Nikki Haley è pronta tornare. I neoconservatori del partito repubblicano, infatti, dopo aver conquistato buona parte dei posti chiave dall’attuale amministrazione americana con l’ingresso del Consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton e di Mike Pompeo, Segretario di Stato, ora puntano per le prossime elezioni sulla ex rappresentante permanente alle Nazioni Unite e già governatrice della Carolina del Sud dal 2011 al 2017.

Nimrata “Nikki” Randhawa, coniugata Haley, secondo quanto riportato da Axios, sarà ospite d’onore il prossimo 27 febbraio di una cena a New York con i più importanti finanziatori repubblicani. L’evento è organizzato dall’imprenditore  Paul Singer, fondatore e azionista del fondo Elliott, tra i maggiori hedge fund americani nonché proprietario del Milan e rivale del Presidente Donald Trump. Il fondatore di Elliot è stato infatti uno dei grandi promotori del “Never Trump”, il movimento nato in seno al partito per impedire che Donald ottenesse la nomination. Singer condivide al 100% le idee di Haley: falco neocon in politica estera, è a favore del Laissez-faire in economia e della deregulation totale del mercato.

Paul Singer lancia Nikki Haley al posto di Trump?

Come riporta Axios, il fondatore di Elliot sta lavorando per identificare e reclutare candidati donne per aiutare i repubblicani a mantenere il controllo del senato e riguadagnare terreno alla Camera in vista delle elezioni del 2020. Sta supportando l’E-Pac di Elise Stefanik, con l’obiettivo di aumentare le candidature femminili tra le fila repubblicane. 

La partecipazione di Haley alla cena esclusiva di New York lascia aperta varie ipotesi. Secondo il commentatore neoconservatore Bill Kristol l’ex ambasciatrice degli Stati Uniti alle Nazioni Unite potrebbe essere la candidata del partito repubblicano alle prossime elezioni presidenziali al posto di Donald Trump. E, in effetti, come abbiamo raccontato su Gli Occhi della Guerra, tra i repubblicani c’è chi sta seriamente lavorando a questo scopo.

I neoconservatori lavorano per sostituire Donald Trump

Tra i gruppi neoconservatori che detestano il presidente c’è proprio il Republicans for the Rule of Law fondato da Bill Kristol nel gennaio 2018, che a sua volta è direttore di Defending Democracy Together (Ddt). Come riportava la Cnbc lo scorso settembre, Kristol – che ha prestato servizio nelle amministrazioni dei presidenti repubblicani Ronald Reagan e George W. Bush – sosteneva che la sua organizzazione no-profit Defending Democracy Together stava cercando un candidato Gop per correre contro Trump nel 2020. Che l’abbia finalmente trovato? 

L’altra ipotesi, come spiega il Corriere della Sera, è che alla fine Trump possa scegliere Nikki Haley come vice nel ticket elettorale per il 2020, scaricando Mike Pence. Al momento siamo nel campo delle ipotesi e delle speculazioni, ma quando di mezzo c’è Paul Singer tutto è possibile, nonostante la stessa Haley abbia dichiarato a suo tempo l’intenzione di non candidarsi. 

Nikky Haley superstar della Greater Miami Jewish Federation

I finanziatori Gop sono estremamente preoccupati dallo scarsissimo appeal presso il mondo femminile che i repubblicani in questo momento hanno. Infatti, il partito democratico sta recuperando consensi anche tra quelle donne bianche che nel 2016 avevano votato per Trump. Per questo, osserva il Corriere della Sera, serve al più presto un volto da contrapporre alle democratiche in corsa per la presidenza (già 6 su 11).

Per questo motivo l’ex governatrice della Carolina del Sud, agli occhi di Paul Singer e altri, rappresenta il profilo perfetto. Nikki Haley al momento è molto richiesta, e per avere la sua presenza a un convegno o a una serata, secondo la Cnbc, occorre sborsare circa 200 mila dollari. In queste ore, peraltro, Haley sarà protagonista del Main Event organizzato dal Greater Miami Jewish Federation, la potentissima organizzazione degli ebrei della Florida, e c’è chi spenderà fino a 1000 dollari pur di ascoltarla. Un evento che è già sold-out da diverse settimane, a testimonianza della popolarità di cui gode l’ex ambasciatrice. 

Sogni di diventare fotoreporter?
SCOPRI L'ACADEMY