VUOI FARE UN'INCHIESTA? REALIZZALA CON NOI

Chi è Rishi Sunak

Nella corsa alla leadership del Partito Conservatore e del governo britannico Rishi Sunak è arrivato, assieme al Ministro degli Esteri Liz Truss, al round conclusivo. Quando il 5 settembre sarà reso noto il nome del vincitore della contesa tra gli iscritti per determinare quello che diverrà il terzo premier di fila scelto in questa contesa interna nei dodici anni consecutivi di leadership Tory sul Paese, uno dei due papabili per l’investitura è proprio il 42enne nativo di Southampton, discendente di una famiglia di cittadini britannici di etnia indiana e nata in Africa Orientale e non a caso tra i massimi promotori della strategia ambiziosa della Global Britain nel governo dell’uomo di cui è stato prima fedele alleato e poi uno degli “assassini” politici: Boris Johnson.

È vegetariano, astemio, molto riservato e nonostante abbia un profilo pubblico decisamente sobrio, negli ultimi mesi, è diventato uno dei politici più popolari del Regno Unito. Ha tanti soprannomi, tra cui il marajà dello Yorkshire o semplicemente “Rish”, come lo chiamano gli amici. Sunak, dal 13 febbraio 2020 al 5 luglio 2022 Cancelliere dello scacchiere del governo di Boris Johnson (termine che indica chi guida il ministero delle Finanze), è diventato uno dei volti più riconoscibili del Partito Conservatore britannico, soprattutto dopo la diffusione della pandemia.

Nei due anni della pandemia in tanti hanno elogiato la sua gestione della crisi economica generata dal Covid-19, riponendo in lui grande fiducia e intravedendo un possibile futuro candidato alla premiership, obiettivo a cui Sunak ha del resto dichiarato esplicitamente di ambire.

Rishi Sunak è nato a Southampton il 12 maggio del 1980. I suoi genitori, nati in Kenya e in Tanzania ma trasferiti nel Regno Unito negli anni Sessanta, hanno entrambi origini indiane. E nonostante Sunak stesso tenga particolarmente alla provenienza della sua famiglia, ha chiarito in più di una circostanza di sentirsi completamente britannico.

Nel Regno Unito, infatti, non è soltanto cresciuto, ma ha compiuto i suoi studi e soprattutto la sua carriera politica. Formatosi prima al prestigioso Winchester College (dove da studente ricoprì diversi ruoli di coordinamento), proseguì la sua istruzione a Oxford e poi a Stanford, coltivando una certa predilezione per i numeri. Che gli hanno sempre portato fortuna, in effetti: dopo la laurea, infatti, Sunak ha lavorato a lungo nel ramo finanziario, con un incarico alla Goldman Sachs, e in seguito in altri fondi speculativi.

All’università, in California,ha incontrato Akshata Murthy, divenuta sua moglie nel 2009 (da cui ha avuto due bambine), che è anche la figlia del sesto uomo più ricco d’India, la proprietaria di un’azienda di moda e capo di un fondo di investimenti. Della sua vita privata (che non ama raccontare ai giornali), gli inglesi non sanno molto e fino alla sua affermazione pubblica dello scorso febbraio non tutti erano a conoscenza della sua storia. Ma se c’è una cosa che tutti sanno è che è induista e che da ministro ha giurato sui testi sacri indù.

Da sempre conservatore, Sunak si è candidato per la prima volta nel 2015, nel collegio di Richmond, ed è stato eletto alla Camera dei Comuni. Nel gennaio del 2018, dopo essere stato rieletto parlamentare, è stato nominato sottosegretario parlamentare per il Governo locale. Ma la “scalata” è durata relativamente poco visto che, soltanto due anni dopo, gli è stato affidato il ministero dell’Economia (dopo che Johnson ha sostituito Sajid Javid).

