A metà marzo gli Emirati Arabi Uniti hanno inviato due forniture di materiale medico necessario per la lotta al coronavirus verso l’Iran, uno dei Paesi maggiormente colpiti dalla pandemia in tutto il Medio Oriente. “Gli Emirati si impegnano a fare tutto il possibile per eliminare il virus, tanto a livello domestico quanto nella regione del Golfo”, ha affermato il direttore della comunicazione del ministero degli Esteri emiratino commentando l’invio di aiuti umanitari a Teheran. Il gesto è stato particolarmente apprezzato dall’Iran, che negli ultimi mesi ha più volte accusato gli Stati Uniti di star condannando a morte gli iraniani con il loro rifiuto di eliminare – anche solo momentaneamente – le sanzioni.

Il cambio di strategia degli Emirati

L’invio di materiale sanitario è un chiaro segnale del cambiamento della posizione degli Emirati Arabi Uniti nei confronti dell’Iran. I rapporti tra i due Paesi sono tesi dal 1979, anno della nascita della Repubblica islamica, e negli anni Iran ed Emirati si sono trovati spesso su fronti contrapposti nel mai sopito scontro tra sciiti e sunniti a livello regionale. Anche guardando ai conflitti attualmente in corso – ossia Yemen, Siria, Libano e Iraq – tale caratteristica risulta evidente.

Gli Emirati sono stati anche tra i primi a sostenere l’uscita degli Stati Uniti dall’accordo sul nucleare, dopo essersi opposti per anni all’apertura di Obama nei confronti di Teheran, arrivando anche a incrementare la propria forza militare in previsione di uno scontro con il Paese degli Ayatollah. Nell’ultimo periodo, tuttavia, l’allineamento degli Emirati con gli Usa di Trump e con l’Arabia Saudita si è incrinato, soprattutto dopo la mancata presa di posizione americana a seguito dell’attacco contro i giacimenti petroliferi dell’Aramco. Quel particolare episodio, unito a una più generale politica di disengagement statunitense dal Medio Oriente, ha costretto gli Emirati a rivedere le proprie priorità e la propria posizione nello scacchiere regionale.

A spingere ulteriormente Abu Dhabi verso una nuova politica estera ha poi contribuito la recente escalation tra Iran e Stati Uniti a seguito dell’uccisione del generale Qassem Soleimani. Uno scontro diretto tra le due potenze avrebbe avuto effetti negativi sugli Emirati e sulle mire geopolitiche di Mohammed bin Zayed, che ha quindi aperto un canale di dialogo con Teheran per evitare che la situazione degenerasse. Gli sforzi per la pacificazione della regione da parte degli Emirati rientrano in una nuova politica estera messa in piedi dal Paese e che si basa sul principio della “tolleranza”, il cui obiettivo ultimo è per l’appunto la fine dei conflitti armati nella regione.

È in questo contesto che si inserisce quindi la fine del sostegno all’Arabia Saudita nella guerra in Yemen da una parte e il riavvicinamento all’Iran dall’altra, quest’ultimo favorito anche dalla diffusione del coronavirus.

Le mire di MbZ

Ma qual è l’obiettivo ultimo di Mohammed bin Zayed? Gli Emirati sono sempre stati dalla parte degli Stati Uniti nella contrapposizione Washigton-Teheran e ne hanno sostenuto la politica di “massima pressione”, i cui effetti sono ben visibili sull’economia iraniana. Ma il progressivo allontanamento di Washington dal Medio Oriente e dal Golfo ha messo gli Emirati – e l’Arabia Saudita – di fronte a una scomoda verità: non è più possibile più fare affidamento come prima sulla protezione americana. Il ritirarsi degli Usa, tuttavia, è stato visto sì come una minaccia, ma anche come un’opportunità. La fine dell’egemonia a stelle e strisce in Medio Oriente ha infatti lasciato un vuoto di potere che gli Emirati stanno cercando almeno in parte di riempire, ponendosi come interlocutori affidabili nell’allentamento delle tensioni regionali. Il coronavirus – e il relativo l’invio di aiuti – ha poi creato le condizioni per una maggiore apertura verso l’Iran in particolare e per un’espansione dell’influenza emiratina nel Golfo e in Medio Oriente in generale, rafforzando l’immagine di una Abu Dhabi pronta a scendere in campo per il benessere della regione.

È un momento difficile
STIAMO INSIEME