L’Italia torna al centro del Mediterraneo e dei giochi per il suo controllo. Le grandi potenze mondiali hanno capito che questo governo può essere un’opportunità per tutti. E cominciano a giocare a carte scoperte per mettere Roma nel proprio blocco. Ma l’Italia da che parte sta? E, soprattutto, per quanto tempo possiamo continuare a essere i grandi equilibristi dell’Europa mediterranea?

Salvini con Bolton

Le ultime ore danno un quadro abbastanza chiaro del difficile gioco italiano. Ma anche delle molteplici anime che convivono all’interno del governo Lega-5 Stelle.

Matteo Salvini ha incontrato John Bolton a Roma ribadendo l’assoluta fedeltà dell’Italia agli Stati Uniti d’America. Un incontro che lo stesso ministro dell’Interno ha descritto così sul suo profilo Facebook: “Piena condivisione sui temi della lotta all’immigrazione clandestina e del terrorismo, a conferma del rapporto di amicizia e lealtà che lega Italia e Stati Uniti”.

Non è un mistero che questo governo piaccia agli Stati Uniti. La benedizione di Donald Trump a Giuseppe Conte è arrivata da tempo. E sembra che l’amministrazione americana abbia trovato proprio nell’esecutivo italiano quella spina nel fianco dell’Unione europea cercata in questi mesi.

Anche sul tema delle aperture alla Russia, il premier italiano e il presidente Trump si trovano sulla stessa lunghezza d’onda. A Washington ritengono che l’Italia possa essere utile anche a questo scopo. Possiamo essere un ponte. Certo, questo non significa lasciarci carta bianca. Ma all’interno della cornice creata dalla Casa Bianca, l’Italia può ritagliarsi uno spazio più autonomo anche sul fronte di Mosca, dove i legami sono molto buoni.

Toninelli apre alla Cina

Se Salvini riceve il Consigliere per la Sicurezza nazionale americano, Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture, è invece intervenuto in diretta video al convegno “Belt&Road Initiative” a Milano parlando in maniera entusiasta della Cina. Il ministro ha definito la Nuova Via della Seta come “una sfida di livello planetario, una frontiera che può e deve vedere l’Italia protagonista in prima linea rispetto alle tante opportunità che ci si presenteranno davanti”.

Il ministro, in quota Cinque Stelle, ha detto che “la nuova Via della Seta è l’appuntamento che deve vederci al centro della scena e non ai margini”, ed ha concluso confermando “il massimo impegno da parte mia e del mio governo” al fine di portare l’Italia al centro del progetto mediterraneo de grande progetto cinese.

Un’apertura importante, nel solco dei precedenti governi. L’Italia è da sempre al centro delle strategia cinesi in Europa, con i porti di Trieste e Genova considerati come le ancore italiane del progetto della Nuova Via della Seta.

L’Italia al centro della sfida Usa-Cina

Anche in questo si evince l’anima molteplice d’Italia. Giochiamo sull’orlo dello scontro tra superpotenze. Ma potrebbe arrivare presto la “resa dei conti”.Non siamo in un’epoca di equilibrismi: gli Stati Uniti di Trump sono diventati molto esigenti. A Washington non c’è più una strategia di compromesso. Il motto sembra essere “o con noi o contro di noi”. E l’hanno dimostrato in molte crisi internazionali.

La Cina è considerata dagli Stati Uniti un avversario strategico. E questa può essere una chiave di lettura per capire perché gli Stati Uniti abbiano di nuovo posto l’Italia al centro della loro strategia. Non solo benevolenza nei confronti del governo, ma soprattutto pragmatismo. L’America non vuole la Cina in Europa. E un’Italia al centro delle strategie cinesi per il Mediterraneo preoccupa gli interessi statunitensi, che considerano la Nuova Via della Seta un pericolo molto serio.

La guerra commerciale fra Washington e Pechino passa anche per la sfida per l’Europa. La Nuova Via della Seta è un progetto faraonico che non è solo economia, ma soprattutto legami politici. E la Casa Bianca non vuole assistere alla crescita di Pechino nel Mediterraneo dopo che ha già posto solide basi in Grecia e Spagna e nel Nordafrica. E l’impressione è che da Washington ci stiano richiamando all’ordine.