Al Marj «I terroristi islamici sono una minaccia per tutta l’umanità e non combattono solo qui in Libia. Voi italiani dovete capire che i miei nemici sono anche i vostri. Combattendoli difendo anche voi italiani». Il generale Khalifa Haftar ci tiene ad iniziare l’intervista a Il Giornale con un messaggio all’Italia. Un messaggio al paese che considera un «partner indispensabile» per il futuro della Libia, ma anche il prossimo obbiettivo dei terroristi dello Stato Islamico presenti nella nostra ex colonia. Per molti libici questo generale 72enne, già protagonista del golpe che nel 1969 portò al potere a Muhammar Gheddafi, è il nuovo «rais» pronto a liberare la Libia da milizie, islamisti e terroristi. Per i suoi nemici, invece, è solo un «signore della guerra» finanziato dai sostenitori del vecchio regime ed appoggiato dall’Egitto del generale Abd al-Fattah al-Sisi.

Comunque sia Khalifa Haftar è un indiscusso protagonista della guerra civile che divide la Libia. Capo di stato maggiore del governo di Tobruk combatte sia contro la coalizione islamista al potere a Tripoli, sia contro le formazioni terroristiche di Ansar Sharia e dello Stato Islamico. «Per me – spiega in questa intervista esclusiva rilasciataci nel quartier generale di Marj, un’ottantina di chilometri a est di Bengasi – chiunque impiega armi e violenza per imporre un’ideologia ed usa la religione per giustificare i propri atti è un terrorista. E va combattuto».

Generale perché pensa che l’Italia sia nel mirino?

«Per i terroristi la Libia è solo il punto di partenza per mettere un piede in Europa e nel resto dell’Africa. La Libia è un paese molto ricco, dominandolo potranno sfruttarne le ricchezze per espanderci in Europa»

L’infiltrazione è già iniziata?

«L’infiltrazione dei terroristi in Italia ed Europa avverrà in due tappe. La prima è già evidente. Molti terroristi si stanno muovendosi sulla scia dei migranti che attraversano il Mediterraneo. Ma la minaccia diventerà assai più grande se i terroristi assumeranno il controllo dell’intero paese. Allora la Libia si trasformerà nella loro testa di ponte. La useranno per entrare in Italia e allargare la sfida a tutta l’Europa»

Un intervento armato risolverebbe il problema?

«Non c’è bisogno di mettere in piedi una coalizione internazionale per combattere lo Stato Islamico e i suoi alleati. Mandare i soldati italiani o europei a morire in Libia è inutile. Abbiamo solo bisogno è di un adeguato sostegno. Dateci le armi e il lavoro lo faremo da soli, senza bisogno della Nato o di qualsiasi altra coalizione»

L’Italia è invasa dai migranti. Cosa pensa della proposta di colpire i barconi e i trafficanti di uomini?

«Ho sentito che in Italia ed in Europa qualcuno propone di attaccare queste organizzazioni, ma noi non siamo assolutamente d’accordo. Intervenendo sul nostro territorio o colpendo qualche obbiettivo l’Italia fornirebbe un pretesto ai terroristi. Il vostro Paese si ritroverebbe coinvolto in un conflitto a cui non è preparato. E questo danneggerebbe le relazioni tra i nostri due Paesi»

Ma quei trafficanti sono dei criminali…

«Se volete veramente combatterli appoggiate il nostro esercito. Stiamo avanzando verso Zwara, Tripoli e le altre zone della costa da cui partono i barconi. Armateci e vi garantiremo il controllo dell’intero Paese».

L’inviato dell’Onu Bernardino Leon cerca di mettere in piedi un governo di unità nazionale. Ne accetterà l’autorità?

«Un eventuale governo di unità nazionale non ha nulla a che vedere con le attività militari e dovrà occuparsi solo delle questioni civili. Le istituzioni militari non dipendono dal governo. Il controllo dell’esercito spetta solo al Parlamento»

Quindi lei non smetterà di combattere neppure se Bernardino Leon porterà a termine il negoziato…

«La guerra finirà solo quando avremo sradicato la presenza terroristica in Libia. Questo avverrà solo quando i terroristi avranno abbandonato il Paese o saranno stati eliminati fisicamente. Ma se in Europa avete simpatia per loro potete tranquillamente prenderveli e accoglierli sul vostro territorio…»

TRASPARENZA

Questo reportage è stato realizzato con il sostegno dei lettori. Qui di seguito tutte le ricevute delle spese sostenute dal reporter

ALTRI EPISODI
  • PARTE 2

    I barconi della morte

    Se il ministro Angelino Alfano o qualche altro suo collega europeo vogliono sapere dove sono i barconi degli scafisti da bombardare, Il Giornale è lieto di accompagnarli. La fabbrica o, meglio, il cantiere dei barconi lo conosciamo bene. Si trova poco...

