Vuoi diventare giornalista d'inchiesta?
ULTIMI POSTI

In Turingia Alternative für Deutschland compie un passaggio politico molto importante. Grazie ai voti della formazione di destra, infatti, è stato eletto oggi primo ministro Thomas Kemmerich, presidente del Partito liberaldemocratico (Fdp) nel Land, battendo il governatore uscente, Bodo Ramelow della Linke. Kemmerich ha vinto per un solo voto, 45 a 44. Come riporta il settimanale Der Spiegel, Kemmerich guiderà un governo di minoranza formato da Fdp e Unione cristiano-democratica (Cdu).

Come ricorda l’agenzia Nova, a seguito delle elezioni tenute nel Land il 27 ottobre scorso, Ramelow aveva concluso un accordo tra Linke, Spd e i Verdi per formare un esecutivo di minoranza. Il piano è fallito quando oggi, al terzo scrutinio, AfD non ha più votato per il proprio candidato a primo ministro della Turingia, bensì per Kemmerich, che già aveva ottenuto l’appoggio della Cdu e naturalmente della Fdp. Nel Land della Germania orientale, potrebbe quindi nascere il primo governo appoggiato da Afd. Dalla Turingia arriva dunque un bello scossone per la Grande Coalizione a Berlino.

Il voto che fa tremare la Grande coalizione a Berlino

Secondo quanto riportato da La Repubblica, il voto favorevole per Thomas Kemmerich è arrivato nonostante il veto di Annegret Kramp-Karrenbauer su qualsiasi alleanza con l’Afd. Il capo locale della Cdu, Mike Mohring, ha spiegato di aver appoggiato “un candidato centrista” e di non sentirsi responsabile per “le scelte di altri partiti”, cioè per l’appoggio dell’Afd. Dura la reazione dell’Spd: il segretario generale della Spd, Lars Klingbeil, ha dichiarato che quello di oggi è un “punto bassissimo della storia del dopoguerra tedesco, non solo della Turingia” mentre Kevin Keuhnert, è convinto che “il 5 febbraio 2020 è una data che sarà ricordata dagli storici”.

Il liberale Kemmerich, detto “cowboy” per gli stivali e per la sua voce roca e profonda alla John Wayne, corrisponde perfettamente al cliché dell’uomo che si è fatto da sé: nato ad Aquisgrana, si è trasferito a est come consulente aziendale subito dopo la Caduta del muro e da allora è diventato Ceo di una catena di parrucchieri molto quotata. Durante la campagna elettorale, aveva dichiarato di essere distante politicamente dall’Afd: “Sono avversario dell’estrema destra e dell’estrema sinistra”. “Finalmente una testa calva che presta attenzione alla storia” era su uno dei suoi slogan elettorali.

La sinistra: “Nessuna collaborazione”

Secondo quanto riportato dai media tedeschi, gli ex ministri dell’Spd stanno già liberando i loro uffici, secondo il leader dei socialdemocratici Matthias Hey. “Non accetteremo alcuna offerta di gabinetto da Kemmerich” ha sottolineato. Ha poi escluso che i socialdemocratici della Turingia avrebbero lavorato con un primo ministro che è stato eletto con i voti di Afd. Così anche i Verdi e la Linke hanno rimarcato il fatto che non avrebbero collaborato in alcun modo con il nuovo governo.

Nel frattempo, la leader della Cdu Annegret Kramp-Karrenbauer “scomunica” il nuovo governo della Turingia e descrive il comportamento del suo partito a livello locale come “sbagliato”. La Cdu della Turingia, ha sottolineato, “ha agito espressamente contro le raccomandazioni e le richieste del Partito federale”.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.