Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha smesso di vendere telefoni cellulari e modem prodotti dalle società tecnologiche cinesi Huawei Technologies e ZTE Corp nei negozi nelle sue basi militari, citando potenziali rischi per la sicurezza.

Il divieto si basa sulla potenziale minaccia alla sicurezza che il Pentagono ritiene possano rappresentare i telefoni delle società con sede in Cina. È l’ultima mossa di un giro di vite in corso sulle due società da parte del governo degli Stati Uniti, che sospetta che possano hackerare i loro telefoni e usarli come spia a favore del governo cinese.

I prodotti Huawei e ZTE verranno ora rimossi dalle tre catene di negozi gestite dal dipartimento della Difesa presso le proprie basi in tutto il mondo, ha affermato il portavoce del Pentagono, il maggiore Dave Eastburn.

“I dispositivi Huawei e ZTE possono rappresentare un rischio inaccettabile per il personale, le informazioni e la missione del dipartimento“, ha affermato Eastburn. “Considerati i problemi di sicurezza associati a questi dispositivi espressi da alti funzionari dell’intelligence statunitense, non era prudente per i servizi di scambio del Dipartimento continuare a vendere questi prodotti al nostro personale”.

La direttiva per rimuovere i dispositivi dagli scaffali è stata emessa il 25 aprile. Eastburn ha dichiarato che i membri del servizio dovrebbero essere consapevoli del potenziale rischio rappresentato dai prodotti, indipendentemente da dove sono stati acquistati.

Eastburn ha detto che durante recenti testimonianze davanti al Senato, il direttore della National Intelligence e i capi dell’FBI, della CIA , della NSA, DIA e della National Intelligence Geospatial Agency hanno detto che gli americani non dovrebbero usare i prodotti Huawei per motivi di sicurezza.

Il maggiore ha inoltre dichiarato che non sarebbe stato possibile discutere la natura della potenziale minaccia per ragioni di sicurezza. I funzionari degli Stati Uniti avevano precedentemente espresso la preoccupazione che i telefoni potessero essere progettati per consentire l’accesso al governo cinese.

Il personale militare degli Stati Uniti è ancora autorizzato ad acquistare telefoni ZTE e Huawei per uso personale da altre parti, sebbene il Pentagono stia attualmente decidendo se emettere una più ampia consulenza sull’acquisto di telefoni da parte dei due marchi, ha detto Eastburn. 

Il mese scorso il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha imposto una “negazione dei privilegi di esportazione” su ZTE, che si traduce in un divieto per le società statunitensi che vendono prodotti e servizi alla società con sede in Cina. Huawei è attualmente sotto inchiesta del dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sul fatto che la compagnia di telecomunicazioni abbia violato le sanzioni statunitensi contro l’Iran.

Gli amministratori delegati delle due società, pur non essendosi resi raggiungibili per un commento alle principali agenzie di stampa, hanno comunque più volte negato che i loro prodotti possano rappresentare un rischio per la sicurezza.

Huawei è il terzo produttore di smartphone al mondo, dietro a Apple e Samsung, e il più grande produttore di apparecchiature per le telecomunicazioni. Da questo nuovo ban scaturisce un effetto immediato sul mercato della telefonia mobile, dal momento che il presidente Trump, con l’imposizione dei dazi alle compagnie tecnologiche cinesi, e nella fattispecie a Huawei e ZTE, ha di fatto regalato un vantaggio economico immediato quantificato in almeno 7 miliardi di dollari ai due diretti competitor dell’azienda cinese, la coreana Samsung e la statunitense Apple, pur essendo i prodotti della “mela” prodotti in Cina.