Vuoi diventare giornalista d'inchiesta?
ULTIMI POSTI

L’Arabia Saudita è stata nominata membro della Commissione per i Diritti delle Donne dell’ONU.L’organismo si chiama “Commission on the Status of Women” (CSW) ed è il principale strumento intergovernativo dedicato alla promozione della parità di genere e all’empowerment femminile.È stato istituito nel 1946 in seno al Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC) e la sua funzione è di evidenziare lo stato della condizione femminile nel mondo e promuovere gli standard globali a cui le nazioni devono attenersi.L’ingresso dell’Arabia Saudita nella Commissione rappresenta uno scandalo che getta l’ennesima luce fosca sull’ONU e e sui diversi organismi che lo compongono.Hiller Nueller, direttore esecutivo di UNWatch l’organizzazione che monitora l’attività della Nazioni Unite, ha dichiarato che “eleggere l’Arabia Saudita per proteggere i diritti delle donne è come mettere un piromane a capo dei Vigili del Fuoco” ed ha aggiunto che tutto ciò “è assurdo e moralmente riprovevole” perché “la discriminazione saudita contro le donne è grave e sistematica nella legge e nella pratica”.Una strana proceduraIn genere i membri della Commissione vengono concordati tra i 54 paesi membri che compongono l’ECOSOC; ma questa volta si è scelto il voto a scrutinio segreto, prassi non consuetudinaria, su richiesta degli Stati Uniti (come rivela il video della seduta); perché?I paesi eletti dai 54 delegati dell’ECOSOC sono 13, si aggiungeranno ad altri già presenti (secondo un complesso sistema di rotazione) e rimarranno in carica dal 2018 al 2022; tra questi l’Arabia Saudita è quello che ha ricevuto meno voti: solo 47 mentre tutti gli altri paesi sono stati votati all’unanimità (o al massimo con un voto di meno come Kenya, Turkmenistan e Nicaragua che hanno ricevuti 53 voti).Questo dimostrerebbe che lo scrutinio segreto è servito agli Usa per far passare una nomina fortemente contrastata in seno alle Nazioni Unite.Inoltre, secondo Nueller, almeno 5 nazioni europee dell’ECOSOC hanno votato a favore dell’Arabia Saudita, ma non è ovviamente possibile sapere chi; tra queste potrebbero esserci Italia, Germania, Francia o Gran Bretagna.Oscurantisti ma “amici” dell’Occidentel’Arabia Saudita è una delle teocrazie più oscurantiste del mondo, regime repressivo primo per violazione dei diritti umani, condanne a morte senza garanzie di diritto, applicazione della tortura, persecuzione delle minoranze religiose.Secondo i dettami del wahabismo, interpretazione estrema del Corano, le donne non hanno alcun diritto civile e non possono esercitare alcun tipo di attività sociale e pubblica se non alla presenza di un uomo tutore.Eppure tutto questo all’Arabia Saudita si perdona: ai suoi regnanti, i francesi donano la Légion d’Honneur, gli americani le medaglie della Cia per l’impegno contro il terrorismo ben sapendo che l’Arabia Saudita è il principale sponsor dei gruppi jihadisti sunniti, il fiancheggiatore fuori dai propri confini di Al Qaeda e Isis, e il finanziatore dell’integralismo salafita che inquina l’islam europeo nelle moschee e nelle scuole coraniche dove imam sauditi predicano l’odio e la distruzione dell’Occidente.Ma l’Arabia Saudita è anche il principale alleato in Medio Oriente di Usa, Gran Bretagna e Francia e uno dei loro principali partner economici oltre che fondamentale acquirente della industria delle armi.Un anno fa Wikileaks svelò gli accordi segreti con i quali la Gran Bretagna ha barattato il proprio voto in sede Onu per garantire un seggio all’Arabia Saudita nella Commissione Diritti Umani (UNHCR) dove oggi i sauditi siedono.Questo, nonostante l’Arabia Saudita stia guidando una guerra criminale nello Yemen, denunciata da molte organizzazioni internazionali, con bombardamenti a tappeto sulla popolazione civile e violazione delle più elementari regole del diritto internazionale; sotto la protezione militare e politica di Usa e Gran Bretagna, grandi sponsor dell’intervento bellico.Insomma i famosi diritti umani non negoziabili con cui le democrazie occidentali i loro media e i loro intellettuali si riempion.o la bocca, per l’Arabia Saudita non valgono.Perché i diritti umani sono importanti ma i petrodollari, gli accordi commerciali e gli investimenti finanziari, lo sono di più.@GiampaoloRossi puoi seguirlo anche su Il Blog dell’Anarca

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.