Ecco chi sono i Patriot Prayer

Il nome dei Patriot Prayer è salito all’onore delle cronache per via dei violenti scontri a Portland con i manifestanti Antifa e Black Lives Matter che hanno portato alla morte, lo scorso 31 agosto, di un sostenitore del presidente Usa Donald Trump. Come riportato da Fox News, Patriot Prayer è la creazione dell’attivista conservatore ed ex candidato al Senato di Washington Joey Gibson. L’uomo che è stato ucciso a colpi di arma da fuoco a Portland nella schermaglia con i manifestanti Black Lives Matter era un sostenitore di Patriot Prayer, gruppo che non ha grande importanza a livello nazionale ma che è ben noto nel Pacifico nord-occidentale. La vittima della sparatoria è stata identificata da Gibson come Aaron “Jay” Danielson, di Portland, soprannominato Jay Bishop.

Come sottolinea il Corriere della Sera, Patriot Prayer è un’organizzazione ultra-conservatrice fondata nel 2016 dal trentaseienne Joey Gibson per sostenere Donald Trump e “liberare i conservatori della Costa Ovest”. È spesso presentato come un gruppo nato a Portland, in Oregon, dove è molto attivo. In realtà è originario di Vancouver, nello stato di Washington, lo stesso da cui proviene il suo fondatore. Marcatamente anti-cinese e anti-islamica, Patriot Prayer è un’organizzazione anti-statale: le bandiere presenti alle loro manifestazioni sono quelle di Gadsden, con il vessillo che ritrae il celebre serpente a sonagli su sfondo giallo e la scritta Don’t tread on me, associata al libertarismo di destra.

 

Gibson rifiuta con veemenza l’etichetta di “suprematisti bianchi” che molti affibbiano al suo gruppo. “Fanculo i suprematisti bianchi! Fanculo i neonazisti!”, ha detto a un raduno dell’agosto 2017 che ha organizzato a Seattle. “Non mi serve questo tipo di pensiero. È sbagliato”. “Sono giapponese”, ha poi dichiarato a Fox News  a margine di una manifestazione tenutasi a San Francisco nell’agosto 2017 . “Abbiamo tre oratori neri, una coppia ispanica, un ateo, un transessuale. Siamo estremamente diversi. È davvero irresponsabile per i leader definirmi un suprematista bianco. È completamente infondato”.

“Abbiamo così tante persone che stanno lavorando a sangue freddo nella costa occidentale per difendere la libertà di parola in alcune delle città più oscure e intolleranti degli Stati Uniti d’America” ha sottolineato nel corso di una manifestazione del settembre 2017 a Washington, a sostegno di Donald Trump. E ancora: “Ci sono così tante cose in questo Paese e in questo momento da sistemare, dobbiamo svegliarci. Troppi di noi stanno dormendo”. Nonostante le dichiarazioni del leader, nel gruppo di sono infiltrati anche personaggi riconducibili ai suprematisti bianchi o all’estremismo di destra, in generale.

Come riporta il sito ufficiale dell’organizzazione, Joey Gibson si proclama “un sostenitore della libertà” che crede “sia imperativo per i seguaci di Cristo portare la Chiesa nelle strade, nei consigli comunali, al campidoglio, nei tribunali o ovunque vediamo ingiustizie correre incontrastate”, compresa “Hong Kong,” . Gibson crede che “rimanere in silenzio significhi esprimere consenso” e vive secondo il motto “la ribellione ai tiranni è obbedienza a Dio “. Secondo il sito web di Patriot Prayer, il suo fondatore “ha viaggiato per il Paese tenendo discorsi e supplicando patrioti e credenti di difendersi ora perché crede che questa sia “l’ultima possibilità”. Gibson, inoltre, “ha organizzato dozzine di marce e manifestazioni a sostegno della libertà di parola, dei diritti sulle armi, per la libertà sanitaria” . Ha partecipato “a numerose campagne a livello comunale fino al livello federale e gestisce le pubbliche relazioni per diversi sostenitori che lottano per la libertà”. 

 

Come sottolinea il Correre della Sera, secondo Sergio Olmos, giornalista americano che ha dedicato mesi di studio ai Patriot Prayer, il gruppo ha spesso tenuto stretti legami con la polizia malgrado fosse noto che i suprematisti bianchi frequentavano i suoi raduni. Nel 2019, ci furono centinaia di messaggini telefonici scambiati tra la polizia di Portalnd e Gibson che mostrarono come insieme si coordinassero durante le proteste, anche con “dritte” per evitare di essere arrestati. Un indagine interna valutò infine che non c’era nessuna azione sbagliata da parte degli agenti che si erano scambiati messaggi amicali con Gibson.

Secondo Vegas Tenold, ricercatore investigativo per il Center on Extremism dell’Anti-Defamation League’s Center, quella dei Patriot Prayer “è un’ideologia è estremamente vaga. Sono cristiani, a favore del Primo emendamento. Questa è l’unica cosa certa”, ha spiegato Tenold a Insider. “Ci sono molti membri che militano anche nei Proud Boys”.”Ci sono molte persone che erano con Joey Gibson che ora sono con i Proud Boys, e penso che viceversa”, ha detto. Ma a differenza di Patriot Prayer, i Proud Boys vantano gruppi locali in tutto il Paese che operano – per la maggior parte – indipendentemente l’uno dall’altro, ha psservato Tenold. Patriot Prayer è un gruppo regionale molto più piccolo. I membri dell’organizzazione di Gibson partecipano alla maggior parte delle grandi manifestazioni dell’alt-right e spesso si scontrano con gli Antifa, gli estremisti della sinistra radicale Usa.

Joey Gibson vive a Vancouver, Washington, e ha definito Portland “disgustosa” e piena di “così tanta oscurità”. Ha invitato i membri del suo gruppo e i suoi sostenitori ad essere armati durante i raduni: “Tutti dovrebbero portare sempre con sé armi, specialmente le persone nella nostra situazione”. Secondo Fox News, Il gruppo si è radicato a Portland nell’estate del 2017, quando Gibson ha organizzato una grande manifestazione in città meno di una settimana dopo che un suprematista bianco ha pugnalato a morte due uomini che erano corsi in difesa di due adolescenti neri su un treno.

L’imputato, Jeremy Christian, condannato a due ergastoli consecutivi all’inizio di quest’anno, aveva partecipato a una manifestazione dei Patriot Prayer  diversi mesi prima, sebbene fosse stato espulso dagli organizzatori per aver mostrato simpatie naziste. Patriot Prayer ha tenuto diverse altre marce e manifestazioni a Portland nel 2017 e nel 2018 e Gibson è stato arrestato la scorsa estate per disordini scoppiati tra i sostenitori del gruppo e gli attivisti di sinistra in un pub dopo una manifestazione. 
È un momento difficile
STIAMO INSIEME