L’India è un paese dalle mille contraddizioni: forte il contrasto tra ricchezza e povertà, così come tra zone urbane e paesaggi rurali e tra le differenti tradizioni che variano in funzione dell’etnia o dell’appartenenza religiosa. Un paese da un miliardo di abitanti, variegato e complesso. In generale, l’India affianca elementi di forte sviluppo economico e modernità, a condizioni di vita ai limiti della sopportabilità. Tutto questo è ben descritto nei viaggi che attraversano il paese compiuti, nel gennaio 2016, da Mary Tagliazucchi. Si attraversano le zone più ricche del paese, così come quelle più povere. Si viaggia, attraverso i reportage, dalle parti dell’India più pacifiche a quelle dove invece la società appare molto legata alla conservazione della tradizione.
E così, al fianco degli elementi più positivi e vocati allo sviluppo del paese, si arriva in un’India che vive il dramma delle spose bambine, dei matrimoni combinati e dei maltrattamenti alle donne ed alle fasce più umili della popolazione. Allo stesso modo, si accendono i riflettori sui cristiani perseguitati in alcuni Stati dove l’appartenenza alla Chiesa rischia di essere un problema per la propria vita. Infine arriva la tappa simbolo della condizioni attuale dell’India: New Delhi. La nuova capitale, costruita all’occidentale e con ritmi di vita più europei rispetto alle altre parti del paese, si presenta anch’essa divisa tra moderne infrastrutture e povertà dilagante. Un viaggio dunque nei meandri di un paese tutto da scoprire per comprendere meglio il futuro di questa regione.

CAPITOLI
  • PARTE 1

    I mille colori della miseria

    Siamo nell'“occidentalizzata” New Delhi. Qui il grido silenzioso delle persone che vivono nella povertà è più forte dei clacson che suonano incessanti nel traffico caotico di questa città . Da New Delhi, Pushkar, Ajmer, Jodhpur ed Agra la miseria umana ci...

    Continua a leggere
  • PARTE 2

    Cristiani perseguitati

    Padre Jharma ci accoglie sconsolato ad Ajmer, dove la piccola comunità cristiana è circondata da induisti e musulmani. È, questo, l'ennesimo paradosso dell'India, terra di spiritualità e, allo stesso tempo, di persecuzioni contro le minoranze religiose, cristiani in primis. Le...

    Continua a leggere
  • PARTE 3

    Il dramma delle spose bambine

    Babita ha solo 11 anni. La incontriamo a Pushkar nel centro dell'associazione “Fior di Loto India”, fondata nel 2003 da Mara Sandi e Guadalupe Tapia Paykar e guidata oggi dal Presidente Deepu Mahaski e dalla portavoce e ambasciatrice italiana della...

    Continua a leggere
  • PARTE 4

    Non vittime, eroine

    Siamo a Agra, una cittadina a circa 200 chilometri da New Delhi. Il Taj Mahal domina su questa città. Ironia della sorte: il grande mausoleo di marmo è stato voluto dall’Imperatore moghul Shah Jahan come dimostrazione d'amore nei confronti di...

    Continua a leggere

TRASPARENZA

Questo reportage è stato realizzato con il sostegno dei lettori. Qui di seguito tutte le ricevute delle spese sostenute dal reporter