diventa reporter con NOI ENTRA NELL'ACADEMY

Dal primo ottobre chiunque indosserà burqa o niqab nei luoghi pubblici austriaci sarà sanzionato con una multa da 150 euro. La proposta legge era stata già approvata dal parlamento a maggio ma questa settimana è stato dato il via ufficiale per la sua entrata in vigore dopo la firma del presidente Alexander Van der Bellen.Nel pacchetto legge sottoposto al giudizio del parlamento dalla coalizione di governo, di cui fanno parte il Partito popolare austriaco e il Partito socialdemocratico d’Austria, sono state inserite anche altre misure di sicurezza oltre al divieto di indossare il velo. Innanzitutto, sempre a partire da ottobre, tutti i richiedenti asilo – che attualmente superano quota 90.000 in Austria – dovranno partecipare a corsi per imparare la lingua tedesca e ad altri per essere istruiti su quelli che sono considerati i “valori occidentali”. Questo per un arco di tempo di minimo 12 mesi.Non è finita qui. Anche la vendita o la distribuzione del Corano per le strade sarà vietata. Questa decisione è stata presa perché negli apparati di sicurezza c’è la consapevolezza che i gruppi legati al radicalismo islamico hanno spesso usato questa tecnica per reclutare nuovi adepti. Nel 2016 infatti la polizia tedesca ha portato a termine una maxi operazione per porre fine alla propaganda di odio portata avanti dal gruppo islamista che si faceva chiamare “La Vera Religione (Die Wahre Religion)”. Dalle forze dell’ordine sono stati controllati oltre 100 siti in tutti i 10 Paesi in cui operava il gruppo che promuoveva il fanatismo islamico, compresi alcuni edifici all’interno dei confini austriaci. In tutti i luoghi dove era attivo il gruppo di propaganda islamica veniva utilizzata la distribuzione del Corano come metodo per adescare nuovi accòliti.Non è una coincidenza che l’entrata in vigore ufficiale della legge approvata ieri dal parlamento sia prevista per il primo ottobre. Le prossime elezioni austriache sono previste per metà ottobre e il Partito della libertà (FPO), considerato di estrema destra, preoccupa sempre più la coalizione attualmente alla guida del governo. Sotto la guida di Heinz-Christian Strache il partito nazionalista austriaco a salire nei sondaggi grazie anche, e forse soprattutto, alla linea dura contro l’islam promossa dal leader del FPO. La retorica anti-islamizzazione ha pagato e il partito popolare insieme ai socialdemocratici hanno deciso di giocare la carta della sicurezza interna per tentare di tenere a bada quella che ormai, in Europa, viene indicata come “destra populista” .