Il docente maltese Joseph Mifsud e l’ex direttore dell’Fbi James Comey erano in Australia l’8 e il 9 marzo 2016, una settimana prima che l’ex advisor della campagna di Donald Trump, George Papadopoulos, incontrasse il professore e presidente dell’Emuni a Roma, alla Link University. Una banalissima coincidenza? Secondo Papadopoulos assolutamente no. “Ora abbiamo le prove che Comey e Mifsud stavano incontrando gli stessi funzionari in Australia pochi giorni prima che fossi “spronato” a incontrare Mifsud a Roma”, ha scritto su Twitter. L’ex consulente del presidente Trump ha poi aggiunto in un altro tweet l’altro “tassello” mancante: “Mark Ryan, ex direttore dell’Australian Intelligence Agency ed ex capo dello staff di Alexander Downer, si è incontrato con Joseph Mifsud un paio di settimane prima che mi parlasse delle “informazioni” (su Hillary Clinton, ndr)! Cattive notizie per l’Australia!”.

Per Papadopoulos è la “prova” che i servizi di intelligence – di Regno Unito, Australia e forse anche Italia – hanno cospirato contro Trump. Il cerchio che si chiude, in attesa di capire qual è stato il ruolo dell’Italia. Ma perché è così importante l’Australia? Secondo la ricostruzione ufficiale, il docente maltese affermò in un incontro dell’aprile 2016 a Papadopoulos, consigliere della campagna di Trump, di aver appreso che il governo russo possedeva “materiale compromettente” (dirt) su Hillary Clinton “in forma di e-mail”. A quel punto l’ex consulente del presidente avrebbe ripetuto tali informazioni all’alto Commissario australiano a Londra, Alexander Downer, che a sua volte riferì tutto alle autorità americane. Da qui, il 31 luglio 2016, partirono le indagini dell’Fbi sui presunti collegamenti fra Trump e la Russia, accuse che in seguito si sono dimostrate inconsistenti. E ora Trump vuole la sua vendetta.

L’intervista di Dan Bongino a George Papadopoulos

Papadopoulos ha “ricostruito” il suo incontro con Mifsud in un’intervista rilasciata al giornalista americano di Fox News Dan Bongino. “Lavoravo presso questa organizzazione a Londra – il London Centre for International Law Practice (Lcilp) – che all’epoca non sapevo essere un gruppo formato da ex diplomatici occidentali e personalità legate all’intelligence. Arvinder Sambei, consulente legale dell’Fbi nel Regno Unito, era consulente di questa organizzazione alla quale dissi che stavo per unirmi alla campagna di Trump e che me ne sarei andato negli Stati Uniti. All’improvviso – spiega Papadopoulos – mi dissero che prima di partire per Washington sarei dovuto andare a Roma con loro. C’erano alcune persone che volevano presentarmi. Accettai e andai a Roma per tre giorni”.

È il marzo 2016 quando Papadopoulos incontra il professor Mifsud: “Mi presentarono Mifsud in questa università di Roma chiamata Link Campus. Non avevo idea di cosa fosse quel posto. Ma, a quanto pare, è una sorta di campo di addestramento per agenti dell’intelligence occidentale. La Cia ha tenuto dei corsi lì e David Ignatius del Washington Post ne ha ampiamente parlato. Mi dissero che era molto importante che incontrassi Joseph Mifsud“.

Dov’è Mifsud? Nessuno lo sa

Nel frattempo, più passano i giorni, e più emergono nuovi retroscena e dettagli rispetto ai due incontri romani fra il Procuratore generale degli Stati Uniti, William Barr, l’avvocato John Durham, e i vertici dei nostri servizi segreti, i direttori di Dis, Aisi e Aise, Gennaro Vecchione, Mario Parente e Luciano Carta, datati 15 agosto e 27 settembre (al primo, va sottolineato, partecipò solo Vecchione dopo il via libera del presidente del Consiglio Giuseppe Conte). Barr e Durham, come abbiamo spiegato già in questo articolo, non sono usciti soddisfatti dall’incontro del 27 settembre scorso: avevano chiesto alle autorità italiane delle informazioni precise su Joseph Mifsud, il docente maltese al centro dell’intrigo internazionale, che non sono arrivate.

Come riporta Il Fatto Quotidiano, dopo le promesse fatte il 15 agosto, il 27 settembre i capi dei servizi segreti italiani avrebbero risposto ai Procuratori americani che indagano sulle origini del Russiagate di non sapere dove si trovi Joseph Mifsud e di non essere a conoscenza delle sue relazioni relazioni con gli agenti dell’intelligence italiana. Da qui la forte delusione di Barr e Durham. Tuttavia, secondo Il Fatto, alcune cose rilevanti sarebbero state dette nel vertice. “Se lo state cercando, le ultime tracce che noi abbiamo trovato portano alla Russia. E a qualche contatto con l’ Ucraina. Non all’Italia”, questo avrebbero detto i nostri agli americani. Barr e Durham, tuttavia, avrebbero chiesto riscontri su eventuali collegamenti fra Mifsud e agenti dell’intelligence occidentale. Sempre stando a quanto ricostruito dal Fatto, la nostra risposta sarebbe stata quella di una piena disponibilità a cooperare, però lungo le vie ufficiali.

Come abbiamo raccontato su questa testata, gli americani sanno perfettamente che Joseph Mifsud era nascosto in Italia fino alla scorsa primavera, poco prima della pubblicazione del rapporto Mueller. L’avvocato svizzero di Mifsud, Stephan Roh, ha dichiarato all’Epoch Times che il suo cliente ha vissuto fino a poco tempo fa in Italia, ma che il docente ha deciso di nascondersi di nuovo dopo la pubblicazione del rapporto finale sul Russiagate del consigliere speciale Robert Mueller (dunque il 18 aprile 2019).