diventa reporter con NOI ENTRA NELL'ACADEMY

L’Afghanistan, a causa della sua storia turbolenta, ha guadagnato l’appellativo di “cimitero degli imperi”. Dal lontano 1800 nessuna forza è stata in grado di dominare questo grande paese. Così, quando Joseph R. Biden, il 46 ° presidente degli Stati Uniti, alla fine decise di portare a termine il ritiro pianificato del suo predecessore e di porre fine alla più lunga e dispendiosa guerra americana, gli Stati Uniti d’America si sono uniti alla lunga lista delle potenze imperiali ritirate sconfitte da Kabul. Questo fatto si è tramutato in un grido di battaglia per gli estremisti islamici di tutto il mondo ed è stato pubblicizzato come la vittoria dei talebani contro l’ultima superpotenza del mondo. Il ritiro di Biden ha quasi consegnato l’Afghanistan alle forze radicali locali e ha spinto l’Asia meridionale in una nuova spirale di estremismo e violenza.

La vittoria di Biden ha cambiato anche la demografia politica in Pakistan. Dal ritiro delle forze Usa e NATO dall’Afghanistan, Imran Khan, che aveva rinunciato a ogni speranza di ricevere assistenza statunitense da Trump, è diventato un importante alleato degli Stati Uniti. In effetti, una delle prime azioni di politica estera di Biden è stata quella di cercare di salvare i rapporti con tutte le democrazie che Trump potrebbe aver alienato, e il Pakistan si trovava in cima alla lista. L’esercito pakistano e l’Interservice Intelligence (ISI) hanno beneficiato del sostegno degli Stati Uniti per decenni e, in vista di un riavvicinamento tra i due paesi, sono stati disposti a riconsiderare la loro posizione pro-Cina per una relazione più equilibrata con l’America, che porterebbe con sé aiuti, armi, ma soprattutto accettazione internazionale. Con il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan, l’ISI è tornato al posto di guida con il suo cliente principale, i talebani e un mix di organizzazioni terroristiche, con le quali ha una storia molto lunga. Tuttavia, gli ultimi anni di occupazione statunitense dell’Afghanistan e vari cambiamenti geopolitici potrebbero costringere l’intelligence e l’esercito pakistani a trovare un altro alleato per raggiungere molteplici obiettivi importanti come, per esempio, tenere sotto controllo i talebani in Afghanistan, continuare a sostenere la jihad e altre attività terroristiche in India e in altri paesi. Allo stesso tempo, però, il Pakistan dovrà cercare di mantenere una chiara posizione a livello internazionale in modo tale da giustificare la qualifica di democrazia e continuare a ricevere aiuti e assistenza da donatori multilaterali e bilaterali, che effettivamente mantengono in vita la sua economia.

Uno di questi candidati è il Tehreek-e-Labbaik Pakistan (TLP). Sebbene il TLP abbia sfidato lo stato pakistano per iscritto nelle ultime settimane indulgendo a violenze e incendi dolosi, ha tutto il potenziale per diventare la prossima grande minaccia terroristica al mondo. Al momento non ci sono prove che il TLP gestisca campi di addestramento terroristici o si armi come Lashkar e Toiba (LeT), Harkat ul Mujahideen (HuM) e Jaish e Mohammed (JeM), tutti delegati dell’establishment pakistano. Gli esempi di radicalizzazione TLP non si sono limitati al Pakistan e vari incidenti dimostrano che l’esercito pakistano sostiene fortemente questa “nuova” propaggine radicale dell’Islam.

Cos’è il Tehreek-e-Labbaik Pakistan?

