Cecchini, trincee, assalti notturni, combattimenti tra le macerie, duelli di artiglieria. Non siamo tra i vecchi camminamenti della prima guerra mondiale, ma in Ucraina orientale, nella città di Donetsk, dove da ormai due anni si combatte la prima guerra civile europea del terzo millennio. Un conflitto feroce, sanguinoso, totale, che sembra far capolino dagli anni più bui del ventesimo secolo. Per approfondire: Donbass, perché la tregua non regge

Il monastero di Iversky si trova a un chilometro dall’aeroporto cittadino, dove per circa otto mesi i più agguerriti reparti dell’esercito di Kiev hanno resistito agli assalti delle milizie separatiste filorusse. Tra queste mura sbrecciate, poco più di un anno fa, si è combattuta una delle più dure battaglie dell’intero conflitto. “Noi eravamo asserragliati all’interno del convento – racconta “Lom”, uno dei miliziani del battaglione separatista “Vostok” che ha combattuto in questo settore -. Gli ucraini venivano avanti con i carri armati, dopo lunghi bombardamenti di artiglieria. Ricordo uno degli assalti più duri, nel novembre 2014: arrivarono a centinaia, e noi eravamo solo in quindici. Il combattimento è durato ventiquattro ore, senza pause. Tre miei compagni sono rimasti uccisi e molti altri feriti. Abbiamo fatto fuori almeno cinquanta ucraini in poche ore: potevamo vedere i loro corpi distesi nella neve, davanti alle nostre trincee”.Anche il volontario italiano Spartaco ha combattuto tra queste mura, rimanendo ferito a una gamba durante l’ennesimo assalto dell’esercito di Kiev. Come lui, decine di altri ragazzi, molti dei quali non sono più tornati a casa. Oggi l’intera zona è ancora a rischio-bombardamento. Le nuove prime linee corrono a un paio di chilometri da qui, appena oltre la pista d’atterraggio del vecchio terminal aeroportuale. Tutta l’area è cosparsa di mine, ordigni inesplosi e trappole antiuomo.

Per approfondire: La guerra di Spartaco

Nessuno osa avventurarsi tra le lapidi del grande cimitero che circonda il monastero, le cui croci scintillano solitarie sotto il sole feroce dell’estate ucraina. “Le bonifiche? Arriveranno, certo, ma solo quando la guerra sarà finita – sorride “Lom” -. A poche centinaia di metri da qui vivono ancora decine di famiglie che non hanno voluto abbandonare le loro case. Ogni giorno, queste persone devono ingegnarsi per ottenere un po’ di cibo, dell’acqua, qualche vestito. I nostri uomini pattugliano regolarmente il quartiere per contrastare le razzie degli sciacalli. Non è facile, soprattutto durante i bombardamenti, ma per adesso non c’è altro da fare”.

Perché nessuno parla della guerra in Ucraina?

Camminare tra queste strade è come inoltrarsi nelle viscere di una antica città fantasma. Le vie sono infestate da immensi branchi di cani randagi, molti dei quali sono stati resi feroci dal frastuono delle artiglierie. Qualche solitaria babushka osserva il cielo da sotto l’uscio di casa, in attesa della prossima scarica di Grad. I negozi sono chiusi, gli autobus non funzionano da ormai ventiquattro mesi, così come i tram e tutti gli altri servizi essenziali.Per approfondire: Tra gli sfollati di una guerra dimenticata

Per tornare in città bisogna attraversare i posti di blocco dell’esercito separatista, che dominano i principali snodi viari. Molte palazzine sono ancora presidiate dai soldati, che le utilizzano come punti di osservazione e di cecchinaggio. Avvicinarsi ad esse è praticamente impossibile, anche se si è forniti di tutti i necessari permessi militari. Oggi le grandi battaglie avvengono una mezza dozzina di chilometri più a nordest, tra le cittadine di Avdiivka e Yasynuvata, dove ogni giorno si combatte furiosamente casa per casa. La guerra continua. Nonostante tutto.

