Donne /

Herat – Nel 207° corpo d’armata di Herat sono arruolate 21 donne. Un sergente con il velo nero sul capo urla gli ordini: attenti, fianco dest, march. Le donne soldato scattano e gridano per tre volte hurrà, come se fosse normale nel paese dove vige la legge del burqa. L’aspetto curioso è che fra gli anfibi spuntano sandali e scarpe femminili.

Il sergente con occhialini e rotondetta è Sakina Ismaili. A 27 anni e con tre figli garantisce: «Certo che so usare il kalashnikov. Posso sfidarti al tiro a segno». I bigotti dell’Islam duro e puro la considerano una «svergognata», ma Sakina vuole diventare generale. La più anziana è il tenente Laila Ibrahimi, che ha dovuto vivere per mesi sotto protezione a causa delle minacce di morte dei talebani. A soli 18 anni, Zhara Kawari ha deciso di indossare la divisa e usa Facebook per farsi amici fuori dall’Afghanistan.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.

TRASPARENZA

Questo reportage è stato realizzato con il sostegno dei lettori. Qui di seguito tutte le ricevute delle spese sostenute dal reporter

ALTRI EPISODI