Nella periferia di Donetsk si continua a combattere. A tre anni dall’inizio della guerra civile del Donbass, che vede contrapposti l’esercito regolare ucraino e le forze separatiste filorusse, e nonostante i numerosi accordi di pace, i cannoni seguitano a sparare. Impossibile stabilire il numero delle vittime. Le fonti ufficiali parlano di dodicimila caduti, ma tutti sanno che le vere cifre sono molto più alte.

Nel centro della capitale della autoproclamata repubblica popolare la vita scorre normalmente: sola la notte, quanto il vento soffia verso sud, capita di sentire il lontano boato di qualche esplosione. Il fronte si trova oltre gli ultimi sobborghi operai. Qui, in uno scenario da prima guerra mondiale, uomini e ragazzi vengono feriti e uccisi ogni giorno. Abbiamo raggiunto una delle trincee avanzate della milizia separatista. “Gli sniper lavorano giorno e notte – spiega il comandante del presidio -. Usano proiettili incendiari, in modo da poter individuare meglio i bersagli dopo il calare delle tenebre”.

È col crepuscolo, infatti, dopo che gli osservatori dell’Osce sono rientrati alle proprie basi, che gli opposti contendenti iniziano a far tuonare le armi. A volte, in alcuni settori, ci si limita ai pulemyot e alle mitragliatrici pesanti. Più spesso, entrano in azione tank, mortai e cannoni. I bollettini di guerra parlano, ogni giorno, di decine di violazioni del coprifuoco. Solo nell’ultima settimana, nel territorio della repubblica di Donetsk, ci sono stati nove morti e undici feriti, ai quali bisogna aggiungere i caduti della repubblica di Lugansk e quelli dell’esercito ucraino.

“Siamo in una situazione di stallo – raccontano i miliziani -. Sono ormai due anni che non si registrano grossi attacchi. Perciò abbiamo scavato le nostre trincee: difendiamo il nostro territorio e aspettiamo che succeda qualcosa”. La zona più martoriata è quella dell’aeroporto di Donetsk: il villaggio di Pisky, a ovest, la zona della piste di atterraggio, dove le trincee corrono a poche decine di metri di distanza, il sobborgo di Spartak e la periferia di Adeevka, dove negli scorsi mesi le fanterie hanno ingaggiato una disperata battaglia casa per casa. Le possibilità di una vera tregua, secondo i politici locali, sono praticamente nulle: “Il territorio della nostra repubblica dovrà espandersi fino a raggiungere i confini del vecchio oblast’ di Donetsk – ha dichiarato negli scorsi giorni il presidente della repubblica separatista, Alexander Zakharchenko -. Fino a che il governo ucraino manterrà l’atteggiamento che ha tenuto negli ultimi tre anni, non credo che ci potranno essere trattative”. La pace è ancora lontana, all’orizzonte di Donetsk.

Foto di Alfredo Bosco

TRASPARENZA

Questo reportage è stato realizzato con il sostegno dei lettori. Qui di seguito tutte le ricevute delle spese sostenute dal reporter

ALTRI EPISODI
  • PARTE 1

    Donbass, il Carso del XXI secolo

    La guerra civile del Donbass è un conflitto congelato da ormai due anni e mezzo. Dopo le grandi battaglie del 2014-2015 - che hanno permesso ai separatisti filorussi, dopo aver perso il caposaldo di Sloviansk, di conquistare le cittadine di...

    Continua a leggere
  • PARTE 2

    Vita nel bunker

    Il bunker è in parte invaso dall'acqua. È stato edificato nell'epoca brezneviana, ai tempi in cui l'Unione Sovietica viveva nell'incubo costante di un attacco atomico. È rimasto vuoto per quindici anni, fino all'estate del 2014, quando in questa grigia regione dell'Ucraina orientale,...

    Continua a leggere
  • PARTE 4

    Il conflitto congelato

    La guerra in Ucraina è una guerra dimenticata. Era la primavera del 2014, quando i separatisti filorussi e l’esercito di Kiev hanno iniziato a scontrarsi lungo i confini del Donbass, in quello che un tempo è stato il più grande...

    Continua a leggere
  • PARTE 5

    La battaglia di Donetsk

    La città di Adveevka è saldamente in mano all'esercito ucraino. Le trincee separatiste lambiscono il confine meridionale del centro abitato: è la cosiddetta "Promzona", l'area industriale. Un piccolo triangolo di casette, ormai ridotte a cumuli di polvere e mattoni: poche...

    Continua a leggere
  • PARTE 6

    Nelle miniere illegali del Donbass

    Le chiamano Kopankas. Sono un arcipelago immenso, di cui nessuno può conoscere la reale entità. Decine di chilometri di tunnel scavati a mano nel cuore della roccia, sotto le trincee e i campi minati. Sono le miniere illegali del Donbass...

    Continua a leggere
  • PARTE 7

    “Così abbiamo raccolto il corpo di Andrea Rocchelli”

    “In quei giorni ci fu un pesante bombardamento presso la collina di Karachun. Siamo stati informati che un reporter francese era rimasto ferito e si trovava all'ospedale.Due suoi colleghi avevano perso la vita: un italiano e un russo. L'indomani siamo...

    Continua a leggere