    Continua a leggere
  • PARTE 3

    Sotto le bombe di Tripoli

    È un'istante. Il barrito del reattore ingoia il silenzio della campagna, dilaga nel cielo precipita dalle nubi. Uno schiocco di frusta trafigge i campi, riecheggia nell'aria, fa tremare il suolo. Un altro lo segue. Le bocche s'aprono in un urlo...

    Continua a leggere
  • PARTE 4

    “Trattiamo con l’Italia”

    «L'Italia deve avere un ruolo centrale nei colloqui di pace. Con voi tutto sarebbe più facile, più veloce e con maggiori possibilità di successo». Se gli chiedi dell'ottimismo dell'inviato dell'Onu Bernardino Leon - convinto che la nascita di un governo...

    Continua a leggere
  • PARTE 5

    Libia, lo Stato Islamico cresce

    Chi s'illudeva che lo Stato Islamico potesse venir sconfitto dalle milizie libiche può mettersi il cuore in pace. Non succederà. Al contrario lo Stato Islamico è destinato ad espandersi e a controllare porzioni sempre più vaste della nostra ex colonia....

    Continua a leggere
  • PARTE 6

    Quei cadaveri dei clandestini abbandonati sulle spiagge

    I centri di detenzione sono pieni. Rigurgitano di immigrati.Così pieni che le stesse autorità libiche o meglio - le scarse forze della polizia libica adibite al controllo dell'immigrazione clandestina - non sanno cosa fare."È una giostra - spiegava qualche giorno...

    Continua a leggere
  • PARTE 7

    Tripoli, l’aeroporto distrutto: qui ha inizio la guerra civile

    La battaglia dell'aeroporto combattuta a Tripoli tra il 13 luglio scorso e lo scorso agosto segna l'inizio della guerra civile che divide il paese due. Tutto inizia dopo le lezioni di giugno vinte - seppur con una partecipazione popolare molto...

    Continua a leggere
  • PARTE 8

    Le milizie di Misurata: “Roma ci appoggi”

    «Siamo pronti ad accantonare le divisioni pur di fermare lo Stato Islamico. Né abbiamo già discusso con i comandanti di Sdabia. Loro stanno con Tobruk, noi con Tripoli, ma siamo entrambi libici e siamo pronti - spiega al Giornale il comandante...

    Continua a leggere
  • PARTE 9

    Leon e Mogherini sognano, intanto l’Isis avanza in Libia

    "Tutto va ben madama La Marchesa". Così mandano a dire da Bruxelles - dopo un incontro con i sindaci delle città libiche - l'inviato dell'Onu Bernardino Leon e l'Alto Rappresentante dell'Unione Europea, Federica Mogherina. A sentir l'inviato dell'Onu, impegnato da mesi...

    Continua a leggere
  • PARTE 10

    Sirte, la vendetta dello Stato Islamico

    L' elicottero attera lento, la folla gli si stringe attorno. Sono padri e fratelli, amici e parenti.Quando arrivano i primi soccorsi sul terreno ci sono dieci cadaveri e tre feriti uno dei quali in gravissime condizioni. Ma la vendetta dello...

    Continua a leggere
  • PARTE 11

    Libia, l’inferno dei clandestini che sognano la fuga

    Il capitano Salah Abu Dabbush infila la chiave. Il lucchetto cigolando si apre. Il fragore della catena srotolata dalle sbarre riecheggia tra le volte. Nell'antro fosco le porte si socchiudono, squarci di luce invadono il corridoio. Illuminano stracci rammendati, panni sbrindellati....

    Continua a leggere
  • PARTE 12

    A Sirte lo Stato Islamico “non esiste”, ma vince

    La strada è un nastro grigio tirato tra l'azzurro del Mediterraneo e l'ocra del deserto. Il sole una lanterna velata tra folate di vento impastate di sabbia. Adel Ben Ghouzi, comandante della Khatiba Harar - una delle tante chiamate a...

    Continua a leggere
  • PARTE 13

    Su eBay i reperti trafugati dall’Isis

    Che Isis si arricchisse tramite la vendita sottobanco di reperti archeologici rubati da musei e siti di Siria ed Iraq era cosa nota da tempo. Ma l'invasione dei manufatti artistici depredati in Medio Oriente sui siti di aste online - eBay...

    Continua a leggere
  • PARTE 14

    Faccia a faccia con lo Stato Islamico

    La colonna di fuoristrada divora l'asfalto, avanza come una mandria impazzita. Si fa largo a colpi di clacson, ruggisce in mezzo al traffico, punta prepotente chiunque ostacoli la sua corsa. Chi l'intravvede nel retrovisore e fa in tempo ad accostare abbassa...

    Continua a leggere