Tehreek-i-Labbaik Ya Rasool Allah o Tehreek e Labbaik Pakistan (TLP) è un’entità politico-religiosa islamica di estrema destra costituita nel 2015 e bandita dal governo pakistano il 15 aprile 2021 a causa della sua disobbedienza civile e violenza. Il suo fondatore è lo studioso e autore islamico pakistano Khadim Hussain Rizvi. La maggior parte dei membri del partito segue la scuola Barelvi del pensiero islamico, un tempo considerata relativamente pacifica e più liberale della scuola Deobandi. La maggior parte dei musulmani pakistani non pashtun sono seguaci dell’ideologia Barelvi. La scuola di pensiero Barelvi, un movimento revivalista sunnita che segue la scuola Hanafi di giurisprudenza islamica con forti influenze sufi, ha oltre 200 milioni di follower in Asia meridionale e in alcune parti dell’Europa e dell’America. Il TLP è stato fondato con l’obiettivo principale di sostenere l’onore e gli insegnamenti del Profeta Muhammad con tutti i mezzi. Ciò si traduce in violenza contro tutte le minoranze, islamiche o meno e contro coloro che sono visti sfidare i principi islamici, comprese altre sette sunnite come i Deobandi e gli Ahmadiyya.

In Pakistan, la radicalizzazione di Barelvis è stata graduale dagli anni ’90, dalla loro partecipazione alla “jihad” in Kashmir e in Afghanistan. Al loro ritorno in Pakistan dopo il 2001, molti di loro si sono uniti ai ranghi del Sunnita Tehreek, un gruppo violento di Barelvi con notevole influenza a Karachi e Hyderabad, nel Sindh e nel Punjab pakistano. I gruppi Barelvi possono colmare rapidamente il vuoto creato dall’influenza calante di Lashkar e Toiba (LeT), che ora è diventata una responsabilità per lo stato pakistano e il TLP con il suo forte sostegno sulla strada pakistana può essere rapidamente strumentalizzato in un’organizzazione terroristica dell’esercito pakistano.

La crescente importanza del TLP

Nel 2011, quando il governatore del Punjab Salman Taseer è stato ucciso dalla sua guardia, Mumtaz Qadri, per le dichiarazioni e azioni contro la legge anti-blasfemia e il sostegno ad Asia bibi, il cristiano convertito è stato condannato a morte per blasfemia. Il tehreek sunnita e altri gruppi estremisti hanno salutato Qadri, un Barelvi, come un salvatore e hanno minacciato tutti coloro che si opponevano alla legge sulla blasfemia. Il verdetto di colpevolezza di Qadri e la sua eventuale impiccagione sono state molto criticate da Rizvi ed altri suoi sostenitori e successivamente la morte di Qadri è diventata il punto di incontro per la maggioranza di Barelvi e sufi. Oltre 100.000 persone hanno partecipato al funerale di Qadri e si può dire che questo ha posto le basi per l’istituzione formale del Tehreek-i-Labbaik Ya Rasool Allah.

L’esercito ha visto un’opportunità nell’anima del TLP e nel suo dinamico leader Khadim Husain Rizvi. In Rizvi e nel suo gruppo, i generali hanno trovato uno strumento utile per controllare il potere di Nawaz Sharif e della Lega musulmana pakistana nel Punjab, territorio di Sharif. L’influenza di Rizvi in Punjab è aumentata esponenzialmente con le elezioni imminenti e, come previsto dall’esercito, Sharif ha perso una parte considerevole della sua base di appoggio a favore degli estremisti guidati da Rizvi.

Da allora, il TLP ha svolto un ruolo utile nell’ingegneria politica con l’esercito che sostiene attivamente Rizvi e il suo partito per fare notizia creando disordini civili nel Punjab e in altre province. La forte opposizione contro l’ordine di rilascio di Asia Bibi della Corte Suprema e le modifiche sulle leggi della blasfemia hanno portato alle dimissioni dell’allora ministro della legge e della giustizia Zahid Hamid nel 2017. L’TLP ha anche protestato contro la nomina del consigliere Ahmadiyya Atif Mian, da parte del governo di Imran Khan. Considerato il potere del TLP di mobilitare le folle, il governo di Imran Khan ha dovuto arrendersi alle loro richieste licenziando Atif, un economista di Princeton, nel 2018. L’obiettivo del TLP è l’istituzione della sharia come legge fondamentale in Pakistan attraverso un graduale processo legale e politico.