Favorevole alla Brexit ma più orientato verso toni concilianti e di dialogo, Sunak è stato percepito all’inizio come un politico timido, un po’ inesperto, educato, ma molto competente. Ha mediato tra spirito tecnocratico, reminiscenze conservatrici e visioni politiche di prospettiva un’agenda che Johnson, al governo, ha scelto di affidargli, fondata su un superamento dell’austerità finanziaria a lungo perorata da David Cameron e Theresa May.

Ritenuto più coraggioso del previsto, il ministro delle Finanze, nelle prime fasi della pandemia, ha mantenuto un atteggiamento particolarmente “comprensivo” e sicuramente più empatico. E se all’inizio, le misure prese erano sembrate a tutti facilmente accessibili, nelle ultime settimane Sunak ha annunciato che cercherà di mantenere i conti dello Stato in ordine, nonostante la spesa pubblica sia aumentata proprio in seguito alla crisi provocata dal Covid-19.

A capo del dicastero economico, Sunak ci è arrivato in un momento storico unico, dovuto sia all’emergenza sanitaria, sia all’acuirsi della crisi economica. Dal suo insediamento, il ministro ha disposto misure straordinarie e aiuti a lavoratori e attività commerciali per tamponare una delle situazioni più gravi (e impreviste) degli ultimi decenni.

Il progetto di cui si è parlato di più si chiama “Eat Out to Help Out”, pensato per agevolare gli esercenti, che incentiva i cittadini a consumare pranzi e cene fuori casa. Il piano, che tradotto significa letteralmente “mangia fuori casa per essere d’aiuto”, consisteva in uno sconto del 50% su cibo o bevande analcoliche (fino a un massimo di 10 sterline di sconto per cena) per chiunque comprasse nei locali che decidevano di aderire all’iniziativa.

Successivamente, i proprietari di ristoranti, bar, pub o caffè che accettavano di partecipare al progetto avrebbero potuto richiedere un rimborso al governo per le offerte concesse. In Inghilterra, il progetto di Sunak è conosciuto anche con il nome ufficioso di “Rishi Dishes” e come riportato da Il Post,  il suo operato sarebbe stato elogiato (e sponsorizzato) anche dalla catena britannica di locali JD Wetherspoon.

In un discorso tenuto al congresso del suo partito, Sunak avrebbe detto di avere “il sacro dovere di mantenere i conti pubblici in ordine”. Una specie di missione. E se aveva annunciato di utilizzare “il potere dello Stato britannico” per aiutare “senza sosta” i disoccupati a trovare un impiego e le imprese, ha dovuto anche chiarire che spesa pubblica e debito dovranno necessariamente essere mantenuti sotto controllo nel medio termine, perché non si potranno prendere in prestito tutte le risorse necessarie a uscire dalla crisi. A fine 2020 molti analisti hanno iniziato a ipotizzare un innalzamento (necessario) delle tasse (già il piano d’aiuto al reddito dei lavoratori introdotto in primavere è stato sostituito con fondi più contenuti).

In risposta, il 12 ottobre 2020, in conferenza stampa con Johnson, Sunak ha presentato una nuova ricetta di aiuti (che dovrebbe restare in vigore sei mesi) alle aziende che saranno penalizzate dalle nuove restrizioni anti-covid e ha garantito che “il programma di sostegno al lavoro proteggerà i posti, indipendentemente dal fatto che l’attività rimanga aperta o sia costretta alla chiusura”. E ha aggiunto: “Se l’attività può aprire in sicurezza ma con una domanda ridotta o incerta, il governo sovvenzionerà direttamente i salari delle persone per riportarle al lavoro con orari più brevi, anziché licenziarli. Le imprese costrette a chiudere avranno due terzi dei salari coperti dal governo”.

L’ascesa pubblica e politica di Sunak, favorita in un certo dallo strano momento storico in cui si è trovato a lavorare, ha spinto l’opinione pubblica a intravedere in lui un nuovo leader.