Foto di Alfredo Bosco www.alfredobosco.com

TRASPARENZA

Questo reportage è stato realizzato con il sostegno dei lettori. Qui di seguito tutte le ricevute delle spese sostenute dal reporter

ALTRI EPISODI
  • PARTE 1

    Ritorno nel Donbass: la guerra che non c’è

    Le trincee corrono sul crinale della vecchia massicciata ferroviaria. Oltre la scarpata c'è il piccolo villaggio di Pisky, che si trova ancora nelle mani dell'esercito ucraino. I soldati di Kiev si sono asserragliati tra le casupole deserte e ogni tanto...

    Continua a leggere
  • PARTE 2

    Viaggio tra gli sfollati del Donbass

    Il rifugio si trova nei sotterranei di un vecchio teatro. Siamo alla periferia occidentale di Donetsk, nel distretto di Petrovs'kyi.È sera, comincia a fare freddo e i lampioni sono tutti spenti. Il fronte corre a poca distanza da qui, appena oltre...

    Continua a leggere
  • PARTE 3

    I nostri reporter sono terroristi

    Nelle scorse ore, i dati personali di circa quattromila cronisti – compresi i nostri (LEGGI QUI) – sono stati spiattellati online da un gruppo di attivisti filo-ucraini.La lista di proscrizione è stata ribattezzata DnrLeaks e sta rapidamente facendo il giro...

    Continua a leggere
  • PARTE 4

    La guerra di Spartaco

    DONETSK – Tre settimane di trincea, due giorni di riposo. Poco cibo, poco sonno, terra e fango fino alle ginocchia. Questa, da quasi due anni, è la vita di Spartaco, il volontario italiano che combatte con i separatisti di Donetsk,...

    Continua a leggere
  • PARTE 5

    Donbass, verso la linea del fronte

    Dicono che in quegli attimi tutta la vita ti ripassa davanti agli occhi. Dicono che il tempo inizia a scorrere più lentamente, come in un rallenty, e che gli istanti diventano lunghissimi e si riempiono di molte riflessioni. Dicono che...

    Continua a leggere
  • PARTE 6

    Sotto i bombardamenti ucraini

    Dicono che in quegli attimi tutta la vita ti ripassa davanti agli occhi. Dicono che il tempo inizia a scorrere più lentamente, come in un rallenty, e che gli istanti diventano lunghissimi e si riempiono di molte riflessioni. Dicono che...

    Continua a leggere
  • PARTE 7

    Dentro la guerra

     Diventa protagonista, guarda i videoC’è una guerra dimenticata nel cuore dell’Europa. In Ucraina, nel Donbass, si continua a sparare e morire, da una parte e dall’altra della barricata. Una guerra assurda che abbiamo deciso di raccontarvi a 360 gradi. I...

    Continua a leggere
  • PARTE 8

    Givi, il Rommel del Donbass

    Per gentile concessione della casa editrice Baldini & Castoldi, pubblichiamo un estratto di Ucraina. La guerra che non c'è di Lorenzo Giroffi e Andrea Sceresini.L’uomo che ci ha cacciati in malo modo dall’aeroporto, sbraitando «italiani, americani: tutti fascisti» non è un personaggioqualunque....

    Continua a leggere
  • PARTE 9

    Ucraina, due anni dopo

    Due anni di scontri, intere città rase al suolo, una economia sull'orlo del suicidio, diverse migliaia di morti - soprattutto tra i civili - centinaia di migliaia tra profughi e sfollati.Il conflitto armato in Ucraina orientale rappresenta il grande punto...

    Continua a leggere
  • PARTE 10

    Donbass, perché la tregua non regge

    I bombardamenti cominciano nel tardo pomeriggio. Quando cala il sole – come in una vecchia favola russa - l’orizzonte si colora di rosso: sono i bagliori dei Grad che si schiantano tra le case. L’effetto è notevole, ma dopo qualche...

    Continua a leggere
  • PARTE 12

    “Io cecchino per il mio Paese”

    La guerra – ci hanno detto - ha un odore molto semplice. Esso è composto di tre ingredienti, che impari a conoscere fin dal tuo primo giorno di trincea: polvere da sparo, sangue e merda. La faccenda dovrebbe riguardare soltanto...

    Continua a leggere