Le proteste di Aprile 2021

Nell’ottobre 2020, un insegnante Samuel Paty è stato decapitato a Parigi da uno studente di origine cecena per aver presumibilmente mostrato cartoni animati raffiguranti il profeta Maometto. Questo evento è stato seguito da un discorso emozionante del presidente francese Emanuel Macron, che difende la libertà di parola in Francia e condanna ogni forma di terrore. La posizione di Macron ha scatenato un appello alla violenza e al boicottaggio della Francia da parte di diversi paesi islamici e organizzazioni estremiste in tutto il mondo, inclusa un’accusa di Imran Khan, il primo ministro pakistano, sulla promozione dell’islamofobia. In Pakistan la guida contro Marcon è stata presa da Rizvi, chiedendo l’espulsione dell’ambasciatore francese a Islamabad e il boicottaggio delle merci francesi in Pakistan. L’azione diretta dei quadri del TLP è stata repressa solo dal governo che chiedeva più tempo per discutere la questione in parlamento.

Dalla morte di Rizvi nel novembre 2020, suo figlio Saad Hussain Rizvi è stato nominato “Ameer” del partito e il gruppo è rimasto in prima linea nell’agitazione per questioni di blasfemia e insulto al profeta Maometto. All’inizio di aprile 2020, il TLP è sceso in piazza nel Punjab e nella capitale Islamabad, provocando disordini e incendi dolosi chiedendo al governo di Imran Khan di mantenere la sua promessa ed espellere l’ambasciatore francese. L’ arresto di Saad Rizvi ha ulteriormente intensificato la violenza ed ha portato alla decisione di bandire il TLP il 15 aprile 2021 dal paese, anche se il governo non è in grado di sciogliere il partito senza un mandato specifico della Corte suprema. Il silenzio assordante dell’esercito su questo problema alimenta il sospetto che TLP sia pronto a guidare una nuova ondata di terrorismo nella regione, soprattutto alla luce del ritiro delle truppe statunitensi e della NATO dall’Afghanistan.

L’estremismo di Barelvi a livello internazionale

Ci sono anche segni che la militanza Barelvi si sia diffusa oltre il Pakistan. Nel 2016, un Barelvi radicalizzato ha ucciso un altro negoziante musulmano in Scozia per aver mancato di rispetto all’Islam. Nel 2019, il movimento Barelvi Dawat-e Islami ha tenuto un incontro pubblico nella città tedesca di Offenbach dove i relatori hanno celebrato l’assassino di Salman Taseer e hanno apertamente minacciato di morte tutti i bestemmiatori. Nel 2019, un docente universitario di Bahawalpur, nel Punjab, è stato accoltellato a morte da uno studente per presunta blasfemia. L’assassino ha detto di essere stato ispirato dal fondatore di TLP Khadim Rizvi.

Nel 2020, un seguace di Rizvi e membro del movimento Dawat-e-Islami, Zaheer Hassan Mahmood, ha pugnalato e ferito gravemente due persone a Parigi poiché, ha dichiarato, voleva vendicare gli insulti al Profeta.

Ci sono abbastanza indizi per supporre che vari gruppi Barelvi, tra cui il TLP, stanno usando sempre di più la violenza come mezzo per esercitare la loro influenza sulle masse e sul governo pakistano. In Pakistan, è diventato comune assistere agli attacchi dei gruppi Barelvi contro chiunque sembri parlare contro le leggi sulla blasfemia. Il TLP accusa apertamente intellettuali, blogger e difensori dei diritti umani di blasfemia e minaccia di punirli.

Per l’esercito pakistano, il TLP è un potenziale nuovo strumento per sovvertire il processo politico, per contrastare altri movimenti etnici, religiosi e settari contro lo stato e per sostituire gruppi terroristici come il LeT e JeM che hanno troppe responsabilità nell’esercito. Nei prossimi mesi, l’ascesa di gruppi armati più brutali e feroci ispirati al TLP non farà che aumentare il sangue versato dal terrorismo nell’Asia meridionale, inaugurando una nuova fase di violenza e instabilità per l’intera regione.