DONETSK – Tre settimane di trincea, due giorni di riposo. Poco cibo, poco sonno, terra e fango fino alle ginocchia. Questa, da quasi due anni, è la vita di Spartaco, il volontario italiano che combatte con i separatisti di Donetsk, nell’Ucraina orientale.

Lo abbiamo incontrato nel centro della roccaforte filorussa, in una tiepida serata di inizio estate. Qui la vita sembra scorrere normalmente. Molti negozi sono regolarmente aperti, la gente fa la fila di fronte alla posta e i tram sferragliano senza sosta lungo le carreggiate di Artema ultca. Eppure, a pochi chilometri da qui, la guerra continua a infuriare senza tregua.Per accorgersene basta attendere il calar del sole, quando le contrapposte artiglierie iniziano il loro consueto concerto. I rombi provengono da settentrione, oltre le rovine del grande aeroporto cittadino. Pisky, Spartak, Avdiivka: ogni villaggio è stato trasformato in una roccaforte trincerata.A sud i separatisti, a nord l’esercito regolare ucraino. Alle undici in punto scatta il coprifuoco, e allora tutte le vie tornano deserte, le insegne vengono spente e le famiglie si rintanano in casa. “Nelle ultime settimane gli scontri si sono molto intensificati – racconta Spartaco -. I soldati di Kiev hanno attaccato nella zona a est dell’aeroporto, nel tentativo di conquistare l’autostrada che collega Donetsk a Lugansk. Sono riusciti ad avanzare per circa un chilometro, dopodiché sono stati fermati. Ora stiamo cercando di riguadagnare il terreno perduto, anche se l’impresa si prospetta difficile. Abbiamo avuto gravi perdite: giusto qualche giorno fa, a pochi chilometri da dove ci troviamo, un mio caro amico è caduto in combattimento”. È un conflitto fantasma, quello che sta insanguinando le pianure del Donbass: nonostante i morti e i feriti, nonostante le devastazioni e i bombardamenti quotidiani, l’opinione pubblica europea sembra aver definitivamente voltato il proprio sguardo altrove.

Sono ormai mesi che tra le strade di Donetsk non si avvistano giornalisti occidentali. La loro ultima sortita risale al 9 maggio, in occasione della parata per il giorno della vittoria: un paio di notti in albergo, il rituale stand up sotto la statua di Lenin, qualche rapida intervista al politico di turno, e poi via di nuovo verso Rostov o Kiev. “Purtroppo, così stanno le cose – sorride Spartaco -. Il mondo si è dimenticato di noi, ma è anche per questo che ho deciso di restare. Il giorno in cui sono arrivato, nell’autunno del 2014, ho giurato a me stesso: non me ne andrò fino alla vittoria finale. Ebbene, potete anche scriverlo: non ho alcuna intenzione di tradire quella promessa”. Quarantuno anni, originario del Bresciano, ex alpino e poi parà nella Folgore: in due anni di guerra, Spartaco è stato ferito tre volte, prima al piede, poi al volto e alla schiena. Ha combattuto durante la battaglia dell’aeroporto, ottenendo diverse decorazioni. Di tutti i volontari italiani che hanno deciso di unirsi alla causa dei separatisti filorussi – una quindicina in totale – è oggi l’unico che continua a lottare in prima linea. Lo fa per ideologia, assicura lui, “per contrastare l’Europa di Bruxelles e il mondialismo statunitense”. “Questa ormai è la mia casa – assicura -. Sto combattendo la mia guerra, e sono felice di farlo. Se tornerò mai in Italia? Forse. Ma soltanto quando scoppierà la rivoluzione”.

Foto di Alfredo Bosco

 

TRASPARENZA

Questo reportage è stato realizzato con il sostegno dei lettori. Qui di seguito tutte le ricevute delle spese sostenute dal reporter

Un Natale di pace per i Cristiani che soffrono
DONA ORA
ALTRI EPISODI
  • PARTE 1

    Donbass, perché la tregua non regge

    I bombardamenti cominciano nel tardo pomeriggio. Quando cala il sole – come in una vecchia favola russa - l’orizzonte si colora di rosso: sono i bagliori dei Grad che si schiantano tra le case. L’effetto è notevole, ma dopo qualche...

