In Bosnia Erzegovina ci sono almeno 3000 estremisti islamici secondo le autorità di Sarajevo, ma la stima è al ribasso.

Per gli arabi la Bosnia è un punto d’ingresso dell’Europa nel cuore dei Balcani. Non a caso negli ultimi due anni i kuwaitiani hanno aperto 200 società a Sarajevo e dintorni.

In Bosnia vivono anche 430mila cattolici, che attendono con gioia la visita del Papa fissata il 6 giugno. “Francesco vuole portare a Sarajevo un messaggio di pace, ecumenico e viene per non dimenticare noi cattolici, che siamo una minoranza” spiega il cardinale Vinko Puljic al reporter Fausto Biloslavo. E senza peli sulla lingua lancia un j’accuse: “Ci sentiamo dimenticati da parte dell’Europa, non solo in Bosnia, ma in Nigeria, Pakistan o India. L’Europa non grida, non alza la voce più di tanto se ci sono di mezzo i cristiani”.

CAPITOLI
  • PARTE 1

    L’estremismo della Bosnia

    In Bosnia Erzegovina ci sono almeno 3000 estremisti islamici secondo le autorità di Sarajevo, ma la stima è al ribasso. La presenza jihadista risale ai tempi della guerra di vent’anni fa che ha provocato oltre centomila morti, quando i mujaheddin provenienti...

    Continua a leggere
  • PARTE 2

    “Ecco perché il Papa verrà in Bosnia”

    Il cardinale Vinko Puljic, arcivescovo di Sarajevo,  parla in in italiano assicurando chel'ha "imparato ascoltando la radio".Il 6 giugno accoglierà Papa Francesco in Bosnia-Erzegovina.Il Santo Padre ha scelto Sarajevo come «terra di frontiera». Il cardinale non lo dice espressamente, ma...

    Continua a leggere
  • PARTE 3

    “Democrazia? Molto meglio Maometto”

    «L'America dice che la democrazia è il sistema migliore al mondo.Noi invece crediamo che sia l'Islam» spiega Edis Bosnic, davanti alla bandiera nera con la scimitarra, che ha piazzato nel giardino.«A Gornja Maoca la nostra vita è salutare. Siamo circondati...

    Continua a leggere
  • PARTE 4

    “Minacce contro il Papa per la visita a Sarajevo”

    "Abbiamo determinate informazioni su possibili minacce alla sicurezza per la visita del Papa a Sarajevo", rivela al Giornale Dragan Lukac, ministro dell'Interno della Republika Srpska, l'entità serba della Bosnia-Erzegovina. Non vuole dire molto di più, a parte che sono stati...

    Continua a leggere

TRASPARENZA

Questo reportage è stato realizzato con il sostegno dei lettori. Qui di seguito tutte le ricevute delle spese sostenute dal reporter