Sono passati più di dodici mesi da quando Mohammed Bin Salman è stato nominato principe ereditario, il primo dunque nella linea di successione a Re Salman nell’intricata famiglia Saud. Dopo una fulminea scalata nei ranghi della casa reale saudita, Mohammed Bin Salman, figlio del sovrano, ha ricevuto quindi la consacrazione con la nomina di principe ereditario. In tal modo, considerando l’età dell’anziano re, il principe è diventato uomo più potente dell’Arabia Saudita. Mohammed Bin Salman ha scalzato dal ruolo di primo ereditario lo zio Bin Nayef, uomo forte dei servizi segreti e del ministero dell’Interno. Una lotta di potere che vede al momento Bin Salman scalzare Bin Nayef: ma questa lotta è davvero finita? 

Le lotte interne alla famiglia Saud 

Da quando sogna il trono, Mohammed Bin Salman ha imposto di fatto la sua politica. Tanto a livello interno quanto negli affari esteri, Riad si è mossa seguendo le indicazioni del principe ereditario. Riforme (timide, fin troppo forse) a livello sociale, inasprimento del braccio di ferro con l’Iran, embargo al Qatar e guerra allo Yemen sono soltanto alcuni dei fronti aperti dal giovane erede al trono. Ma non solo: lo scorso 4 novembre Bin Salman ha avviato una vasta campagna repressiva che ha condotto di fatto a vere e proprie purghe in seno alla famiglia Saud ed agli sceicchi più vicini. Ufficialmente si è trattato di una campagna anti corruzione, in realtà gli uomini più ricchi dell’Arabia Saudita non propriamente affini alla politica del principe sono stati sbattuti in camere d’albergo e rinchiusi finché non hanno ceduto gran parte dei propri patrimoni allo Stato. Un giro di vite effettuato anche, secondo non pochi testimoni, con l’ausilio di minacce e torture nei confronti degli arrestati. 

Un quadro che confermerebbe comunque le lotte intestine a casa Saud, con Bin Salman in grado di mettere fuori gioco molti suoi oppositori. Lo stesso Mohamed Bin Nayef appare di fatto esautorato da ogni ruolo: da uomo potente della sicurezza ed erede al trono, lo zio del principe adesso è passato ad un vero e proprio pensionamento dorato. Negli anni lui ed il ramo a sé vicino della famiglia, sono stati in grado di creare un vero e proprio clan autonomo che oggi però appare caduto in disgrazia. Eliminati gli oppositori, imposta la propria linea e con il padre anziano e dalla salute più debole, in tanti si chiedono come mai il passaggio di consegne tra Re Salman e Mohamed bin Salman non appaia alle porte. 

Il ruolo di garanzia accreditato a Re Salman

Occorre adesso ripescare la domanda posta sopra: la lotta di potere in seno casa Saud è davvero terminata con la vittoria del principe ereditario? In realtà la linea imposta da Mohamed Bin Salman ancora non appare in grado di reggere e di essere digerita da tutti. Le lotte interne alla classe dirigente saudita sono tali da non aver generato un nuovo equilibrio pendente dalla parte del principe ereditario. In poche parole, la linea imposta da Bin Salman potrebbe funzionare soltanto se non va ulteriormente a minare il campo di altri avversari, altri clan in seno ai Saud ed altri interessi che cozzano con le velleità del figlio del sovrano. E proprio il sovrano, in tal senso, rientra prepotentemente in gioco. 

Non è vero che Re Salman è oramai un ottuagenario alle prese con problemi di senilità ed incapace di guidare il paese. Né tanto meno il sovrano ha voglia di passare alla storia come un mero passacarte del figlio. A farlo notare è un’analisi dell’editorialista Bruce Riedel, esperto di Paesi del Golfo, pubblicata su Al Monitor . Re Salman è ancora in carica, è ancora vivo ed è, soprattutto, rispettato da tutti. La sua autorità è riconosciuta dalle varie fazioni della famiglia Saud, di fatto è proprio lui che garantisce ancora un certo equilibrio e funge da conciliatore tra le parti. L’abdicazione e la salita al trono di Mohamed Bin Salman appaiono dunque ancora ben lontani, di sicuro molto più di quanto fino a pochi mesi fa si poteva prevedere. Ed in questo quadro, lo stesso braccio di ferro interno ai Saud potrebbe avere esiti non scontati. 

Dimostrazione si è avuta pochi giorni fa, quando si è appresa la notizia che la fine del progetto di quotazione in borsa di Aramco, la società del petrolio saudita, è stata voluta da Re Salman. Un veto importante, specie se si considera che la quotazione di Aramco era fiore all’occhiello del progetto “Vision 2030“, il programma di riforme elaborato e voluto da Mohamed Bin Salman. Il figlio ha indubbiamente molto più potere di tanti altri suoi rivali, ma in Arabia Saudita una sola cosa al momento è certa: a regnare è Re Salman.