Vuoi diventare giornalista d'inchiesta?
ULTIMI POSTI

A partire dagli anni Cinquanta, la relazione dell’India con l’Unione Sovietica prima e la Russia poi è stata caratterizzata da un alto livello di cooperazione e da un crescente affiatamento reciproco che ha portato a parlare di una vera e propria “amicizia” tra i due Paesi.

Russia e India si sono sempre sostenute vicendevolmente sulla base di una dinamica che ha resistito all’evoluzione della geopolitica mondiale e di una crescente intensificazione dei rapporti bilaterali in numerosi ambiti strategici: alla cooperazione in seno alle grandi organizzazioni internazionali, nel settore della difesa, nello sviluppo dell’energia nucleare civile, della lotta al terrorismo e nell’esplorazione spaziale si è aggiunta, sulla scia dell’ascesa economica di Nuova Delhi, una forte partnership commerciale che ha portato Vladimir Putin e Narendra Modi a prospettare come raggiungibile un interscambio bilaterale da 30 miliardi di dollari annui entro il 2025.

A partire dal 2017, importanti accordi economici come l’acquisto delle raffinerie di Essar Oil da parte del gigante russo Rosneft e l’incremento dell’export militare russo all’esercito indiano, che acquista dal Cremlino il 68% dei suoi armamenti, si sono tuttavia sovrapposti ai primi sintomi di quelle che potrebbero essere vere e proprie crepe nella “relazione speciale” tra Russia e India. 

La relazione tra Russia e India alla prova della geopolitica

L’asse Mosca-Nuova Delhi ha tenuto a lungo dimostrando un’elevata resilienza, ma negli ultimi anni è stato sottoposto alla prova dell’evoluzione degli scenari geopolitici e strategici dell’Eurasia, sulla scia dell’ascesa della Cina a grande potenza globale. Come spiega Rajesh Soami su The Diplomat, l’ascesa della Cina e lo sviluppo della Belt and Road Initiative hanno vincolato sempre di più Mosca a Pechino, rafforzando un’alleanza decisamente diseguale stanti i rapporti di forza economici e politici tra i due Paesi.

Al tempo stesso, come spiega Dmitriy Frolovskiy su The Diplomat, la Cina è stata percepita dall’India come principale rivale geopolitico. “Le due nazioni hanno aspre contese di confine, come testimoniato dal recente confronto sull’altopiano del Doklam nel territorio conteso tra Cina e Bhutan. Cina e India competono inoltre per l’influenza nella regione dell’Asia-Pacifico e nell’Oceano Indiano. Visto che il PIL cinese supera di quattro volte quello indiano e le sue spese militari sono tre volte superiori, lo squilibrio di forze ha spinto Nuova Delhi a cercare alleati per controbilanciare il suo potente vicino”, forte anche di relazioni cordiali e attive con il Pakistan, nemico numero uno dell’India.

In questo quadro, l’India ha sviluppato un asse con gli Stati Uniti, il Giappone e l’Australia volto formalmente a controbilanciare l’influenza cinese ma, sul piano concreto, ostile anche al congiungimento geostrategico tra la Repubblica Popolare e la Russia sulle rotte della “Nuova Via della Seta”. Dal nuovo paradigma geopolitico, la relazione tra Russia e India è uscita sicuramente indebolita: nonostante Mosca abbia tentato di rilanciare le sue mosse per fungere da ago della bilancia tra Cina e India, gli ultimi sviluppi sembrano suggerire che in futuro la grande amicizia tra Russia e India sarà destinata a ridimensionarsi.

Pakistan e armi: gli oggetti del contendere nei primi screzi tra Russia e India

Rajesh Soami ha citato su The Diplomat due episodi recenti che hanno segnalato dei primi contenziosi tra Russia e India, denotanti divergenze tra i rispettivi interessi nazionali. Il primo è legato al riavvicinamento russo-pakistano, sancito dalla visita del Ministro degli Esteri di Islamabad Khawaja Asif all’omologo Sergei Lavrov tra il 20 e il 24 febbraio. Lavrov ha segnalato il sostegno di Mosca agli sforzi antiterrorismo del Pakistan e annunciato esercitazioni militari congiunte tra i due Paesi.

Tutto questo a pochi giorni dalle esplosive dichiarazioni di Jumma Marri Baloch, leader della guerriglia del Balochistan in esilio a Mosca da 18 anni, che ha accusato l’India di strumentalizzare la causa della rivolta nel sud del Pakistan in un’intervista ai mezzi di comunicazione russi, creando non poco imbarazzo a Nuova Delhi.

Un ulteriore contenzioso è stato legato al progressivo naufragio del programma congiunto tra le aviazioni di Russia e India per lo sviluppo di un moderno caccia di quinta generazione: la Indian Air Force (IAF) ha richiesto alla Lockheed Martin informazioni sulle possibilità di ricevere in futuro una partita di F-35, portando la controparte russa a spazientirsi e a prospettare, in futuro, un ribaltamento del programma a favore di Islamabad. 

Lunga e duratura, la relazione tra Russia e India non naufragherà certamente dall’oggi al domani: tuttavia, nell’epoca delle alleanze a geometria variabile, la liquidità delle relazioni internazionali è fatto conclamato e concreto, e nemmeno Mosca e Nuova Delhi si possono sottrarre a questa logica. Risulta quindi realistico prospettare un futuro in cui la relazione tra Russia e India si manterrà attiva, ma verrà animata non solo da una collaborazione incondizionata ma anche da possibili contenziosi legati alla crescente complessità dello scacchiere geopolitico dell’Eurasia e dell’Indo-Pacifico.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.