Diametralmente opposto alla figura di Boris Johnson, con cui però condivide le idee politiche (anche se declinate spesso in soluzioni diverse), il ministro dell’Economia è parso tutto fuorché un anonimo funzionario del governo. Soprattutto all’inizio, per essersi distinto a favore di scelte votate a una forma di empatia (che quasi mai in Gran Bretagna viene associata ai conservatori britannici). E forse non è un caso che il 13 ottobre 2020, il New York Times abbia dedicato un articolo a questa fase della politica inglese, titolandolo: “While Boris Johnson Sinks, Rishi Sunak is on the Rise” (che significa “Mentre Boris Johnson affonda, Rishi Sunak sale”), sottolineando “l’educazione” e l’adeguatezza del ministro poco più che 40enne.

A fine 2021 l’inizio della crisi energetica ha messo Sunak in trincea, assieme al rincaro dell’inflazione per surriscaldamento dell’economia, portandolo a dover mediare tra la necessità di sostentare redditi e bilanci famigliari sempre più sotto stress e i cordoni di una borsa sempre più allentati. Nel 2022 il Regno Unito si è avvicinato alla recessione e ha visto i tassi di inflazione volare. Sunak ha persuaso Johnson a promuovere una tassazione del 25%, capace di portare in dote 5 miliardi di sterline, sugli extraprofitti delle imprese energetiche per finanziare politiche di bilanciamento e equalizzazione sociale e manovre anti-inflazione di ampio respiro. A Tutto Mondo le ha ben analizzate: su iniziativa di Sunak “da ottobre 2022 infatti, le famiglie britanniche potranno godere di una sovvenzione che andrà a ridurre di 400 sterline il costo delle bollette energetiche. Inoltre, più di 8 milioni di famiglie a basso reddito che beneficiano del Credito Universale, del credito d’imposta e di quello pensionistico, riceveranno un sussidio di 650 sterline. I cittadini che invece beneficiano già dei sussidi di invalidità riceveranno ulteriori 150 sterline nel mese di settembre. In vista della stagione invernale poi, le famiglie con almeno un componente in età pensionabile che ricevono il Winter Fuel Payment (ovvero il sussidio per il pagamento del combustibile per il riscaldamento invernale), beneficeranno di un extra di 300 sterline tra novembre e dicembre”.

In quest’ottica Sunak è cresciuto notevolmente in popolarità tra gli elettori, arrivando a un 26% di gradimento sull’intero complesso dell’elettorato britannico (contro il 21% di Liz Truss) e risultando inoltre il politico più gradito tra i giovani britannici. Da più parti gli elettori del 2019 che hanno premiato il Partito Conservatore lo hanno indicato come il preferito per un’eventuale sostituzione di Boris Johnson fin dai primi mesi del 2022. Anche per questo, Sunak ha colto, a un certo punto, al balzo la palla della caduta di popolarità di un premier travolto da scandali di medio e piccolo cabotaggio, come il Partygate, che hanno rotto il vincolo fiduciario tra Downing Street e le istituzioni del Partito Conservatore. Il 5 luglio 2022, annunciando assieme a Javid le dimissioni dal governo, ha innescato la valanga che ha fatto cadere, pochi giorni dopo, l’esecutivo.

Sunak si è presentato ai nastri di partenza della corsa alla successione di Johnson, arrivando agevolmente alla sfida finale con il Ministro degli Esteri Liz Truss dopo la scrematura dei candidati legata al voto del gruppo parlamentare. Lo sganciamento da Johnson di uno dei suoi delfini e fedelissimi gli ha però attratto addosso l’ira di parte dei sostenitori duri e puri del premier, che hanno indicato in Sunak, uomo con proposte di politiche molto simili a quelle di BoJo, un traditore mosso solo da fini personali. Per questo, ad oggi, i sondaggi lo danno arrancante contro la Truss, thatcheriana ed anti-Brexit in passato spinta però dal compattamento dei johnsoniani a suo favore. Per rimontare, in vista della sfida decisiva che avrà il suo esito finale il 5 settembre, Sunak punta sulla sua arma migliore: l’ostentata competenza nei temi fiscali, economici e gestionali che preoccupano molto la base elettorale conservatrice. Da cui prova a costruire la sua personale rimonta per poter diventare il primo premier di origine indiana della storia britannica.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.