Quarantuno nuove vittime – questo il bilancio attuale dell’ultimo attentato terroristico che ha colpito Istanbul – vanno ad aggiungersi a un elenco di morti e feriti con cui la città ha dovuto fare i conti negli ultimi mesi, colpita da una serie di attacchi che portano la firma dei gruppi curdi e del sedicente Stato islamico.Due gli obiettivi principali: l’Istanbul internazionale e cosmopolita, nel mirino dei jihadisti, e bersagli più locali, colpiti dal Pkk curdo e dal Tak (Falchi per la libertà del Kurdistan), scissionista del Partito dei lavoratori di Abdullah Öcalan, che i turchi considerano parte integrante del gruppo, e che di frequente attacca nelle città della Turchia “occidentale”, da Ankara a Istanbul.Sei attentati, messi a segno in soli sette mesi, che hanno fatto strage su viale Istiklal e a Sultanahmet, mete tradizionali per il turismo e sempre affollate, come anche a Vezneciler, non lontano dall’Università di Istanbul, o all’aeroporto internazionale intitolato a Mustafa Kemal Atatürk, dove ieri attentatori suicidi si sono fatti esplodere, in un attacco che ha lasciato al suolo decine di vittime e un numero ancora maggiore di feriti.

Senzanome

CLICCA SULL’IMMAGINE PER APRIRE LA MAPPA INTERATTIVA

Il lungo elenco degli attentati 23.12.2015 – Il Tak curdo colpisce all’aeroporto Sabiha Gökçen, situato nel lato asiatico di Istanbul. Un attacco a colpi di mortaio, sostengono gli estremisti curdi, in risposta alle operazioni militari nel Sud Est del Paese. Un addetto alle pulizie rimane ucciso. 12.01.2016 – Questa volta nel mirino c’è piazza Sultanahmet, nel lato europeo della città. È uno dei luoghi più frequentati dai turisti, che si riversano qui per ammirare capolavori come la Moschea Blu, Santa Sofia e visitare la Basilica Cisterna o di passaggio per raggiungere altri luoghi simbolo di Istanbul. I sospetti ricadono sull’Isis, i morti sono 10. 19.03.2016 – Due mesi dopo un altro colpo al cuore della città. A entrare in azione è di nuovo un attentatore suicida e le vittime sono 4 nella centralissima Istiklal Caddesi, attaccata di prima mattina. Lungo i tre chilometri del viale pedonale, attraversato soltanto da un tram storico che lo percorre per tutta la sua lunghezza, si susseguono boutique, vetrine di grandi marche e bar. Nelle vie adiacenti è intensa la vita della città, tra pub, club notturni, sale da tè e ristoranti. 12.05.2016 – Un’autobomba esplode a Sancaktepe, non lontano da una caserma militare. Almeno 8 persone rimangono ferite. 7.06.2016 – Tornano a farsi sentire i curdi del Tak. Un’autobomba esplode nel quartiere centrale di Vezneciler, non lontano dal campus dell’Università di Istanbul, al passaggio di un bus della polizia. Sono 11 i morti e 36 i feriti. 28.06.2016 – L’attacco più grave, tanto quanto quelli ad Ankara, colpita più volte e duramente dai curdi del Tak. I sospetti ricadono nuovamente sull’Isis, perché le 41 vittime di Istanbul perdono la vita all’aeroporto Atatürk, in un assalto coordinato che prende di mira lo scalo principale della città, hub tra i più trafficati al mondo.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.