VUOI FARE UN'INCHIESTA? REALIZZALA CON NOI

Irpin (Kiev) – La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque sono rimasti indietro, laggiù” urla con un senso di colpa. Un’anziana avvolta nella coperta innevata fin sopra la testa è costretta a una sedia a rotelle. Un volontario sfinito la sta spingendo dalla città. Un’altra anziana con un giubbotto lilla l’hanno piazzata in un carrello della spesa per portarla in salvo. Il fiume umano di disperati in fuga dai russi è una  lunga colonna diretta a piedi verso Kiev, che sembra non interrompersi mai.

Il posto di blocco dove tre giorni fa ci siamo beccati con i civili due colpi di mortaio a 30-40 metri è presidiato da un paio di soldatini più attenti a ripararsi che a controllare. Da questo punto bisogna proseguire a piedi costeggiando le case distrutte dai bombardamenti, le carcasse delle automobili che hanno preso fuoco ed i resti di vestiti e lenzuola che coprivano la famiglia sterminata da una granata. I soldati ucraini sono attestati dall’altra parte della strada al coperto degli edifici ancora in piedi. Il colpo al cuore è la visione dantesca del ponte distrutto: sotto la navata ancora in piedi, dall’altra parte, sono un migliaio i civili pigiati uno all’altro nella disperata attesa di passare il fiume. Soprattutto donne, bambini, adolescenti e anziani. Il colpo d’occhio è impressionante con la neve ed il tempo grigio che rende tutto più cupo. Nella fila indiana di chi è appena passato una mamma rincuora il figlio piccolo disperato in braccio a un soldato: “Arthur non piangere, papà arriva, papà arriva”.

 

Vitalina si riunisce ad una parente fra le lacrime. Le donne hanno il groppo in gola, ma un bambino come ci vede grida: “Slava Ucraina”, gloria al paese invaso che continua a resistere ad oltranza. Un volontario porta una signora in spalla ed i più piccoli fuggono con lo zaino di scuola pieno di roba. Le passerelle di fortuna ricavate con tavole e tronchi sono incerte e pericolanti.  Gli anziani che camminano male vengono tenuti per mano dai militari un passetto dopo l’altro. I feriti, malati e gli invalidi più fortunati sono soccorsi in barella, altri come fagotti nelle coperte e trascinati oltre. Un’odissea continua, che non può mai fermarsi per il terrore dei bombardamenti. Questa volta i russi non tirano sui civili, ma la massa umana del corridoio umanitario ondeggia quando partono le prime cannonate ucraine verso le posizioni nemiche. I missili Grad lanciati a ripetizione fanno correre un brivido lungo la schiena. I duelli d’artiglieria con i russi si consumano ai fianchi della colonna in fuga.
Qualcuno sventola la bandiera bianca, tutti imprecano contro i russi accusati di avere bombardato le abitazioni civili in maniera indiscriminata pur di entrare in città. Gatti trasporatti nei giubbotti, cani al guinzaglio, assieme agli esseri umani fuggono anche gli animali. Un giovane si porta dietro la bicicletta. I militari ed i volontari della difesa territoriale si fanno in quattro per aiutare la gente nella fuga verso Kiev.


Sostieni il reportage di Fausto Biloslavo in Ucraina con una donazione con Paypal o carta di credito, oppure con un bonifico:
ASSOCIAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL GIORNALISMO
BANCO POPOLARE DI LODI
Filiale di Milano, piazza Mercanti 5
IBAN: IT43L0503401633000000004244
CAUSALE: Reportage Ucraina
SOSTIENI IL REPORTAGE


Dall’altra parte del ponte la strada che arriva dalla città è un cimitero di automobili abbandonate dai civili in fuga. I colpi di artiglieria si fanno più vicini e una colonna di fumo nero si alza a meno di un chilometro davanti ai primi palazzi bianchi di Irpin. Un uomo sui 70 anni che ha raggiunto il ponte a piedi spiega dove si trovano i russi e conferma: “Sono entrati con i tank”. Il sindaco Oleksandr Markushyn ammette che il “70% della città è in mano nemica: Ci hanno intimato la capitolazione. Irpin non si arrende, Irpin non si compra, Irpin combatte!”. Le macchine dei volontari, che fanno la spola con i rifugi antiaerei da evacuare, arrivano a tutta velocità scaricando gli sfollati. Una babucka molta anziana si sorregge sul deambulatore, ma non riesce a camminare. E’ rimasta sola in mezzo al cimitero delle macchine e chiede aiuto in lacrime. Le corro incontro abbracciandola per rassicurarla e lei, tremante, mi stringe forte la mano come una bambina. Assieme ad altri giornalisti la solleviamo di peso trasportandola verso i militari che stanno arrivando in soccorso.

Un furgoncino che fa la spola verso la città è il passaggio perfetto. L’autista corre come un pazzo e appena arriviamo alla prima rotonda spuntano dalle trincee scavate lungo la strada i soldati ucraini. Con le unghie e con i denti tengono l’ultima striscia urbana per proteggere l’evacuazione dei civili. Meno di un chilometro e mezzo più avanti, Lorenzo Meloni, fotografo di Magnum vede dei soldati con una mimetica verde diversa e fasce bianche al braccio. “Russi, russi” grida il volontario che ci accompagna e il furgoncino fa una spericolata inversione a U. Più indietro gruppi di civili sono ancora sotto terra, nei rifugi, al lume di candela. Un anziano quando capisce che siamo giornalisti alza il bastone urlando “gloria all’Ucraina” seguito dalle donne che spuntano come spettri fra materassi e coperte. In un angolo una giovane famiglia da tre giorni nel rifugio è indecisa se scappare o aspettare l’arrivo dei russi. Dmitry, il padre ripete: “Non li temo. Combattiamo contro Putin, ma dov’è la Nato?”. Alina, la figlia piccola si tiene stretta l’orsacchiotto e la moglie ha il volto livido dalla paura.

I passaggi verso la salvezza, sono sempre meno. “I russi erano a 300 metri da qui. Poi si sono ritirati, ma torneranno presto” racconta un abitante della zona. Un volontario devo portare via un anziano non vedente. Ci pigiamo tutti in macchina e via a cento all’ora verso Kiev e il ponte distrutto. L’evacuazione di 3mila civili si è conclusa e sta calando un silenzio spettrale. La calma surreale viene interrotta solo dagli ordini dei soldati che prendono posizione in attesa dei russi. Cinque chilometri dopo arriviamo alle prime case della capitale. Sull’ultima strada della periferia nord ovest dedicata al generale sovietico Naumov, esperto di guerriglia, gli ucraini innalzano muri di cemento e piazzano i cavalli di Frisia. Blindati e truppe fresche sono arrivati nell’avamposto sapendo bene che il nemico è alle porte.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.

TRASPARENZA

Questo reportage è stato realizzato con il sostegno dei lettori. Qui di seguito tutte le ricevute delle spese sostenute dal reporter

VUOI FARE UN'INCHIESTA? REALIZZALA CON NOI
ALTRI EPISODI
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere
  • PARTE 17

    In fuga dai russi sotto la neve

    Irpin (Kiev) - La neve scende giù fitta e gelida. Una donna bionda cammina veloce e piange disperata. “I bambini, i bambini” ripete e poi mostra Irpin, il sobborgo di Kiev che sta cadendo nella mani dei russi. “In cinque...

    Continua a leggere