SEO PER IL GIORNALISMO ENTRA NELLA NEWSROOM ACADEMY

Lavrentij Berija, il “boia” di Stalin

Tra le figure pi√Ļ interessanti della storia, complessa e tutt’altro che lineare, dell’Unione Sovietica¬†spicca per enigmaticit√† quella di Lavrentij Berija (1899-1953), capo della polizia segreta dell’Unione Sovietica sotto Stalin e Primo Vicepresidente del Consiglio dei ministri dell’Unione Sovietica per un breve periodo nel 1953. Un uomo ritenuto come l’anima nera, il¬†deus ex machina¬†delle repressioni pi√Ļ dure della dittatura staliniana, se non addirittura l’istigatore di molte delle paranoie che portarono l’ex braccio destro di¬†Lenin¬†a incentivare cicliche fasi di purghe e deportazioni di massa. Tanto odiato dallo stesso apparato del Partito Comunista dell’Unione Sovietica da finire da esso liquidato poco dopo la morte di Stalin. Ma le cose stanno davvero cos√¨? Berija, “boia” di Stalin, fu l’eminenza grigia della dittatura o ne fu un ingranaggio e, a conti fatti, l’ultima vittima come capro espiatorio di Stalin? La risposta tuttora divide gli storici e va analizzata comprendendo meglio la vita di Berija.

Nato in Abcasia, regione della Georgia, nel 1899 e dunque conterraneo dello stesso Stalin¬†Berija¬†trascorse, fino alla Rivoluzione bolscevica del 1917, una giovent√Ļ da studente nella sua terra natale. Con l’insurrezione di Lenin Berija entr√≤ a far parte dapprima dell’Armata Rossa e, durante la guerra civile contro i controrivoluzionari, nella Ceka (Commissione Straordinaria di tutte le Russie, per Combattere la Controrivoluzione e il Sabotaggio), di cui fu membro dal 1920 contribuendo a guidare la repressione delle forze anticomuniste nella sua terra natale. Fu in questo contesto che avvene il primo, importante contatto con Stalin.

Berija mantenne per tutta l’esistenza un legame forte con la sua terra, molto maggiore di quello di Stalin che fu sicuramente meno amato del suo futuro braccio destro in Georgia, tanto da arrivare a giocare da calciatore una stagione intera, quella 1925-1926, con la maglia della¬†Dinamo Tibilisi, club¬†destinato a segnare la storia dello sport della piccola repubblica caucasica. Nel frattempo, Berija si era fatto strada dentro le forze segrete sovietiche: vicecomandante della Ceka in Georgia dopo la repressione dei menscevichi a soli ventitr√© anni, nel 1924 segu√¨ Stalin nella sua corsa al potere, guid√≤ la repressione dei sommovimenti nazionalistici a Tbilisi, fu nominato membro di vertice dell’Ogpu, l’erede della Ceka, in Transcaucasia,¬†guidandone la sezione georgiana dal 1926.

 

Negli anni Trenta, dopo che Stalin si era liberato dei vecchi comunisti georgiani, Berija guid√≤ la repubblica caucasica. ‚ÄúBerija non aveva valori, era sempre pronto a scaricare ideologie o relazioni personali, e a Stalin questo piaceva di lui‚ÄĚ, ha scritto lo storico Lev Lurie. Ciononostante, i risultati amministrativi premiarono un indubbia capacit√† organizzativa che, come vedremo, torner√† utile a Berija in campi ben pi√Ļ ambigui in futuro: la Georgia si svilupp√≤ come potenza agricola interna all’Urss, produsse quantit√† ingenti di vino, th√©, agrumi, conobbe una fase di sviluppo economico nella fase in cui il resto dell’Unione Sovietica era percorso dai problemi della de-kulakizzazione e dalla guerra dello Stato ai contadini renitenti alla collettivizzazione, che sarebbero sfociati nella grande carestia ucraina¬†indotta dal potere sovietico.

Lavoratore instancabile, cacciatore di tracce e indizi su potenziali sospetti, crudele nella repressione del dissenso antisovietico, fedelissimo a Stalin che ne apprezz√≤ molto la capacit√† di lavorare nell’ombra senza manifestare ambizioni palesi Berija divenne presto insostituibile per il leader sovietico e ne rappresent√≤ il proconsole nella sua terra natale. Nel processo di avvicinamento al Grande Terrore, con l’inizio delle purghe di Stalin nel 1934 Berija le promosse nella sua regione di pertinenza, aprendosi la porta a un ruolo decisivo su scala nazionale.

