Mentre sorseggia il suo té marocchino alla menta, Alì mi sorride con un ghigno sardonico: “So benissimo che non otterrò mai lo status di rifugiato, ma nel frattempo io faccio domanda e ottengo i benefit concessi ai richiedenti asilo”.Alì ha una trentina d’anni, un figlio e una ex moglie in Italia. Ha lasciato il nostro Paese dove ha vissuto per anni “per un pasticcio con la Questura”, mi spiega, e ora è in Germania per farsi operare a una gamba. Ha bisogno di prestazioni mediche che normalmente non potrebbe pagare e a cui non avrebbe diritto, ma che ottenere non è impossibile.

Come mi spiega candidamente, basta presentarsi agli uffici della commissione per i richiedenti asilo ed inoltrare la domanda. Al resto penseranno i tempi biblici della burocrazia, che nell’attesa del vaglio delle migliaia di richieste che da mesi sommergono la Germania, garantiscono a molti di usufruire delle prestazioni mediche e dei vari benefit del welfare europeo concessi a chi fa domanda di protezione internazionale. Tra cui anche una piccola somma di denaro mensile.

Complici le lungaggini del diritto internazionale e il numero esorbitante di applicanti, Alì può dirsi sicuro che la sanità germanica risolverà i suoi problemi. Se per caso la domanda dovesse essere respinta, aggiunge, potrà sempre fare ricorso grazie al gratuito patrocinio o tentare una nuova domanda altrove.Poco importa che provenga da un Paese, il Marocco, dove la guerra non c’è: i casi vengono esaminati singolarmente e stabilire ex ante l’esito di una domanda è impossibile. Il sistema è destinato ad implodere, se qualcosa non cambia primaÈ lo stesso Alì ad ammetterlo: “Tra cinque anni la Germania sarà messa peggio dell’Italia, perché con tutti questi asilanti – mi dice con la sua cadenza lombarda – Le spese e mica le spese, il governo non ce la farà più”.

ALTRI EPISODI
  • PARTE 1

    In Europa come a Mosul

    l nome dell'iniziativa è chiaro, chiarissimo: "Lies!", che in tedesco significa "Leggi!". Un'idea nata in Germania ma diffusa già in undici Paesi europei (sta muovendo i primi passi anche in Italia) per promuovere il proselitismo islamico distribuendo gratuitamente il Corano...

    Continua a leggere
  • PARTE 2

    L’appello dei poliziotti tedeschi

    Nella foto profilo su Whatsapp, Reiner Wendt si fa ritrarre al poligono di tiro spara a due mani con la pistola d'ordinanza.Il messaggio è inequivocabile: con il segretario del sindacato federale della polizia tedesca non si scherza. Quando ci riceve...

    Continua a leggere
  • PARTE 3

    Che sia una montatura?

    Cosa conduce Asma, diciassette anni e un viso paffuto da bambina, ad abbandonare Logar, in Afghanistan, per pregare insieme a novantenni tedeschi in una chiesa del centro diBerlino? La povertà certo, ma anche la Fede. Sono arrivato fino alla chiesa...

    Continua a leggere
  • PARTE 4

    Donna dell’anno?

    Ricordate la bambina mediorientale che Angela Merkel fece piangere in mondovisione? Era luglio e il Cancelliere spiegò pacatamente alla piccola che la Germania non era in grado di accogliere tutti gli immigrati del mondo. Parole di buon senso, tanto scontate...

    Continua a leggere
  • PARTE 5

    L’ultima intervista a Sven Lau

    Sven Lau abita in un appartamento alla periferia di Dusseldorf, nel cuore industriale della Germania. Qualche stanza che divide con la moglie, marocchina, e cinque figli.L'intervista è fissata per lunedì mattina e riesco ad ottenerla solo dopo una trattativa lunga...

    Continua a leggere