Il devastante passaggio dell’uragano Harvey sulle coste del Texas e della Louisiana ha provocato una serie di danni estremamente considerevoli, di portata tanto ampia da mettere in ginocchio l’area urbana di Houston, la quarta più popolosa degli Stati Uniti d’America: oltre alla pesante conta di 70 morti, infatti, Harvey ha causato un vero e proprio disastro in termini economici, provocando col suo passaggio danni quantificati come sicuramente superiore ai 70 miliardi di dollari al patrimonio infrastrutturale, urbano ed economico del Texas e della Louisiana. 

Lo scenario che gli analisti tendono a considerare nello studio degli effetti di Harvey è quello, devastante, che si profilava di fronte alle forze di soccorso dopo lo sconvolgimento causato a New Orleans dall’uragano Katrina nel 2005: il passaggio di Katrina, che attirò ben 71 miliardi di fondi federali per la ricostruzione, provocò il vasto allagamento di un’area urbana densamente popolata in una proporzione simile a quella conosciuta negli scorsi giorni da Houston, sebbene il principale centro del Texas abbia pagato un tributo umano largamente inferiore a quello imposto a New Orleans dalla tempesta dello scorso decennio, che uccise 971 persone nella sola Louisiana. Nel caso di Houston, la stima dei tempi per la ricostruzione e la ripresa economica, nonché la quantificazione complessiva del conto finale dei danni, è subordinata a un dato di primaria importanza: i cittadini che hanno subito il maggior numero di danni dal passaggio di Harvey appartengono, come riportato dal Guardian, alle fasce della popolazione dotate dei livelli inferiori di reddito e sprovviste, in larga misura, di assicurazioni contro i disastri naturali. Ciò, unito alle difficoltà logistiche provocate dall’inondazione delle principali arterie stradali dell’area urbana di Houston che le renderà inagibili per diverse settimane, rischia di portare a una consistente lievitazione dell’esborso necessario a completare la ricostruzione, stimato con ogni probabilità come destinato a sfondare il tetto dei 100 miliardi di dollari.

Il tema della ricostruzione post-Harvey si innesta sul dibattito politico in atto a Washington sul finanziamento per il budget federale del 2018 e sulla necessità di alzare la soglia del debito pubblico in modo tale da evitare lo shut-down dell’attività governativa. Con un’inaspettata apertura che fa seguito a mesi di feroce contrapposizione, il Presidente Donald J. Trump ha approvato una mozione proposta dal Partito Democratico a un pacchetto di aiuti da 15 miliardi di dollari, convalidata dalla Camera dei Rappresentanti nella giornata di venerdì 8 settembre.

[Best_Wordpress_Gallery id=”650″ gal_title=”URAGANO HARVEY”]

La decisione di Trump ha scavalcato l’opposizione delle frange più conservatrici del Partito Repubblicano, contrarie a legare il tema della ricostruzione del Texas e della Louisiana al necessario aumento del livello di sostenibilità del debito: non è un caso, infatti, che la mozione a favore degli aiuti straordinari abbia conosciuto una rilevante opposizione, passando con 316 voti favorevoli e 90 contrari, completamente impersonificata dai Congressmen repubblicani più tenaci. Come riportato dal New York Times, la tempestiva risposta delle istituzioni ad Harvey è stata facilitata dal primo, serio incontro tra il Presidente e il Partito Democratico, nonché dalla prima mediazione andata a buon fine della nuova amministrazione. Su Harvey si è inoltre segnalata una netta frattura tra Trump e l’ala più radicalmente conservatrice del Grand Old Party; l’intesa sull’emergenza renderà sicuramente meno aspre le contestazioni interpartitiche in vista dell’imminente dibattito sul budget federale, ma contribuirà ad acuire le tensioni interne alla maggioranza congressuale repubblicana. In ogni caso, i giochi politici passano in secondo piano di fronte all’entità dell’opera che si prospetta necessaria per rimettere in piedi Houston e le regioni limitrofe, e diventano ulteriormente irrilevanti se si considera come, molto presto, al conto salatissimo di Harvey potrebbe aggiungersi l’ulteriore batosta imposta dal passaggio di Irma sulla Florida

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.