SEO PER IL GIORNALISMO ENTRA NELLA NEWSROOM ACADEMY

Che cos’√® il Partito Laburista britannico

Il¬†Partito Laburista¬†√®, assieme al suo storico rivale, il Partito Conservatore, uno dei due perni del sistema politico britannico e nell’ultimo secolo ha strutturato con la formazione egemone della destra britannica un bipolarismo decisamente stabile, che prosegue senza soluzione di continuit√† dalla fine della Seconda guerra mondiale ad oggi. Nato come partito a trazione socialista, il Labor Party¬†si √® pi√Ļ volte spostato tra fasi caratterizzate da un’apertura socialdemocratica e centrista e altre connotate da un maggiore radicalismo.

Partito operaio¬†figlio della Rivoluzione industriale e esponente di una sinistra moderna nata in tutta Europa con la crescita del settore secondario e, con esso, delle rivendicazioni sociali e politiche di pi√Ļ ampio respiro, il Partito Laburista come lo conosciamo oggi fu fondato nel 1900 dal sindacalista e attivista Ramsay MacDonald.

La formazione, fin dall’inizio, non prevedeva un’affiliazione a livello nazionale ma nacque come sommatoria tra sindacati affiliati, sezioni locali e associazioni amiche, tra cui spiccava la¬†Fabian Society,¬†la quale si proponeva come scopo istituzionale l’elevazione delle classi lavoratrici, per renderle idonee ad assumere il controllo dei mezzi di produzione. Ancora oggi, curiosamente, questo processo passante per l’ingresso alle organizzazioni collaterali √® l’unico possibile per entrare a far parte del partito.

Per i primi sessant’anni della sua storia il Labor Party fu concentrato sulla difesa della classe operaia, su un’agenda politica a trazione radicale, sulla volont√† di promuovere un’intensa agenda sociale:¬†prima della Grande Guerra, facendo sponda con i Liberali per mettere in minoranza i Conservatori; tra le due guerre, soppiantando gradualmente i primi come principale forza di opposizione ai Tories e conquistando consensi stabilmente sopra il 20%; infine, dopo la grande coalizione bellica guidata da Winston Churchill, promuovendo un’agenda keynesiana sotto la guida di Clement Attlee.

La rivoluzione thatcheriana, tra gli Anni Settanta e Ottanta, espugn√≤ anche il Labor Party che, con Tony Blair avrebbe poi cambiato notevolmente le proprie prospettive aprendosi al vento nuovo della¬†rivoluzione neoliberista e sdoganandola anche a sinistra;¬†all’opposizione dal 2010, infine, nel nuovo millennio il Partito Laburista √® incerto tra la presenza al suo interno di un’ala radicale, che ha visto in Jeremy Corbyn il suo faro, sull’atteggiamento da tenere con i Conservatori mentre questi strutturavano la Brexit e, infine, sul dilemma tra vecchi e nuove radici nella formazione politica. A differenza di quanto avviene per altri esponenti della sinistra europea, il voto operaio al partito laburista √® superiore a quello di altre classi sociali e i sindacati mantengono un importante peso al suo interno.

 

Nella sua storia il Partito Laburista ha avuto sei primi ministri di orientamento molto diverso.

Il capostipite del partito, MacDonald, guid√≤ un governo di coalizione coi Liberali che dur√≤ per pochi mesi nel 1924 dopo la vittoria alle elezioni politiche dei Laburisti, franato dopo la decisione di portare Londra a riconoscere l’Unione Sovietica. Una nuova esperienza di governo fu gestita da MacDonald tra il 1929 e il 1931, con maggiore armonia anche complici le necessit√† emergenziali di porre un rimedio alla Grande Depressione.

