88mila visti Schengen e un numero imprecisato di visti per motivi di cura sarebbero stati venduti illegalmente a cittadini libici da parte di funzionari del governo maltese per poter arrivare e circolare liberamente in Europa.

È questa la denuncia del deputato nazionale Ivan Grech Mintoff (leader del partito di opposizione Alleanza Bidla e membro del Movimento Cristiano Politico Europeo – ECPM) che ha portato in tribunale le trascrizioni delle testimonianze raccolte e una pesante documentazione che potrebbe coinvolgere i più alti funzionari del governo maltese, inclusi membri dell’ufficio del primo Ministro. Il giro di affari per la compravendita di visti si aggirerebbe intorno a milioni di euro, secondo il dossier che è destinato a creare un ulteriore scandalo nell’isola mediterranea.

Questo sistema, con parecchie falle, potrebbe esser strato sfruttato anche dagli uomini dello Stato islamico ancora presenti in Libia. Secondo la documentazione ora al vaglio delle autorità giudiziarie, la maggior parte della compravendita di visti sarebbe avvenuta presso il Consolato maltese a Tripoli.

“Se la giustizia maltese confermerà il contenuto della documentazione, stiamo parlando di uno scandalo di corruzione che metterebbe a repentaglio il sistema Schengen e l’intera sicurezza dell’Unione europea”, afferma il deputato maltese Mintoff. “Spero vivamente che nessun jihadista abbia avuto accesso a un visto rilasciato dal governo maltese”, continua il politico.

Come ricordava Gian Micalessin su  Il Giornale, Malta non è nuova a scandali riguardanti la crisi migratoria europea: l’isola si è infatti fatta assegnare un’area di competenza per i salvataggi enorme senza avere i mezzi per presidiarla, ma “si guarda bene dal cederne parte all’Italia per non perdere i milioni di euro derivanti dai diritti di pesca, di prospezione petrolifera e dai compensi per il controllo aereo della zona”.

Senza dimenticare gli scandali dei traffici di contrabbando del carburante libico davanti agli occhi delle autorità locali passando al report di Europol che denunciava come la Ndrangheta utilizzi l’isola per riciclare i soldi provenienti da affari illeciti tramite numerose società di scommesse online che hanno deciso di instaurare la propria sede a Malta per via dei controlli quasi assenti.

Tra questi, ed altri, scandali di corruzione investigava anche la giornalista Daphne Caruana Galizia uccisa in circostanze misteriose. È venuto il momento ora che sia l’Italia che le Istituzioni europee chiedano a Malta le sue responsabilità per ciò che è avvenuto e sta avvenendo e avviino una serie di indagini volte a riportare l’isola in mezzo al Mediterraneo all’interno di un sistema di legalità.

È un momento difficile
STIAMO INSIEME