Giacchetta e barbetta, l’autoproclamato governatore della Repubblica popolare di Donetsk, Denis Pushilin, canta vittoria annunciando la secessione ed evocando l’annessione alla Russia.”Un nuovo capitolo si è aperto in Europa – dichiara il capopopolo -. Il primo passo è sancire la sovranità della nostra repubblica e poi decidere per l’indipendenza o l’unione con altri Stati”. Tradotto significa l’annessione alla Russia nonostante gli strali della comunità internazionale, che bolla il referendum di domenica come “illegale e illegittimo”. A Donetsk la vittoria della secessione è stata proclamata con 2.252.867 sì. A Lugansk, l’altra “capitale” dei separatisti, il risultato è altrettanto bulgaro: 90%. Nessuno saprà mai se e quanti brogli ci sono stati. Incerta pure la reale affluenza alle urne per consumare lo strappo con Kiev, che varia, a seconda delle fonti, dal 60 all’80%. L’unica certezza è che i filorussi non si fermano. “Tenendo conto della volontà popolare e per ristabilire una giustizia storica, chiediamo a Mosca di considerare la questione dell’accesso alla Federazione Russa”, dichiara Pushilin in un edificio pubblico occupato e circondato da barricate nel centro di Donetsk.

Il richiamo è alla regione zarista della Novorossiya, la Nuova Russia, che va fino a Odessa ed è stata evocata dal Cremlino dopo la Crimea. Non solo: l’autoproclamato governatore mette in chiaro che “le autorità della neonata Repubblica si riservano il diritto di chiedere l’invio di forze di pace in caso di aggravamento della situazione”. Ovviamente i caschi blu saranno russi. L’autoproclamato sindaco di Slaviansk, il fortino separatista circondato dall’esercito di Kiev, è il primo a farlo ieri sera, chiedendo “alle truppe del Cremlino” di intervenire. Il nuovo ministro della Difesa dei secessionisti è Igor Strelkov, ex ufficiale di Mosca, comandante della milizia filorussa. “Dobbiamo formare un esercito per difendere la Repubblica” sostiene Pushilin. Nel palazzo occupato del governatore fedele a Kiev i volontari in mimetica e volto mascherato sono già pronti. A rompergli le uova nel paniere l’annunciato arrivo in città della candidata presidenziale Yulia Timoshenko, odiata dai filorussi.Non a caso i secessionisti annunciano candidamente che “le elezioni del 25 maggio non si terranno sul nostro territorio”. E a Kiev Pushilin manda a dire: “Nessun dialogo. Trattiamo solo sullo scambio di prigionieri”. Il presidente ucraino ad interim Oleksandr Turchynov ribadisce che il referendum è una “farsa di propaganda senza effetti giuridici”. I ministri degli Esteri dell’Unione Europea riuniti a Bruxelles lo bollano come “illegale ed illegittimo”. Berlino parla di «voto truccato» e Londra di “credibilità zero agli occhi del mondo”. Gli Stati Uniti dichiarano che “non riconoscono il referendum illegale”.

L’Europa sanziona altri 13 imprenditori, oltre a due società della Crimea. Il Cremlino apre con prudenza affermando di rispettare “l’espressione della volontà popolare” e sottolineando “l’alta affluenza nonostante i tentativi di far fallire il voto”. Il presidente Vladimir Putin ancora non parla, ma il ministro degli Esteri di Mosca, Serghiei Lavrov, invita Kiev a dialogare con i secessionisti. “Senza la partecipazione degli oppositori all’attuale regime ucraino al dialogo diretto sull’uscita dalla crisi non si riuscirà a fare nulla”, sostiene il capo della diplomazia russa. A Donetsk il Fronte patriottico fedele all’Ucraina unita, semi clandestino, si prepara alla “resistenza”. “Ci siamo svegliati oggi in una Repubblica illegale sotto il controllo dei separatisti – scrivono in un messaggio ai patrioti -. Dovete organizzare gruppi di 5-10 persone per sopravvivere all’occupazione. Spazzeremo via i traditori che ci hanno portato la guerra in casa”.

TRASPARENZA

Questo reportage è stato realizzato con il sostegno dei lettori. Qui di seguito tutte le ricevute delle spese sostenute dal reporter

Nel campo comunista di Goli Otok
SOSTIENI IL REPORTAGE
ALTRI EPISODI
Nel campo comunista di Goli Otok
SOSTIENI IL REPORTAGE