I sottomarini della Royal Navy riprenderanno i pattugliamenti artici a copertura di possibili obiettivi.E’ quanto comunicano da Londra. L’esperienza  – si legge nel comunicato – acquisita con le piattaforme statunitensi, ci conferirà la capacità “under ice” per operare nell’Artico.La formazione con gli equipaggi americani prevede la navigazione sotto il ghiaccio artico e lo sfondamento della superficie. La Royal Navy ha sospeso i pattugliamenti artici nel 2007, dopo che un’esplosione uccise due membri dell’equipaggio del sottomarino classe Trafalgar HMS Tireless, in navigazione sotto la calotta glaciale.Negli anni ’80, Regno Unito e Stati Uniti tracciavano periodicamente sottomarini sovietici nell’Artico.Quella che è definita come “under ice capability” è considerata una priorità operativa per la Royal Navy. L’Artico, infatti, è da sempre una zona cruciale per l’attività marittima civile e militare. I pattugliamenti saranno eseguiti dalla classe Trafalgar ed Astute. Due sottomarini inglesi, HMS Astute e HMS Trenchant, sono al momento in formazione presso la US Navy Ice Camp Sargo, centro di comando temporaneo per le operazioni nella regione artica.

ATTANASIO: VOGLIAMO RACCONTARE UN DRAMMA ITALIANO SOSTIENICI