Piccolo e ricchissimo emirato con le tasche stracolme dei frutti della rendita petrolifera e delle esportazioni di gas naturale, il Qatar rappresenta una vera e propria potenza finanziaria globale grazie alle capacitĂ  di investimento del suo fondo sovrano, il Qatar Investment Authority, da 335 miliardi di euro.

Da Harrods allo sbarco a Porta Nuova

Dopo aver, negli anni scorsi, concentrato le sue operazioni soprattutto in Francia (ove ha acquisito quote di Vivendi, Air Liquide, Engie, Vinci, Orange, Veolia e la squadra di calcio del Paris Saint Germain) e nel Regno Unito (in cui ha comprato quote della London Stock Exchange, Barclays e Sainsbury e l’intera proprietĂ  di Harrods), il Qia ha progressivamente ampliato le sue attivitĂ  nel nostro Paese.





Il Qatar si fece conoscere in Italia nel 2015, quando con un investimento da 2 miliardi di euro acquisì la proprietĂ  dei grattacieli del nuovo quartiere milanese di Porta Nuova contribuendo,secondo Massimo Fini, notoriamente critico del progetto, a salvare la giunta meneghina da un insuccesso per la scarsa appetibilitĂ  residenziale di un’area dal costo della vita estremamente alto.

L’interesse del Qatar in Italia e il ruolo di Salzano

Ma era solo l’inizio. Da allora il Qatar ha individuato nell’Italia un’eccellente opportunitĂ  d’investimento, accelerando la sua presenza dopo l’inizio delle tensioni geopolitiche con i suoi vicini regionali capitanati dall’Arabia Saudita, che ha tentato di isolare Doha attraverso un vero e proprio embargo e una chiusura ermetica dei confini. Avvicinarsi all’Italia, per Doha, significa inoltre venire a patti con uno dei principali alleati degli Stati Uniti in Europa, in una fase in cui l’amministrazione Trump spinge fortemente per il sostegno a Riad, e con un Paese fortemente impegnato nello scenario libico, su cui il Qatar ha un occhio di riguardo.

Protagonista diplomatico della partita tra Roma e Doha è il giovane ambasciatore italiano in Qatar Pasquale Salzano, che a fine maggio, secondo indiscrezioni, sarebbe stato considerato da Luigi Di Maio come un’ideale scelta per la Farnesina. Salzano, 45 anni, ha parlato in un’intervista al Messaggero dei frutti del crescente interesse qatariota per l’Italia, sottolineando inoltre le opportunitĂ  che si profilano nei prossimi anni nel piccolo emirato.

“L’importanza strategica del Qatar per il mondo, l’Europa e l’Italia – ha detto Salzano – deriva dall’affidabilitĂ  come primo esportatore al mondo di gas liquido, dalla capacitĂ  di garantire diversificazione energetica e sicurezza dell’approvvigionamento, e dai suoi obiettivi di sviluppo sostenibile e diversificazione economica. Enormi le opportunitĂ  per le imprese italiane”. Dopo l’embargo saudita, il Qatar ha visto nel multilateralismo la scelta migliore per rompere il suo isolamento.

Il fondo sovrano del Qatar in azione

In questo contesto, i capitali qatarioti in cerca di impiego avrebbero potuto trovare poche destinazioni migliori dell’Italia. “I fondamentali dell’ economia italiana sono positivi e questo è valutato attentamente, tanto che il Fondo sovrano guarda con interesse a investire in quote azionarie di grandi e solide aziende italiane specie nel settore immobiliare, nei grandi alberghi dalla Costa Smeralda a Milano, nel lusso con Valentino e altri marchi, e soprattutto con Air Italy, ex Meridiana, e l’Ospedale di Olbia. Il piano industriale di Qatar Airways per Air Italy prevede nei prossimi 5 anni un aumento di 10mila unitĂ  di occupazione diretta e indiretta e il passaggio da 12 a 50 aeromobili”, mentre nella cittĂ  della Gallura il Qatar ha di fatto la convergenza tra i suoi investimenti nel settore del turismo in Sardegna e l’ambizioso piano dell’ospedale Mater Olbia.

Come sottolinea il Sole 24 Ore, il 7 gennaio entrerĂ  in azione il nuovo ospedale che “coincide con l’ultimo tassello di un cammino durato trent’anni”, da quando il sindaco di Olbia Gianpiero Scanu pensò con insistenza a un polo di cura per la sua cittĂ . Nei prossimi dieci anni, il Qatar valorizzerĂ  questa struttura importante, che secondo Scanu “vale, una volta avviato l’intero sistema, tra diretto e indotto vale almeno duemila posti di lavoro”, con investimenti complessivi da 1,2 miliardi di euro.

Il grande business dei Mondiali del 2022

Il mercato qatariota, al contempo, si prepara a un incremento di rilevanza in vista dei Mondiali di calcio del 2022. Doha ha previsto uno stanziamento complessivo da 200 miliardi di euro, destinato ad essere impegnato in infrastrutture di ultimissima generazione che si stanno ultimando anche grazie al lavoro delle imprese italiane in metropolitane, strade e stadi.

“Ma ci sono altri impegni di spesa previsti nei prossimi mesi, specie nel campo dei servizi e dell’ospitalitĂ  in cui l’Italia può avere una parte di rilievo”, sottolinea Salzano, ricordando che Doha “si sta aprendo a una legislazione di accoglienza e facilitazione delle attivitĂ  d’ impresa anche attraverso free zone. E il regime di tassazione è praticamente nullo”. L’apertura di Doha al multilateralismo potrebbe migliorare le condizioni lavorative nel Paese e, soprattutto, rendere piĂą umano lo status dei lavoratori stranieri morti a centinaia nella realizzazione delle infrastrutture per la competizione invernale del 2022. 

Le incognite sul Qatar

Il versante politico, in ogni caso, è da tenere in conto. I miliardi del Qia non possono far scordare la natura statuale del Qatar, Paese non meno intollerante e non meno autoritario della vicina Arabia Saudita, legato a doppio filo con la Fratellanza musulmana.

Come scrivevamo di recente commentando i rischi connessi alla visita del ministro Matteo Salvini nell’emirato, ” nel disegno di legge proposto dalla Lega e intitolato Disposizioni concernenti il finanziamento e la realizzazione di edifici destinatii all’esercizio dei culti ammessi si mette in guardia dai quattrini che provengono dall’estero, in particolare dal Medio Oriente, per costruire moschee in Italia”, tra cui ha una rilevanza preponderante la Qatar Charity Foundation, che destina in media al nostro Paese circa sei milioni di euro ogni anno.

E per quanto riguarda la Libia, il Qatar ha riscontrato successi a Tripoli e Misurata con i Fratelli musulmani e gli islamisti, ma nel resto del Paese non è ben visto. Parlando ai nostri microfoni, il figlio della capo della tribĂą libica di Tebu, Abu Bakir, ha criticato il riavvicinamento dell’Italia al Paese. “Salvini dice che lavorerĂ  con il Qatar per portare la pace in Libia, ma questo è lo stesso Paese che ci ha portato la guerra. La scelta di Salvini è stata particolarmente dolorosa per noi nel sud, dove il Qatar ha avuto un influenza catastrofica”. Elementi da tenere d’occhio nel momento in cui da una partnership economica in via di sviluppo si vorrĂ  passare a una cooperazione politica: l’Italia deve stare attenta a non sacrificare una strategia multilaterale in via di sviluppo per una manciata di miliardi di investimenti diretti.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.