MOSUL – I cadaveri dei miliziani jihadisti sono disseminati nella strada coperta da macerie. Un fuoco d’inferno li ha fatti a pezzi. Tutte e due le gambe di un seguace del Califfo sono volate via. L’ultimo corpo è disteso davanti all’ingresso della chiesa di Santa Maria del perpetuo soccorso, la prima ad essere liberata durante l’avanzata delle truppe irachene a Mosul ovest iniziata domenica.

Sul muro accanto al portone è rimasta intatta una scritta perentoria in vernice nera: “Vietato entrare, ordine dello Stato islamico”.Le croci del portone sono bucherellate da proiettili e schegge. La chiesa è completamente spoglia. Le bandiere nere hanno saccheggiato o fatto a pezzi il tabernacolo, il crocefisso e divelto pure le statue. Il resto è opera dei combattimenti. Di intatto è rimasto solo l’altare in marmo dove campeggia una granata di mortaio.Per raggiungere la chiesa cattolica caldea un blindato ha protetto i giornalisti in una snervante e faticosa corsa in prima linea.Il quartiere di Dawasa è ridotto ad uno scheletro in cemento armato. Meno di cento metri più in là sono ancora annidate le bandiere nere. I colpi di mortaio iracheni martellano le loro posizioni passando con un sibilo sopra le nostre teste.

La facciata esterna della chiesa è bucherellata come un groviera. La scuola collegata alla parrocchia è ridotta ad un cumulo di detriti. Lo Stato islamico doveva avere trasformato la chiesa in un comando. Nelle stanze della canonica, ancora intatte, ci sono i simboli del Califfato: una bandiera nera, la sagoma di un kalashnikov ed un poster con altre armi. Fra i calcinacci abbiamo trovato un permesso del proprietario di un negozio per versare la zakat, la decima musulmana, fra un anno. Il timbro è dell’Emiro di Mosul ovest. Anche per questo motivo le truppe irachene hanno colpito duramente l’area con elicotteri e mortai.

“La chiesa è stata costruita dai fedeli come voto per la fine della Seconda Guerra mondiale” spiega padre Thabet Mekku al telefono da Erbil, capoluogo curdo del nord dell’Iraq. Il patriarca caldeo, Luis Zako, era parroco di Santa Maria del perpetuo soccorso fino al 2004.Paul Afram Rahoo, uno dei martiri cristiani uccisi di Mosul dagli integralisti prima dell’avvento delle bandiere nere, aveva officiato Messa in questa chiesa. Nella parte occidentale della città ci sono tanti luoghi di culto cristiani saccheggiati, distrutti oppure occupati dal Califfato. Questa prima chiesa liberata è un altro segno dell’inizio della fine dello Stato islamico.

ALTRI EPISODI
  • PARTE 1

    Nella Stalingrado del Califfo

    Mosul Ovest - Il tiratore scelto della polizia federale irachena prende la mira con calma dal tetto di una casa nel quartiere di Giosaq a Mosul ovest. Il suo fucile di precisione è infilato in un buco nel muro di un...

    Continua a leggere
  • PARTE 2

    L’odio dell’Isis sui cristiani

    QARAQOSH - Tombe profanate, croci fatte a pezzi, chiese distrutte oppure usate come rifugio jihadista per salvarsi dagli attacchi aerei. Il viaggio nella persecuzione dei cristiani della piana di Ninive si snoda attraverso i simboli sacri fatti sistematicamente a pezzi...

    Continua a leggere
  • PARTE 3

    Faccia a faccia con il Califfo

    MOSUL - Il razzo Rpg arriva all’improvviso, con un sibilo mortale, tracciando nell’aria una scia rossa. Per fortuna schizza sopra le nostre teste e va a schiantarsi in mezzo alla strada ad una settantina di metri con un boato fragoroso....

    Continua a leggere
  • PARTE 4

    Sotto il fuoco dello Stato islamico

    MOSUL OVEST – Al mattino verso le 7 ci accorgiamo del fumo scuro che si alza fuori dalla finestra. Tutti dormono sul pavimento, dopo una notte di scontri. Il tenente Hassan Kazhim Faraj è attaccato alla radio, ma non si accorge di...

    Continua a leggere
  • PARTE 5

    In missione con i militari italiani

    DIGA DI MOSUL - I fanti dell’aria della brigata Friuli, veterani dell’Afghanistan, scattano sull’attenti sul bordo della pista, al passaggio degli ufficiali, con il saluto che ricorda gli antichi legionari. La missione Prima Parthica dei 1500 soldati italiani in Iraq...

    Continua a leggere
  • PARTE 6

    I soldati Usa in prima linea a Mosul

    MOSUL - I possenti blindati color sabbia sfrecciano paralleli alla strada che porta a Baghdad da Mosul ovest, appena conquistata dall’avanzata irachena. L’ufficiale che ci accompagna ordina perentorio: “No video, no foto”. I soldati americani non si vedono barricati dentro...

    Continua a leggere
  • PARTE 7

    Il volontario italiano contro l’Isis

    DAKUK - L’ufficiale curdo apre il fuoco contro le postazioni dei cecchini dello Stato islamico. Sul fronte di Hawjia, l’ultima sacca jihadista dopo Mosul, nel nord dell’Iraq, i tiratori scelti delle bandiere nere hanno centrato in testa un Peshmerga, pochi...

    Continua a leggere
  • PARTE 8

    Verso la moschea del Califfo

    MOSUL OVEST - “Daesh kaputt, Daesh kaputt”, lo Stato islamico è finito, urla un soldato iracheno facendo con la mano il segno della gola tagliata. I corpi speciali iracheni sono avanzati oltre il ponte Huria, il terzo sul Tigri afflosciato...

    Continua a leggere
  • PARTE 9

    Circondata la moschea Al Nuri

    Mosul. Il minareto che pende dalla moschea Al Nuri spicca fra le colonne di fumo della battaglia per conquistare il luogo simbolo di Mosul ovest dove Abu Bakr al Baghdadi proclamò il Califfato nel 2014. Gli elicotteri lanciano dal cielo...

    Continua a leggere
  • PARTE 10

    A 100 metri dall’Isis

    MOSUL OVEST - La bandiera nera sventola a meno di 100 metri, sulla città vecchia, ultima ridotta dello Stato islamico a Mosul ovest. Si vede bene dal foro nel muro utilizzato da un cecchino della polizia federale per sparare al...

    Continua a leggere
  • PARTE 11

    “Francesco, vieni tra noi”

    "Papa Francesco ti prego vieni a trovarci. È molto, molto importante. Abbiamo bisogno di te in mezzo a noi. La tua visita ci incoraggerà e ricorderà che abbiamo una missione: portare il messaggio di Gesù Cristo nell'agitato Medio Oriente. Vieni...

    Continua a leggere
  • PARTE 13

    Mosul, ultima trincea del Califfo

    MOSUL OVEST - La palla di fuoco rossa esplode verso il cielo per un centinaio di metri. Il boato e lo spostamento d’aria ci investono, come il soffio della morte. Il kamikaze al volante della macchina minata si è fatto...

    Continua a leggere