“Lasciate che i nostri nemici sappiano che chiunque tenti di sollevare una mano contro il nostro popolo, contro il volere del partito di¬†Lenin¬†e Stalin, verr√† schiacciato e distrutto senza piet√†”. Cos√¨ nel 1937 parlava Berija mentre il potere sovietico si abbatteva inesorabilmente contro i suoi nemici.

Ciononostante, per il cinico Berija ogni tipo di repressione doveva, a suo avviso, avere una giustificazione politica. Amorale e molto diretto, conoscitore della macchina dello Stato, Berija si accorse che il fiume di sangue fatto scorrere da Stalin e dalla polizia segreta, ribattezata Nkvd, tra il 1937 e il 1938 rischiava di aprire varchi incolmabili in diverse strutture del partito e delle forze armate, come del resto sarebbe apparso chiaro con le disfatte nella prima fase della Seconda guerra mondiale durante l’invasione della Finlandia e l’attacco tedesco all’Urss. La repressione andava fermata per razionalizzarla e portarla in forma pi√Ļ sistemica, sosteneva Berija quando dopo la caduta di¬†Nikolaj Ezov, suo predecessore¬†(giustiziato nel 1940) prese il possesso dell’Nkvd nel 1938.

La truppa dell’Nkvd fu epurata, con met√† del personale che venne rimosso e rimpiazzato con elementi leali a Berija, molti dei quali provenienti dal Caucaso e, ricorda¬†Russia Beyond the Headlines,¬†“nel 1938 (l‚Äôultimo anno del mandato di Ezhov come capo dell‚ÄôNkvd), nell‚ÄôUrss furono condannate a morte 328.000 persone; nel 1939, con Berija in carica, la cifra scese a 2.600”.

Meno violenza, pi√Ļ repressione: Berija inizi√≤ a organizzare per conto di Stalin un tipo diverso di controllo sull’opposizione, che pass√≤ dalla pura e semplice repressione politica all’avvio delle prime politiche di contenimento di¬†gruppi etnici ritenuti ostili¬†perch√© ritenuti quinte colonne di potenze straniere. Inoltre, attraverso Berija, Stalin chiedeva dossier su tutti i suoi plenipotenziari al fine di alimentare contrasti interni tra loro e non farne crescere mai uno rispetto ad un altro.

Nel 1941 Berija divenne Commissario Generale per la Sicurezza di Stato, un alto grado di stampo militare, nella gerarchia della polizia sovietica dell’epoca: gi√† da tempo si era distinto per operazioni che per l’Urss avevano carattere strategico nell’imposizione del suo dominio. Tra questi si segnala uno degli atti pi√Ļ brutali del secondo conflitto mondiale, l’eccidio di Katyn risoltosi nell’esecuzione di massa di circa 14.500¬†ufficiali polacchi catturati nel 1939¬†per decapitare la classe dirigente post-bellica del Paese. L’Nkvd di Berija gest√¨ e organizz√≤ questo massacro nella primavera del 1940. Come ha ricordato¬†Riccardo Luciani,¬†autore della biografia di Berija (Il Boia di Stalin) pubblicato da Idrovolante, “durante il periodo bellico e nella successiva liberazione dei territori dall‚Äôoccupazione nazista, Berija fece deportare, numerosi gruppi etnici presenti considerati ‚Äúcollaborazionisti‚ÄĚ tra cui i Calmucchi, i Ceceni, gli Ingusci, i Caraciai, i Balcari e i Tatari” contribuendo al consolidamento in senso etno-nazionalista dell’Unione Sovietica. Si stima che decine di migliaia di persone persero la vita in questo processo che coinvolse oltre mezzo milione di uomini, donne e bambini.

Con Berija al timone, inoltre, i¬†campi di lavoro forzato¬†si riempirono e lo sfruttamento della manodopera ottenuta in questo modo ai fini dello sforzo bellico si moltiplic√≤. Berija fu inoltre responsabile dell’organizzazione di un poderoso programma di spionaggio: quando tra il 1944 e il 1945 si seppe che gli Stati Uniti stavano lavorando alla bomba all’uranio, Berija ottenne che gli fosse affidato il compito di dirigere lo spionaggio e la ricerca in materia. Il risultato fu un contributo decisivo nella corsa sovietica all’atomica che avrebbe avuto successo nel 1949 con il primo test delle forze armate di Mosca. Su ordine di Stalin, Berija mise in piedi una gigantesca organizzazione per la ricerca nucleare, il cosiddetto Goskomitet n. 1, che garant√¨ l’approvvigionamento segreto di materiale, impianti, servizi logistici e il reclutamento del personale nelle varie citt√† di ricerca sparse per l’Unione.