    Continua a leggere
  • PARTE 2

    I nostri reporter sono terroristi

    Nelle scorse ore, i dati personali di circa quattromila cronisti – compresi i nostri (LEGGI QUI) – sono stati spiattellati online da un gruppo di attivisti filo-ucraini.La lista di proscrizione è stata ribattezzata DnrLeaks e sta rapidamente facendo il giro...

    Continua a leggere
  • PARTE 3

    La presa del monastero

    Cecchini, trincee, assalti notturni, combattimenti tra le macerie, duelli di artiglieria. Non siamo tra i vecchi camminamenti della prima guerra mondiale, ma in Ucraina orientale, nella città di Donetsk, dove da ormai due anni si combatte la prima guerra civile...

    Continua a leggere
  • PARTE 4

    Donbass, verso la linea del fronte

    Dicono che in quegli attimi tutta la vita ti ripassa davanti agli occhi. Dicono che il tempo inizia a scorrere più lentamente, come in un rallenty, e che gli istanti diventano lunghissimi e si riempiono di molte riflessioni. Dicono che...

    Continua a leggere
  • PARTE 5

    Sotto i bombardamenti ucraini

    Dicono che in quegli attimi tutta la vita ti ripassa davanti agli occhi. Dicono che il tempo inizia a scorrere più lentamente, come in un rallenty, e che gli istanti diventano lunghissimi e si riempiono di molte riflessioni. Dicono che...

    Continua a leggere
  • PARTE 6

    “Io cecchino per il mio Paese”

    La guerra – ci hanno detto - ha un odore molto semplice. Esso è composto di tre ingredienti, che impari a conoscere fin dal tuo primo giorno di trincea: polvere da sparo, sangue e merda. La faccenda dovrebbe riguardare soltanto...

    Continua a leggere
  • PARTE 8

    Ritorno nel Donbass: la guerra che non c’è

    Le trincee corrono sul crinale della vecchia massicciata ferroviaria. Oltre la scarpata c'è il piccolo villaggio di Pisky, che si trova ancora nelle mani dell'esercito ucraino. I soldati di Kiev si sono asserragliati tra le casupole deserte e ogni tanto...

    Continua a leggere
  • PARTE 9

    Dentro la guerra

     Diventa protagonista, guarda i videoC’è una guerra dimenticata nel cuore dell’Europa. In Ucraina, nel Donbass, si continua a sparare e morire, da una parte e dall’altra della barricata. Una guerra assurda che abbiamo deciso di raccontarvi a 360 gradi. I...

    Continua a leggere
  • PARTE 10

    Viaggio tra gli sfollati del Donbass

    Il rifugio si trova nei sotterranei di un vecchio teatro. Siamo alla periferia occidentale di Donetsk, nel distretto di Petrovs'kyi.È sera, comincia a fare freddo e i lampioni sono tutti spenti. Il fronte corre a poca distanza da qui, appena oltre...

    Continua a leggere
  • PARTE 11

    Givi, il Rommel del Donbass

    Per gentile concessione della casa editrice Baldini & Castoldi, pubblichiamo un estratto di Ucraina. La guerra che non c'è di Lorenzo Giroffi e Andrea Sceresini.L’uomo che ci ha cacciati in malo modo dall’aeroporto, sbraitando «italiani, americani: tutti fascisti» non è un personaggioqualunque....

    Continua a leggere
  • PARTE 12

    Ucraina, due anni dopo

    Due anni di scontri, intere città rase al suolo, una economia sull'orlo del suicidio, diverse migliaia di morti - soprattutto tra i civili - centinaia di migliaia tra profughi e sfollati.Il conflitto armato in Ucraina orientale rappresenta il grande punto...

    Continua a leggere
Un Natale di pace per i Cristiani che soffrono
DONA ORA