La crisi sperimentata dall’ordine liberale occidentalo-centrico instauratosi all’indomani della Seconda guerra mondiale e consolidatosi con la vittoria nella Guerra fredda sta aiutando indirettamente la Russia a realizzare l’ambizione recondita di dar vita ad un ordine internazionale alternativo che non sia esclusiva espressione della volontà e degli interessi euroamericani.

L’ordine immaginato dalla Russia dovrebbe essere asio-centrico e dominato da istituzioni parallele al sistema di Bretton Woods e, soprattutto, mirante non soltanto ad accelerare la transizione dall’unipolarismo al multipolarismo, ma anche a renderla vantaggiosa per il Cremlino.

Il partenariato strategico con la Cina e la crescente collaborazione multidimensionale con Iran, India e altre potenze regionali dell’Asia centro-meridionale ed orientale, si inquadrano in questo contesto. Ma un ruolo per nulla marginale è riservato anche all’Europa, nella quale la Russia sta tentando di convincere i paesi più insofferenti verso i diktat di Bruxelles ad aderire alle proprie istituzioni, dalla Banca eurasiatica per lo sviluppo all’Unione economica eurasiatica.

La Banca eurasiatica per lo Sviluppo

A fine novembre si è svolta a Mosca la 14esima conferenza internazionale sull’integrazione economica eurasiatica, alla quale ha preso parte anche una delegazione moldava su richiesta del presidente Igor Dodon. La partecipazione all’evento è stata l’occasione con cui il neonato governo ha voluto riconfermare la vicinanza allo storico partner russo e rendere pubblica una decisione importante: l’adesione alla Banca eurasiatica per lo sviluppo.

L’istituzione è stata fondata nel 2006 su iniziativa russo-kazaka e, da allora, è divenuta uno dei pilastri portanti della strategia del Cremlino per l’Asia centrale, finanziando progetti energetici, cooperazione allo sviluppo, e grandi opere infrastrutturali, in tutta la regione. Prima che la banca si estendesse fino a Chișinău, aveva come paesi membri gli stessi dell’Unione economica eurasiatica, perciò l’adesione assume un significato più profondo di quanto appare.

Anche l’Ungheria era presente alla conferenza con una delegazione e, al termine dei lavori, ha annunciato di essere pronta ad avviare i negoziati per aderire alla banca a titolo di pieno membro. Si tratta dell’ultima mossa del governo Orban mirante ad avvicinare Budapest e Mosca, che segue l’insieme di progetti congiunti presentati durante la visita di Vladimir Putin a Budapest a fine ottobre, fra cui l’impegno a difendere i cristiani perseguitati nel mondo.

I Balcani e l’Unione eurasiatica

L’espansionismo militare della Nato nei Balcani e le continue pressioni diplomatiche della comunità euroatlantica hanno sortito l’effetto contrario sulla Serbia, spingendola a intensificare i rapporti militari con la Russia e a firmare un accordo di libero scambio con l’Unione economica eurasiatica. Quest’ultimo è stato siglato nonostante i ripetuti moniti ricevuti da Bruxelles circa l’impossibilità di poter aderire all’Uee e, al tempo stesso, essere eleggibile per l’inglobamento nell’Ue.

La Moldavia, anch’essa alle prese con il dilemma del bivio Ue o Russia, ha ottenuto lo status di membro osservatore nell’aprile 2017 grazie agli sforzi dei socialisti del presidente Dodon, firmando anche un accordo di cooperazione con l’organizzazione. La Russia sta riuscendo ad ostacolare l’agenda europea per il paese non solo attraverso l’influenza esercitata sulla classe politica, ma anche sfruttando le carte fornite da Transnistria e Gagauzia, le due regioni dalle mai sopite ambizioni secessioniste.

In quest’ultima, nel 2014 si è tenuto un referendum consultivo nel quale è stato chiesto agli abitanti di scegliere fra l’avvicinamento all’Ue o all’Uee. Il 97% dei votanti ha scelto la seconda opzione, inviando un chiaro segnale a Chișinău sulla direzione che intende intraprendere la regione che, tra l’altro, sta anche registrando un forte attivismo da parte turca.

Il malcontento come arma

I rapporti precari fra Bruxelles e diversi paesi membri dell’ex blocco comunista sono stati sfruttati abilmente da Mosca per polarizzare ulteriormente l’Ue fra l’ovest a guida franco-tedesca e l’est a guida Visegrad e, parzialmente, sotto influenza russa. L’Ungheria è stata scelta come principale testa di ponte, alla luce dell’agenda estera di Fidesz ideologicamente affine agli interessi del Cremlino poiché avente come orizzonte l’Asia, ma sono state rinnovate le pressioni anche su storiche roccaforti come Moldavia e Serbia.

In ognuno dei tre casi la Russia ha seguito una strategia molto saggia basata su osservazione e temporeggiamento, ossia: assistere in qualità di spettatore alle crescenti tensioni, aspettare la comparsa di fratture potenzialmente utilizzabili, proporre la propria alternativa.

Il piano sta funzionando, facilitato dal momento di debolezza dell’Ue, ma pesa l’incognita del lungo termine: presto o tardi, infatti, tutti quei paesi che oggi stanno scegliendo di flirtare sia con Bruxelles che con Mosca, saranno obbligati a prendere una decisione definitiva.