Non solo contro l’occidente, bensì anche contro tutti i musulmani giudicati infedeli perché colpevoli di non assecondare la furia islamista. Ecco perché, nel suo reportage girato in Libano nel febbraio 2016, Luca Steinmann parla di “guerra islamica”: musulmani contro altri musulmani. Sunniti e sciiti indiscriminatamente colpiti dalla furia jihadista di un califfato islamico che in quel preciso momento storico appare in forte espansione tra Siria ed Iraq.

Questa guerra islamica è ben visibile ed osservabile dal Libano, in quanto nel paese dei credi arrivano proprio coloro che fuggono dal conflitto siriano e dunque dalla devastazione dell’Isis. Nel suo lavoro, il reporter mostra le condizioni dei profughi siriani e le loro testimonianze. Allo stesso modo, risaltano le interviste a coloro che combattono in prima linea contro il califfato: in particolar modo, ai miliziani sciiti degli Hezbollah.

 

CAPITOLI
  • PARTE 1

    Cristiani e musulmani contro l’Isis

    "Lei è cristiano?" mi domanda l'agente doganale guardando la mia croce al collo.  Al mio assenso mi sorride, mi riconsegna il passaporto e mi risponde: "Anche io". È una donna sui 30 anni, capelli nerissimi lunghi fino alle spalle, lineamenti del...

    Continua a leggere
  • PARTE 2

    La vita eterna dei giovani mujahideen

    Beirut la notte è una città in stato d'assedio. Una metropoli in stato di guerra che non sa da dove possa sbucare il nemico. E che per questo vigila sul territorio, controlla ogni movimento, scruta ogni passante. L'esercito è presente...

    Continua a leggere
  • PARTE 3

    Da profughi a jihadisti contro Assad

    Un enorme piazzale di cemento circondato da alti muri di filo spinato. Decine di bambini, tutti maschi, si rincorrono  a piedi nudi tirando calci a palloni di spugna e stracci, improvvisando partitelle il cui trofeo dei vincitori sarà proprio il...

    Continua a leggere
  • PARTE 4

    Così l’Arabia Saudita “fabbrica” jihadisti

    Strade strette e piene di buche. Cadaveri di cani e gatti distesi sui marciapiedi, ripide salite. Sulla destra verdi montagne ricoperte di cedri con le vette innevate, sulla sinistra il Mar Mediterraneo. La nostra macchina sfila lentamente dietro una lunga...

    Continua a leggere
  • PARTE 5

    Le mogli dei terroristi dell’Isis

    Fatima deve essere una bella ragazza. Di lei si vede ben poco, ma ciò che lascia trasparire è un’estrema cura di se stessa. Il volto è completamente avvolto da uno scialle nero, che si sistema in continuazione per assicurarsi di...

    Continua a leggere
  • PARTE 6

    Nel quartier generale di Hezbollah

    Autostrade larghe, pulite e ordinate. Il traffico scorre rapido e senza ingorghi. Su entrambi i lati sventolano interminabili file di bandiere: verdi, il colore dell'Islam; nere, il colore del lutto; gialle, il colore di Hezbollah, il Partito di Dio. Siamo...

    Continua a leggere
  • PARTE 7

    Dalla Serie A alla jihad

    Era giovane. Era una promessa. Aveva raggiunto il sogno che aveva fin da bambino: diventare un calciatore professionista. Una carriera, la sua, che si è interrotta bruscamente nel sangue. Facendosi saltare in aria in nome della guerra del sedicente Stato...

    Continua a leggere

TRASPARENZA

Questo reportage è stato realizzato con il sostegno dei lettori. Qui di seguito tutte le ricevute delle spese sostenute dal reporter