

Come vengono identificati gli editori scelti da Facebook? “Devono attenersi alle linee guida per gli editori – spiegano Brown e Sarantakos – che includono una serie di criteri per determinare l’idoneità della testata, sulla base di verifiche svolte da terzi. Verificheremo continuamente l’integrità e l’idoneità degli editori per assicurarsi che i criteri di idoneità siano costantemente rispettati”. Gli articoli che appariranno in Facebook News saranno scelti da un team di giornalisti. “Questa squadra è indipendente, libera dall’intervento editoriale di chiunque all’interno dell’azienda”, ha affermato Facebook. “Selezioneranno le storie in base alle linee guida”.

Da dove nasce l’idea

Facebook è stato accusato dal partito democratico americano di diffondere falsi annunci e di non contrastare sufficientemente le “fake news”. Davanti alla commissione servizi finanziari della Camera americana, Mark Zuckerberg è stato oggetto di un durissimo attacco da parte della giovane deputata Alexandria Ocasio-Cortez. “Mister Zuckerberg, lei sapeva di Cambridge Analytica?” ha chiesto Ocasio-Cortez. Come riporta IlSole24Ore, la più giovane congresswoman a Washington ha incalzato un quasi balbettante Zuckerberg sulle pubblicità dei politici e le dichiarazioni dei politici. “Quindi non eliminerete le bugie o eliminerete le bugie? Penso che sia solo un sì o no piuttosto semplice” ha chiesto la Ocasio-Cortez a Zuck.

“Voglio sapere fino a dove ci potremo spingere il prossimo anno: per esempio secondo le vostre regole, usando i dati del censimento, nel 2020 io politica posso pagare per mandare un messaggio specifico per esempio ai codici postali dove vivono i neri e pubblicizzare una data elettorale sbagliata?” ha incalzato Ocasio-Cortez. Ma l’obiettivo vero dei dem è un altro: limitare il “free speech”, anche sui social.