diventa reporter con NOI ENTRA NELL'ACADEMY

Majed Alraeesi è un analista di politica internazionale per un agenzia degli Emirati Arabi Uniti, specializzata nei gruppi terroristici e nelle strategie anti-terrorismo. È laureato in diritto internazionale all’Università degli Emirati Arabi Uniti, ed è una figura molto importante nel suo Paese – con oltre 150mila follower sul suo profilo Twitter. Gli Occhi della Guerra lo hanno intervistato per capire cosa si aspettano gli Emirati nel ricevere la loro prima visita di un Papa nella Penisola Araba, e come il suo Paese ha intenzione di risolvere l’estremismo islamico e la repressione politica nella regione.

Che cosa pensano di ottenere gli Emirati con la prima visita di un Papa in tutta la vostra Penisola?

La visita storica di Papa Francesco della Chiesa Cattolica porta un messaggio umanitario di pace e coesistenza per il mondo. Avviene in un momento storico in cui vediamo sempre più conflitti politici, religiosi ed etnici. Per risolvere questi conflitti abbiamo bisogno dei valori della fraternità, dell’unità e della tolleranza. Negli Emirati ogni anno viene celebrato con un nome diverso, in cui ci poniamo obbiettivi diversi. Nel 2019, gli Emirati hanno voluto onorare l’eredità del nostro padre fondatore – Zayed bin Sultan Al Nahyan – che credeva nella libertà di religione e nel pluralismo politico. Abbiamo chiamato quest’anno “l’anno della tolleranza”. L’invito di papa Francesco nel nostro Paese onora questa tradizione.

Attualmente ci sono quasi un milione di cattolici che vivono negli Emirati Arabi Uniti, quasi tutti immigrati, e il vostro Paese è stato lodato per avere costruito la seconda chiesa cattolica e per avere alzato i salari minimi per i lavoratori immigrati, al contrario della maggior parte dei Paesi arabi del Golfo. Ma molti critici dicono che questa è solamente pubblicità, e che i cristiani e i non-musulmani negli Emirati non hanno gli stessi diritti che hanno i musulmani – per esempio, non hanno una rappresentanza politica e ci sono delle pratiche ancora proibite, come quella dell’apostasia. Qual è la sua risposta a queste critiche?

Gli Emirati ospitano circa 10 milioni di persone di diverse nazionalità e religioni. La nostra nazione prova orgoglio nel trattare tutti gli stranieri allo stesso modo, nel farlo abbiamo costruito tante chiese cristiane ad Abu Dhabi. Saresti sorpresa di sapere che nel 1992, lo storico e scrittore inglese Peter Heller ha scoperto che nell’isola di Sir Bani Yas c’era una chiesa costruita nel VII secolo avanti Cristo. Era vecchia di 1.400 anni, e Heller si era chiesto come il leader di una nazione islamica, al tempo lo sceicco Zayed, avrebbe accettato una scoperta archeologica di questo genere. Molte persone dicevano che sarebbe stato umiliato davanti al suo popolo. Heller, quindi, pensava di tenersi la scoperta per sé. Il giorno dopo lo sceicco ha chiesto a Heller perché sembrava così ansioso e lui a quel punto ha ammesso: “Abbiamo scoperto dei resti di un monastero cristiano.” Zayed lo ha rassicurato, rispondendogli: “E cosa proibiva ai nostri antenati di essere cristiani prima di diventare musulmani?”. Ha detto a Heller che non c’era nulla di cui preoccuparsi e poi ha ordinato a una squadra di preservare il monastero, come segno di rispetto verso il cristianesimo. Questa storia dovrebbe essere abbastanza per rispondere a chi mette in dubbio le intenzioni del nostro Paese.

Qual è la sua opinione sul recente caso di Matthew Hedges – l’accademico inglese che è stato imprigionato e condannato all’ergastolo per spionaggio negli Emirati, anche se poi graziato – che ha portato a molte critiche sulla repressione politica nel vostro Paese?