Clement Attlee,¬†vice di Churchill durante la seconda guerra mondiale, sconfisse il primo ministro uscente nelle elezioni del luglio 1945 e guid√≤ per sei anni un esecutivo profondamente innovatore, che consolid√≤ le basi del welfare britannico moderno. Dopo che Churchill ebbe vinto la guerra, Attlee promosse politiche volte a vincere la pace attuando politiche economiche¬†keynesiane, presiedendo una¬†politica di nazionalizzazione delle principali industrie e servizi¬†tra cui la Banca d‚ÄôInghilterra, le¬† miniere di carbone, l’industria siderurgica, le ferrovie, l’energia, i trasporti. Il suo governo ha sviluppato e¬†implementato lo stato sociale ‚Äúdalla culla alla tomba‚ÄĚ concepito dall‚Äôeconomista William Beveridge e support√≤ la nascita del National Health Service (Nhs), il servizio sanitario nazionale, sotto l’opera del dicastero guidato dal ministro della salute Aneurin Bevan.¬†Il¬†governo di Attlee inizi√≤ anche il processo di decolonizzazione in seno all’Impero britannico¬†quando¬†nel 1947 concesse l‚Äôindipendenza all‚ÄôIndia e al Pakistan, seguita dalla Birmania (Myanmar) e da Ceylon (Sri Lanka) l‚Äôanno successivo. Molto decisa fu per√≤ la volont√† britannica di proseguire la relazione speciale della Gran Bretagna con gli Usa e proprio Attlee diede una svolta decisiva per portare a compimento il programma di armamento atomico di Londra.

Harold Wilson fu il premier pi√Ļ “progressista” della storia britannica. In carica dal 1964 al 1970 e dal 1974 al 1976, vincitore di tre elezioni, Wilson ha sostenuto l’eliminazione della pena di morte, la depenalizzazione di omosessualit√† e aborto, ha promosso l’ingresso di Londra nell’Unione Europea scontrandosi con Charles de Gaulle, ma alla fine del suo mandato ha dovuto subire una serie di esiti assai controversi: nel suo secondo mandato le conseguenze del primo shock petrolifero, cos√¨ come lo sciopero dei minatori del febbraio 1974, ebbe importanti conseguenze per l’economia britannica, soprattutto con la crisi dei titoli di Stato del 1974, mentre l’inflazione raggiunse livelli esorbitanti. ¬†Nel frattempo, in Irlanda del Nord divamp√≤ il conflitto civile tra unionisti e fautori della secessione da Londra.

Nel 1976 il governo Wilson cadde in parlamento e il premier fu sostituito da¬†James Callaghan, suo Ministro degli Esteri,¬†di posizioni pi√Ļ centriste, che form√≤ un governo di coalizione con i Liberali dopo l’evaporazione della flebile maggioranza ai Comuni. Tra recessione, difficolt√† legate alla graduale de-industrializzazione e aumento delle disuguaglianze Callaghan si ritrov√≤ ad affrontare il cosiddetto “Inverno dello Scontento” tra il 1978 ed il 1979. Fu un periodo durissimo per il Regno Unito caratterizzato da una forte conflittualit√† sindacale (causata dalla limitazione dei salari imposta dal governo per contenere l’inflazione). L’incapacit√† del governo nel contenere gli scioperi, che gettarono il paese nel caos, apr√¨ la strada alla travolgente affermazione di¬†Margareth Thatcher nel voto del 1979.

Diciassette anni dopo, il Labor ritornato al governo era guidato da¬†Tony Blair. Abbracciando posizioni liberali in economia e promuovendo lo sdoganamento a sinistra del neoliberismo Blair ha dichiarato il sostegno a una nuova idea di sinistra, una sinistra che riconosca gli individui come socialmente interdipendenti, con il fondamentale obiettivo del mantenimento della giustizia e della coesione sociale. La “Terza Via” teorizzata da Anthony Giddens e applicata da Blair e dal presidente Usa Bill Clinton ha dominato la stagione dei suoi governi (1997-2007) e quella del successore Gordon Brown (2007-2010), ultimo premier laburista del Paese. Travolto dalle critiche per l’intervento in Iraq nel 2003, Blair ha potuto rivendicare come successo politico gli Accordi del Venerd√¨ Santo del 1998 che posero fine al conflitto nordirlandese. Dopo la sua leadership, nel partito si √® aperto un confronto importante tra un’ala sinistra che ha ripreso vigore con Jeremy Corbyn, ma si √® schiantata alle elezioni del 2019, e quella pi√Ļ centrista che con Keir Stremer dal 2020 √® tornata alla guida del partito. Dalla dialettica tra queste due ali si capir√† il futuro della formazione pi√Ļ antica della sinistra britannica.

 

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l‚Äôarticolo che hai appena letto ti √® piaciuto, domandati: se non l‚Äôavessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualit√† in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo √® tutt‚Äôaltro che ‚Äúa buon mercato‚ÄĚ. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.