VUOI FARE UN'INCHIESTA? REALIZZALA CON NOI

Ogni anno, il 25 marzo, ad Atene e Nicosia, le capitali della nazione ellenica, il tempo si ferma, la quotidianità viene interrotta e le masse commemorano trionfalmente lo scoppio della rivoluzione del 1821, l’evento propulsivo della guerra d’indipendenza contro l’impero ottomano.

L’anno scorso, causa pandemia, le celebrazioni erano state annullate, ma quest’anno è differente: cadrà il duecentesimo anniversario della riconquista della libertà e né popolo né politica hanno intenzione di sacrificare i festeggiamenti di una ricorrenza tanto simbolica.

Una cerimonia in grande stile

Il calendario degli eventi che circonderanno le celebrazioni del duecentesimo anniversario della rivoluzione è stato pubblicato a metà gennaio e premette, e promette, la creazione di un ambiente permeato di e pervaso da patriottismo, misticismo e festosità bucolica. Nel corso dell’anno verranno organizzate mostre, concerti, festival, campagne di coscientizzazione tese a preservare la memoria storica della rivoluzione, e verranno dati alle stampe francobolli e denari commemorativi.

Il fulcro dei festeggiamenti, però, è da due secoli, e continuerà ad essere, il 25 marzo, data in cui cade l’anniversario della benedizione agli insorti da parte di Germanos, metropolita di Patrasso: l’atto di apertura degli eventi rivoluzionari. Quel giorno, di duecento anni or sono, il chierico-patriota radunò una folla presso l’antico monastero di Santa Lavra per rivolgere una dossologia al Divino ed ottenere l’intercessione della Vergine Maria per vincere la battaglia che sarebbe cominciata lì a breve.

Nulla era stato lasciato al caso: il 25 marzo, infatti, è la festa dell’Annunciazione del Signore. Benedetti i combattenti e issata la bandiera della nazione alle porte del monastero, Germanos diede inizio alla rivoluzione al grido di “Eleftheria I Thanatos!” (let. Libertà o morte!), poi divenuto motto nazionale.

E sarà precisamente il 25 marzo che avranno luogo i festeggiamenti in grande stile, a base di concerti, parate militari e spettacoli pirotecnici, che vedranno la partecipazione di una platea internazionale di primo livello. Il 28 gennaio è stato confermato da fonti governative che alla grande celebrazione prenderanno parte, tra gli altri, il presidente russo Vladimir Putin, il presidente francese Emmanuel Macron e il principe Carlo della famiglia reale britannica.

Tutti e tre hanno risposto positivamente all’invito ufficiale di Kyriakos Mitsotakis, l’attuale primo ministro greco, e la loro presenza, del resto, era ed è imperativa: la liberazione di Atene, culla della civiltà europea ed erede di Bisanzio, fu possibile grazie al contributo determinante, in armi e uomini, degli imperi russo, britannico e francese. Nulla è emerso riguardo la partecipazione di Joe Biden, che, pandemia permettendo, potrebbe probabilmente aderire all’evento in ragione dell’alleanza in essere tra Stati Uniti e Grecia.

Idealismo e pragmatismo

Negli ultimi mesi, causa le tensioni con la Turchia nell’Egeo e nel Mediterraneo orientale, la Grecia ha approfondito la collaborazione militare con una serie di Paesi, in primis la Francia, e con un egregio lavoro di ricucitura diplomatica ha gettato le basi per un riavvicinamento alla Russia, la cui antica amicizia è stata sacrificata sull’altare dell’atlantismo negli anni recenti, dapprima rompendo i legami con la Siria, poi aderendo al regime sanzionatorio e infine sposando lo scisma intra-ortodosso.

Il muscolarismo di Ankara si è rivelato un’arma a doppio taglio: la dirigenza ellenica, infatti, costretta a sperimentare una pressione senza precedenti lungo i propri confini marittimi e terrestri, ha riscoperto l’arte della diplomazia segreta e ridato centralità all’unilateralismo, comprendendo quanto fossero vitali la ricerca di nuove alleanze e il perseguimento dell’autonomia strategica in un contesto di immobilismo e isolamento in sede di Unione Europea.

Il duecentesimo anniversario dell’indipendenza dall’impero ottomano sarà l’occasione per lanciare un messaggio all’ostile Turchia – a ciò è dovuta la circolazione prematura della notizia sulla partecipazione di Putin e Macron – e, forse, a condizione che l’esecutivo ellenico permanga sulla via della lungimiranza e delll’impavidità, anche per tentare il recupero di una vetusta tradizione di politica estera: Grecia quale ponte tra Occidente e Oriente, anziché ostaggio e spettatore. E, come inaugurare tale percorso sotto i migliori auspici, se non invitando Macron, l’ultimo europeo dai sogni eurasiatici?

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.