VUOI FARE UN'INCHIESTA? REALIZZALA CON NOI

Non è bella come Melania Trump, né carismatica come Michelle Obama o ambiziosa come Hillary Clinton: l’attuale First lady, Jill Biden, 71 anni, non sembra affatto scaldare i cuori degli americani, soprattutto da quando ha cominciato a collezionare una gaffes dietro l’altra – seppur lontana, per ora, dai livelli tragicomici del marito, re indiscusso delle brutte figure. Secondo l’ultimo sondaggio della Cnn, appena il 34% degli intervistati ha un’opinione favorevole della First lady, contro il 29% di chi, al contrario, ha un’opinione negativa e il 37% di incerti o che non sanno rispondere. Tradizionalmente, le First lady sono ammirate e amate in modo bipartisan e gli americani tendono ad avere un’opinione migliore di loro rispetto a quella del presidente in carica (in questo caso non sarebbe difficile visti i numeri disastrosi di Joe Biden).

Cosa dicono i sondaggi della First Lady

Rispetto alle passate inquiline della Casa Bianca, tuttavia, i numeri di Jill Biden sono molto meno positivi. Nel 2002, più o meno nello stesso periodo in cui era in carica, l’allora First lady Laura Bush era apprezzata dal 67% degli americani. Nel 2010, Michelle Obama, sempre nel medesimo periodo, era vista di buon occhio dal 62% degli intervistati mentre, nel giugno 2018, Melania Trump godeva del supporto del 51% degli americani contro il 29% dei critici. Certo, la società americana è sempre più polarizzata  e i paragoni con il passato vanno contestualizzati, ma sta di fatto che tra Jill Biden e gli americani non è scattata la classica “luna di miele”. E con il passare del tempo, è difficile che la situazione possa migliorare. “Piaciucchia”, e nulla di più, e non sfonda minimamente nell’elettorato repubblicano.



Le ultime (controverse) uscite di Jill Biden

A differenza di suo marito, Jill Biden non è mai stata conosciuta come una “macchina della gaffes”. Come First lady, ha mantenuto per un certo periodo la sua reputazione di essere generalmente “inoffensiva” (forse pure troppo). Almeno fino a poco tempo fa, quando ha goffamente cercato di trovare un modo culturalmente specifico per fare un complimento alla comunità latina associando, nello sconcerto generale, la diversità della comunità latinoamericana all’unicità dei tacos per colazione. A complicare ulteriormente le cose, ha poi pronunciato “bodegas” “Bogihdahs”, nella stessa frase.

Le sue osservazioni sono state “accolte con applausi nella sala conferenze gremita”, secondo la Cnn. Ma il 12 luglio scorso la National Association of Hispanic Journalists ha rilasciato una dichiarazione informando Biden e il suo team che gli ispanici “non sono tacos” e incoraggiandoli a non fare affidamento agli stereotipi. Da qui le scuse: “La First Lady si scusa per il fatto che le sue parole abbiano trasmesso tutt’altro che pura ammirazione e amore per la comunità latina”, ha detto Michael LaRosa, il suo portavoce, alla Cnn.

Pochi giorni fa, un’altra dichiarazione che ha fatto parecchio discutere, quasi un’ammissione delle gravi difficoltà che sta incontrando l’amministrazione Biden. A una raccolta fondi del Democratic National Committee a Nantucket, Jill Biden ha infatti dichiarato che l’agenda politica di suo marito è stata “sviata” da crisi inaspettate in patria e all’estero. “Il Presidente aveva così tante speranze e piani per le cose che voleva fare, ma ogni volta che si voltava, doveva affrontare i problemi del momento”, avrebbe detto la First lady a circa due dozzine di persone in una casa privata. In compenso, Jill Biden sembra cavarsela meglio con i contestatori. La scorsa settimana, durante una visita in Connecticut, la First lady non ha battuto ciglio dopo essere stata duramente contestata da alcuni passanti. “Tuo marito è il peggior presidente che abbiamo mai avuto. Ci devi dei soldi per la benzina”, ha gridato un uomo a Jill Biden mentre entrava nella gelateria Arethusa Farms a New Haven. Affiancata dal suo personale di sicurezza, Biden ha sorriso al gruppo, che era composto da almeno sette persone, e ha affermato: “Grazie! Grazie per il vostro supporto, grazie!”, prima di allontanarsi. Nel video si sente un altro uomo dire “fai schifo!”. La sua risposta ha provocato le risate di chi la circondava.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.