L’isola degli orrori di Tito

L’isola degli orrori di Tito

Vogliamo raccontare gli orrori di Tito a Goli Otok, l’isola a due passi dall’Italia dove “il Maresciallo” imprigionò 30mila oppositori, tra cui centinaia di italiani. Vogliamo farlo attraverso lo sguardo del fotografo tre volte vincitore del World Press Photo, Ivo Saglietti, e le parole di Matteo Carnieletto, responsabile di InsideOver.

Per farlo abbiamo bisogno di te.

Sostieni il reportage.

5126.14€
raccolti di 4000
10
giorni rimasti
128.2%
VOGLIO CONTRIBUIRE AL PROGETTO

Era il 1956 quando venne chiuso, dopo otto lunghi anni, il campo di di Goli Otok, un’isolotto di tre chilometri per tre nel cuore dell’Adriatico. Lo aveva voluto Josep Broz Tito, maresciallo di Jugoslavia, per rieducare i comunisti rimasti fedeli all’Unione sovietica. Finirono internate oltre 30mila persone, 4mila delle quali morirono dopo atroci sofferenze.

L’obiettivo della dirigenza comunista era quello di fiaccare non solo il corpo, ma anche lo spirito di coloro che vi arrivavano. Botte e lavoro estenuante erano la costante di questa isola. Non ci si poteva fermare. Bisognava solamente agire. Era il partito a chiederlo. Era il partito a massacrare.

Cosa vogliamo fare

I nostri reporter partiranno da Milano e, dopo una prima tappa a Trieste, città martoriata al termine della Seconda guerra mondiale, percorreranno tutta la penisola istriana per arrivare infine a Goli Otok dove documenteranno il campo di concentramento degli orrori titini.

A portarci a Goli Otok saranno il fotografo Ivo Saglietti, vincitore di tre World Press Photo e grande conoscitore dei Balcani, e Matteo Carnieletto, responsabile del sito di InsideOver e autore, insieme a Fausto Biloslavo, di Verità infoibate

Perché raccontare Goli Otok oggi

A distanza di oltre settant’anni la memoria pare lontana. I ricordi delle sofferenze titine sbiadite. È per questo che vogliamo tornare su quell’isola fatta di pietra e di sole battente: vogliamo raccontare una storia dimenticata. Che, però, ci parla ancora.

I costi del reportage:

Viaggio in auto: 400 euro
Vitto e alloggio: 1150 euro
Traghetti/imbarcazioni: 200 euro
Pellicola + sviluppi: 450 euro
Assegnato Saglietti: 1600 euro
Post produzione: 200 euro

Come donare

Puoi pagare con carta di credito o Paypal cliccando il bottone Sostienici o tramite bonifico:

ASSOCIAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL GIORNALISMO
BANCO POPOLARE DI LODI
Filiale di Milano, piazza Mercanti 5
IBAN: IT43L0503401633000000004244
CAUSALE: Reportage Goli Otok

IL REPORTAGE VERRÀ REALIZZATO DAIvo Saglietti

Nato a Toulon, Francia, Inizia la propria attività a Torino come cineoperatore, producendo alcuni reportages di tipo politico e sociale. Nel 1975 inizia ad occuparsi di fotografia, lavorando nelle st

GUARDA TUTTI I SUOI LAVORI
IL REPORTAGE VERRÀ REALIZZATO DAMatteo Carnieletto

Entro nella redazione de ilGiornale.it nel dicembre del 2014 e, qualche anno dopo, divento il responsabile del sito de Gli Occhi della Guerra, oggi InsideOver. Da sempre appassionato di politica ester

GUARDA TUTTI I SUOI LAVORI

5126.14€
raccolti di 4000
10
giorni rimasti
128.2%
VOGLIO CONTRIBUIRE AL PROGETTO