Gli Emirati Arabi e la Gran Bretagna condividono interessi strategici, ma difendono anche la loro sicurezza nazionale. Il caso di Matthew Hedges riguardava un suo crimine che ha messo a repentaglio la sicurezza e la sovranità del nostro Paese. Non era una questione di diritti umani, o un caso che si presta a diverse interpretazioni. Hedges stesso ha ammesso che ha raccolto dati sensibili e confidenziali sugli Emirati per un servizio di intelligence straniero. Il caso è stato provato oltre ogni dubbio con prove concrete, fra cui la sua stessa testimonianza. Ha ricevuto istruzioni da un’agenzia straniera per raccogliere informazioni su vari temi sensibili. L’informazione che ha raccolto non poteva essere classificata come un semplice studio condotto da un ricercatore che cercava informazioni innocue per propositi accademici. Sfortunatamente, Hedges ha approfittato dell’apertura del nostro governo verso i ricercatori stranieri, compromettendo la nostra sicurezza nazionale. Dopo la sua sentenza, il nostro presidente gli ha dato la grazia, perché era un giorno speciale in cui nel nostro Paese le grazie venivano concesse per dare un’opportunità ai nostri prigionieri di correggere i propri errori.

Qual è la differenza tra la visione degli Emirati dell’islam, e quella di altre nazioni nel Golfo, come l’Arabia Saudita?

Come molte religioni, l’islam promuove la pace, l’amore e il bene universale. Sfortunatamente, la nostra religione è stata male interpretata da vari gruppi come quelli dei Fratelli musulmani, che la usano per scopi politici, spargendo divisioni in molti Paesi islamici. Anche negli Emirati, non siamo stati immuni dalle divisioni che hanno portato i Fratelli musulmani, specialmente attraverso il loro sponsor principale, il Qatar. Gli Emirati si oppongono all’estremismo e all’uso della nostra religione per scopi politici. Molti Paesi arabi sono stati colpiti dalle conquiste dei Fratelli musulmani, ma bisogna anche riconoscere che questi stessi Paesi ora si stanno ribellando contro di loro.

Come pensate di dimostrare al mondo occidentale e cristiano che siete un alleato migliore dei Fratelli musulmani e del Qatar?

L’embargo sul Qatar da parte degli Emirati Arabi e dell’Arabia Saudita era dovuto al supporto di questo Paese al terrorismo e all’estremismo in molti Paesi arabi, tra cui l’Egitto, la Siria e la Libia. I finanziamenti del Qatar ai Fratelli musulmani sono anche una delle cause principali della crisi migratori in Europa. Le persone in questi Paesi hanno perso tutto per colpa della loro ideologia islamista. Sia il Qatar che i Fratelli musulmani hanno distorto il vero significato dell’islam nella regione. Imam al-Qaradawi, un estremista vicino alla famiglia reale del Qatar, ha favorito le cosiddette “Primavere Arabe”, che hanno trasformato milioni di persone in rifugiati e hanno mietuto migliaia di vittime. I Paesi europei dovrebbero prestare molta attenzione alle politiche estere del Qatar, che favorisce questa ideologia estremista, e mettere pressione ai Paesi che collaborano con loro perché abbandonino ogni forma di relazione amichevole. Il Qatar mostra un’ immagine progressista in Occidente, mentre promuove l’islam politico in Oriente. Le loro azioni sono facilitate dai loro canali di Stato e i loro uffici di pubbliche relazioni, che dipendono molto anche dall’Europa e dagli Stati Uniti. L’Europa dovrebbe anche stare molto attenta a certe iniziative “filantropiche” del Qatar, o a vari loro investimenti, che sono una copertura per le azioni fanatiche dei Fratelli Musulmani. Queste organizzazioni sono tra le più pericolose – promuovono la loro ideologia per reclutare i giovani a combattere per loro in zone di guerra, come ad esempio accade spesso ora in Libia.