Si avvicinano gli appuntamenti diplomatici cruciali per il futuro della Libia. In particolare, sembra oramai prendere forma la tanto attesa conferenza di Berlino, la quale doveva svolgersi già nello scorso mese di novembre ma che, a meno di comunque ancora possibili sorprese, si dovrebbe tenere il prossimo 19 gennaio. Un appuntamento, quest’ultimo, vitale per le chance europee di evitare la marginalizzazione nel dossier libico. Ma tutti i paesi del vecchio continente stanno effettivamente remando a favore degli ultimi sforzi compiuti nelle ultime settimane?

Quell’atteggiamento “sornione” da parte di Parigi

Come già spiegato nei giorni scorsi, l’Europa ha avviato una vera e propria corsa contro il tempo per tornare ad essere protagonista in Libia. Ed in particolar modo è stata l’Italia ad agire quale vera e propria “testa di ponte” per il vecchio continente. Roma, sia con il presidente del consiglio Giuseppe Conte che con il ministro degli esteri Luigi Di Maio, si è impegnata in una serie di tour diplomatici dai dubbi effetti concreti ma che hanno quanto meno manifestato un certo ritrovato (seppur tardivamente) interesse per il dossier libico. Così come anche la Germania nelle ultime settimane è tornata a spendere molte energie per dialogare con le varie parti in causa in Libia.

La conferenza di Berlino è del resto un’iniziativa che Angela Merkel non ha mai fatto mistero di volersi intestare. Nelle ultime ore, proprio la cancelliera si è sentita con il presidente russo Vladimir Putin nell’ottica di coniugare gli sforzi europei con quelli russi. Formalmente a questi sforzi starebbe partecipando anche la Francia. Dall’Eliseo, in particolare, è arrivato il via libera ad una missione europea in Libia con Parigi inclusa tra le protagoniste. Ma il fatto che l’iniziativa non sia di marca francese sta destando molti dubbi e non poche perplessità. Ed in particolare una domanda: la Francia sta realmente collaborando con gli altri attori europei?

Il sospetto sulla Francia

Nelle scorse ore a lanciare ulteriori perplessità, è stata l’analista Michela Mercuri in un’intervista su Libero: “Le iniziative europee di peacekeeping in ambito militare e diplomatico potrebbero essere impedite proprio dai francesi – ha dichiarato la docente autrice del libro “Incognita Libia” – la cui vicinanza ad Haftar è nota”. Possibile dunque un boicottaggio francese o, quanto meno, non è possibile escludere un atteggiamento di palese ambiguità da parte del presidente francese Emmanuel Macron. Questo perché la Francia potrebbe, da un lato, essere interessata ai tentativi europei che ovviamente favorirebbero anche l’Eliseo. Ma, dall’altro lato, Macron potrebbe in questo istante anche studiare una via alternativa in caso di fallimento della conferenza di Berlino.

“Si parla in questi giorni di una forza d’interposizione – ha continuato Michela Mercuri – ma il suo esito dipende da un elemento destabilizzante come Parigi, in grado di disturbare il processo”. La Francia dunque, nel caso in cui i conti non le dovessero tornare, è pronta a dare un eventuale colpo di grazie agli sforzi dell’Italia e dell’Europa. Ed i sospetti sull’Eliseo sono destinati ad aumentare giorno dopo giorno.