Guidato da un rapporto di fedelt√† con Stalin paragonabile a quello avuto da Heinrich Himmler con Adolf Hitler, ma meno abbagliato rispetto al gerarca nazista dall’ascendente del suo capo, leale all’idea brutale di gestione del potere incarnata dal dittatore georgiano,¬†Berija fece carriera¬†dopo i “servizi” della seconda guerra mondiale.

Nel 1946 entr√≤ nel Comitato Centrale del Pcus e fu promosso al ruolo di vice primo ministro, numero due di Stalin, con delega alla sicurezza nazionale. Su ordine di Stalin, gest√¨ la repressione delle forze anticomunsite nei Paesi esteuropei occupati dall’Armata Rossa nella guerra all’Asse, la formazione delle polizie segrete dell’Est, l’epurazione dei marxisti non ortodossi, come il vicepremier ceco¬†Rudolf Slansky (impiccato nel 1952) e port√≤ avanti l’ultima, grande campagna di epurazione della sua carriera. Stiamo parlando delle investigazioni sul presunto complotto dei medici ebrei¬†che tra il 1948 e il 1952 culminarono nell’arresto e nell’esecuzione di 2mila persone accusate di complottare per favorire la morte di Stalin, tra cui il capo del partito a Leningrado P√ętr Popkov e il primo ministro della Repubblica russa, Michail Rodionov.

L’organicit√† di Berija al partito di Stalin lo pose ai primi posti per la successione al dittatore dopo la sua morte nel marzo 1953. Nella primavera del 1953, nominato vice dal premier¬†Georgij Malenkov,¬†alleato e fedelissimo di Stalin, form√≤ con questi un’alleanza per contrastare il Ministro degli Esteri Molotov e Nikita Chruschev e consolidare l’eredit√† di Stalin ai vertici dello Stato, centralizzando la burocrazia e dando via a cosmetiche riforme nella gestione del dissenso per conquistarsi un ascendente nelle varie branche dello Stato. La liberazione di un milione di prigionieri dei gulag e la messa al bando della tortura nelle carceri sovietiche mostrarono, a loro modo, la spietatezza dei metodi utilizzati in precedenza; Berija era per√≤ troppo legato al passato per non finire travolto da un contesto che remava per il superamento dell’eredit√† di Stalin e del suo metodo paranoico e brutale di gestione del potere.

Berija fu accusato da Molotov e Chruschev di voler, in particolar modo, cercare una sintonia con l’Occidente dopo che nel giugno 1953 violentissime proteste scoppiarono a Berlino Est contro il regime della Repubblica Democratica Tedesca. In una riunione del Praesidium del Soviet Supremo del 25 giugno, fu sferrata a Berija l’accusa di¬†spionaggio a favore del Regno Unito e delle potenze occidentali. Quindi, nella riunione Berija fu destituito e al termine della seduta arrestato con l’assenso di Malenkov, che aveva lasciato strada al partito riformista vincitore del braccio di ferro. La¬†Pravda¬†annunci√≤ l’arresto di Berija solo il 10 luglio, dandone il merito a Malenkov e facendo riferimento alle “attivit√† criminali contro il Partito e lo Stato” da parte di Berija che, nel dicembre successivo, fu processato per direttissima da una corte marziale e¬†fucilato il 23 dicembre 1953. Organico totalmente allo stalinismo, Berija rappresent√≤ a tal punto la continuit√† con il dittatore da rappresentare il vero ostacolo da togliere di mezzo per organizzare la transizione. La sua caduta fu tanto rapida quanto era stata la sua ascesa nei venticinque anni precedenti: e questa sua incapacit√† di durare a lungo senza Stalin sembra confermare come l’architetto dei peggiori crimini del regime ne sia stato, in fin dei conti, la prima e ultima vittima, essendo stato l’unico esponente a pagare sulla propria pelle le conseguenze di uno zelo repressivo che Berija aveva, anno dopo anno, alimentato con forza.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l‚Äôarticolo che hai appena letto ti √® piaciuto, domandati: se non l‚Äôavessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualit√† in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo √® tutt‚Äôaltro che ‚Äúa buon mercato‚ÄĚ. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.