diventa reporter con NOI ENTRA NELL'ACADEMY

È stato trovato ieri notte a Parigi il corpo di un funzionario del governo italiano che secondo gli inquirenti farebbe parte dei nostri Servizi Segreti. L’uomo, 50 anni, sarebbe morto per “cause naturali” secondo quanto dichiarato dall’ambasciata italiana, ma riportava una ferita sanguinante sotto il mento quando il suo corpo senza vita è stato rinvenuto nei pressi dell’albergo in cui alloggiava, nel quartier di Montmartre. Secondo quanto riportato dalla rivista francese Le Point, fonte primaria della notizia, sul posto erano presenti evidenti tracce di vomito da collegare all’uomo.

Massimo I. , deceduto nella notte tra domenica e lunedì, secondo le autorità francesi era da ritenersi un agente dei servizi segreti italiani – non un semplice funzionario di Palazzo Chigi. In tal caso si tratterebbe dunque di un membro dell’Aise, l’Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna, erede del Sismi, adibita alle attività di spionaggio e di gestione delle informazione per la sicurezza “che si svolgono al di fuori del territorio nazionale, a protezione degli interessi politici, militari, economici, scientifici e industriali dell’Italia”.

Secondo le informazioni in possesso degli inquirenti, l’uomo era arrivato a Parigi il 3 maggio, viaggiando su un volo di linea e decollato da Roma e atterrato all’aeroporto internazionale Roissy-Charles-de-Gaulle. Nelle tasche dei suoi indumenti sono stati trovati biglietti da visita che riportavano indirizzo e numero della “Presidenza Del Consiglio Dei ministri”, a cui fa capo proprio l’Aise. La polizia francese ha trovato nella camera d’albergo dove l’uomo alloggiava, l’Aparthotel di Place Charles Dullin, una chiave di sicurezza crittografata, una busta contenente 1.700 euro in 85 biglietti da 20 euro, una chiave Usb, un adattatore per schede “Secure Digital” e una scheda Sd. Le schede Sd, oggetti di uso comune, sono schede portatili di ridotte dimensioni utilizzate per memorizzare in formato digitale grandi quanti di informazioni.

La stampa parigina ha reso noto che il commissariato della polizia giudiziaria che si sta occupando del caso, insieme ad una equipe della scientifica, ha effettuato le prime verifiche sul decesso che sarebbe avvenuto intorno all’1:00 del mattino. La procura di Parigi ha aperto un’indagine per accertare le causa della morte.