Diventa fotoreporter IMPARA DAI PROFESSIONISTI

Era solo una questione di tempo prima che i russi svelassero i loro sistemi d’arma senza pilota. La scorsa settimana il ministro della difesa russo, Sergei Shoigu, ha infatti annunciato che nella sfilata commemorativa della vittoria sovietica sulla Germania nazista nella seconda guerra mondiale – che si tiene ogni anno a Mosca, nella Piazza Rossa – verranno mostrate al mondo le nuove tecnologie che la superpotenza ha sviluppato in questi anni.

Per la prima volta sono stati citati, durante la dichiarazione, “il sistema robotico multifunzionale da combattimento Uran-9, il robot multiuso Uran-6 e i droni armati a corto raggio Korsar“. Le tre piattaforme di ultima generazione appariranno per la prima volta insieme agli altri armamenti terrestri e aerei: dimostrando che dopo una breve ‘pausa’ di sfoggio militare (come il tank T-14 ‘Armata’), le parata del Victory Day torna ad essere il palcoscenico per mostrare i muscoli della Russia al suo popolo e al mondo. Negli ultimi anni, la Federazione Russa ha compiuto grandi progressi nello sviluppo di una vasta gamma di droni aerei, terrestri e marini; e queste piattaforme Uav/Ugv/Uuv sarebbero già state ‘ampiamente’ impiegate in operazioni condotte nei teatri dove il Cremlino ha schierato le proprie truppe. Delle tre piattaforme nominate da Shoigu però, solo l’Uran-6 –  ‘disarmato’ avrebbe visto effettivo impegno operativo nel teatro siriano.

Il robot ‘sminatore’ Uran-6

L’Uran-6 è un sistema robot multi-funzionale per la rimozione di mine prodotto dalla JSC 766 UPTK per le Forze Armate della Federazione Russa. Il robot da sminamento su cingoli, è un’unità a controllo remoto capace di trasportare carico utili con un peso di circa 6 tonnellate. Ha una lunghezza di 4,45 metri per una larghezza di 2  metri ed è dotato di quattro videocamere che offrono all’operatore un campo visivo a 360 ° dell’area operativa anteriore e posteriore. Le immagini in tempo reale vengono trasmesse al suo sistema di controllo remoto. Può essere utilizzato nelle operazioni di ricognizione e di rimozione delle aree per rilevare e rimuovere le mine antiuomo e anti-carro armato o IED. 

Il robot-tank Uran-9 

Il veicolo robot multiuso Uran-9 è un cingolato a pilotaggio remoto progettato per fornire ricognizione e supporto al fuoco per missioni di antiterrorismo, e ricognizione in ambienti urbani. Equipaggiato con una varietà di armi e sensori, il robot è destinato ad affiancare le squadre di fanteria dispiegate sul campo onde evitare o limitare perdite nelle fasi più complesse dell’avanzata. È lungo 5,12 m, largo 2,53 metri e pesa a vuoto di circa 10.000 kg. Dotato di una torretta telecomandata per il montaggio di diverse armi e missili di medio e basso calibro, in base alle esigenze della missione può montare quattro lanciatori per missili guidati anticarro di 9M120-1 Ataka – due per lato – e missili 9M120-1. La sua torretta incorpora anche un cannone automatico stabilizzato da 30 mm 2A72 per la difesa contro bersagli aerei terrestri e a bassa quota e una  mitragliatrice coassiale Kalashnikov PKT / PKTM da 7,62 mm. Può essere inoltre dotato di lanciafiamme reattivi Shmel-M o di missili terra-aria Igla.

Il drone Korsar

Il Cremlino annunciò che la produzione degli Uav – unmanned aerial vehicle – sarebbe iniziata a partire dal 2017, ma solo quest’anno si sarebbe passati alla produzione in ‘massa’ di questo drone a corto raggio Tuttavia, il produttore dell’UAV apparentemente non iniziò la produzione di massa fino al 2018.

Detto questo, la Russia ha operato una grande flotta di UAV in Ucraina e Siria – il corto raggio Eleron-3 e il più lungo raggio Orlan-10 e Forpost, quest’ultimo una copia autorizzata del drone israeliano. Ci sono altri UAV più piccoli nel servizio russo. La loro assenza alle sfilate è sorprendente, alla luce della decisione di mostrare in primo luogo altri sistemi senza equipaggio.

Mentre i militari russi in Siria hanno utilizzato numerosi UGV per sorveglianza e sminamento, la maggior parte sono piccoli e potrebbero non essere una buona mostra pubblica. L’esercito russo sta infatti valutando due UGV di media grandezza che sono stati sottoposti a prove estese e pronti a schierare per uso effettivo: i “Soratnik” e “Nerehta” armati. Anche l’assenza di questi due veicoli nella parata del 9 maggio è curiosa, vista l’ampia pubblicità che hanno ottenuto dal 2016. Inoltre, i russi hanno già presentato la guardia “Platform-M” UGV.Un altro importante sistema senza equipaggio sarà assente nel maggio 2018 – l’UAV a lungo raggio Orion-E che è stato svelato con grande entusiasmo all’esposizione militare del 2017.

La scelta di un particolare sistema senza pilota su un altro potrebbe avere a che fare con la logistica, la politica interna o altri fattori. Tuttavia, selezionare un UAV sconosciuto rispetto a molti altri che si sono dimostrati in servizio è una … decisione curiosa. Forse la Russia sta salvando questi altri veicoli senza pilota per le sfilate future. La Bielorussia, il Kazakistan, l’Armenia, l’Azerbaigian, la Cina e l’Iran sono tra il numero crescente di nazioni che hanno esposto sistemi militari interni senza equipaggio nelle loro parate militari. Il 9 maggio 2018 non è sicuramente l’ultimo giorno in cui la Russia metterà in mostra sistemi senza equipaggio, date le risorse che dedica al loro design, produzione e utilizzo.

.
Sogni di diventare fotoreporter?
SCOPRI L'ACADEMY