Politica /

Donald Trump minaccia, l’Unione europea risponde. Ma non come le risposte dure di Donald Tusk e Angela Merkel farebbero pensare. In realtà, dalle notizie che arrivano dalla Germania, la strategia Usa di alzare il tiro con l’Europa sembra stia dando i suoi frutti proprio in favore di Washington. E nonostante le reazioni pubbliche inferocite dei partner europei, l’economia statunitense potrebbero trarne beneficio.

Il gas americano arriva in Germania

Il primo esempio arriva direttamente sul fronte del gas, uno dei settori più importanti nel delicato equilibrio di potere economico e politico fra Russia e Stati Uniti. Berlino è legata a doppio filo a Mosca grazie all’importazione di gas. E il gasdotto North Stream 2 ne è il simbolo principale. Un legame che Washington cerca da sempre di sradicare, consapevole che l’asse del gas fra Germania e Russia escluderebbe l’oro blu americano dal mercato europeo mentre consegnerebbe le chiavi dell’energia del Vecchio Continente al Cremlino.

Le sanzioni Usa hanno colpito indirettamente il progetto di raddoppio del gasdotto fra i giacimenti russi e il mercato tedesco. Un obiettivo strategico che Washington ha voluto colpire anche obbligando la Germania a comprare gas liquefatto americano. Trump ci sta riuscendo? Dalle ultime informazioni sembrerebbe di sì. E lo ha fatto proprio attraverso la minaccia di imporre dazi sulle automobili tedesche, una delle industrie principali del Paese europeo.

La scorsa settimana, come riportato da Reuters, la Germania ha annunciato di aver avviato l’iter per scegliere dove costruire un terminale per il gas naturale liquefatto (Gnl) entro la fine del 2018 “come un gesto per gli Stati Uniti che vogliono spedire più gas in Europa”. Ad affermarlo è stato il ministro dell’Economia di Berlino.

“Questo è un gesto per i nostri amici americani”, ha detto Peter Altmaier. “Abbiamo tre città in competizione e prenderemo una decisione prima della fine dell’anno”. Il ministro ha ribadito che il piano non è collegato al sostegno della Germania per North Stream 2. Ma è chiaro che di mezzo ci sia il gas russo e lo scontro fra Usa e Russia sul mercato gasiero europeo. E non è un caso che queste dichiarazioni siano giunte a margine dell’incontro fra Altmaier e Maros Sevocic della Commissione europea.

Il boom della soia americana

La minaccia dei dazi statunitensi ha evidentemente provocato più di un sussulto in sede europea. E a confermare questo effetto delle minacce di Washington c’è un altro dato su cui riflettere: l’aumento dell’importazione di soia americana dall’Europa. 

Come scrive Italia Oggi, “secondo i dati diffusi ieri dalla Commissione Ue, nel mese di luglio le importazioni di soia americana da parte dei paesi Ue sono aumentate del 283% rispetto allo stesso mese dell’ anno scorso (da 92mila a 360 mila tonnellate). Un’ impennata destinata ad aumentare, come rivelano alcune fonti europee, in virtù di un accordo commerciale siglato ufficialmente alla Casa Bianca due mesi fa, ma già operativo nelle settimane precedenti”.

Il patto sulla soia è uno degli accordi conclusi da Trump e Jean-Claude Juncker a luglio durante il loro vertice alla Casa Bianca. Un incontro in cui il risultato è stato che il presidente degli Stati Uniti ha rinunciato a imporre dazi all’Unione europea in cambio di maggiori acquisti da parte dell’Europa di prodotti americani. E così la minaccia di una guerra commerciale ha fatto sì che Bruxelles chinasse il capo. Del resto, gli interessi tedeschi in ballo erano enormi. E quest’Europa, che rappresenta in larga parte gli interessi commerciali del Paesi dell’Europa centrale e settentrionale, non poteva non prendersi cura dei rischi dell’industria tedesca.

Una vittoria politica

A giudicare da quanto avvenuto, per Trump si è trattato di una doppia vittoria. Da un punto di vista commerciale, ha guadagnato un mercato ricco come quello europeo. Ma da un punto di vista politico, anche interno, la mossa è stata particolarmente utile.

I coltivatori di soia del Midwest rappresentano una delle colonne portanti dell’elettorato repubblicano. La guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti ha bloccato l’export di soia americana verso Pechino, che invece ne richiedeva in quantità molto elevate grazie alla crescita degli allevamenti intensivi di maiali. Xi Jinping ha imposto il blocco dell’import di soia. E questo ha prodotto una grave perdita all’economia americana. Da qui l’ accordo con Juncker, in cui in sostanza l’Europa ha sostituito la Cina nel mercato della soia per evitare di subire i dazi. 

I rischi per l’Italia

Tutti contenti? Forse statunitensi e tedeschi. Perché invece gli italiani non sembrano cantare vittoria. Come ricorda sempre Italia Oggi, “l’Italia è il primo produttore europeo di soia, con circa il 50% della produzione Ue (1,1 milioni di tonnellate l’ anno), davanti alla Francia. La nostra autosufficienza, tuttavia, non va oltre il 20% del fabbisogno, e rende necessario un import robusto e crescente per la zootecnia, che ha già messo in allarme la Coldiretti”. Come segnalato da Roberto Moncalvo, già prima dell’accordo tra Juncker e Trump l’importazione di soia americana in Italia era aumentato del 31%.

È un momento difficile
STIAMO INSIEME