SEO PER IL GIORNALISMO ENTRA NELLA NEWSROOM ACADEMY

√ą entrato nel pieno delle sue funzioni il nuovo governo greco, guidato dal premier Kyriakos Mitsotakis, che aveva ottenuto la fiducia da parte del parlamento di Atene marted√¨ 23 luglio, ultimo atto formale dopo il giuramento per considerare avviato il nuovo corso politico ellenico.

Mitsotakis ottiene la fiducia dal parlamento

In Grecia il governo, come in Italia, √® ancorato al ramo legislativo da un rapporto di fiducia vincolante: per essere considerato operativo con pieni poteri, l’esecutivo deve ottenere la fiducia da parte della maggioranza assoluta del parlamento. Uno scoglio a volte realmente concreto, specie per gli ultimi governi formati da coalizioni e coabitazioni tra diversi partiti, in questo caso invece si tratta di una mera formalit√†. Infatti il partito Nuova Democrazia, di cui Mitsotakis √® il leader, √® riuscito ad agguantare la maggioranza assoluta in seno al parlamento ellenico, una circostanza questa che in Grecia non si vede dal 2009, da quando cio√® il Pasok di George Papandreou riesce a formare un governo monocolore.

A votare a favore di Mitsotakis martedì scorso sono stati 158 deputati su 300, gli stessi cioè su cui può contare Nuova Democrazia in seno alla camera legislativa grazie al risultato delle elezioni dello scorso 7 luglio. Il partito di centrodestra è riuscito così a conquistare gli oltre 150 deputati necessari per la maggioranza, grazie ad una particolare peculiarità della legge elettorale greca. Infatti con il proprio voto i cittadini eleggono 250 dei 300 parlamentari, i restanti 50 vanno automaticamente al partito che riesce ad avere la meglio sugli altri. A fronte di un 40% conquistato da Nuova Democrazia, dunque, la formazione di Mitsotakis ha ottenuto un premio di maggioranza tale da poter governare in solitaria.

La composizione del nuovo parlamento

Il governo di Atene √® dunque monocolore ed ha al suo interno sia noti esponenti di Nuova Democrazia, che alcuni tecnici. Mitsotakis ha davanti a s√© uno scenario ideale: maggioranza assoluta e un’opposizione ben lontana dai numeri su cui pu√≤ contare il nuovo premier. Il principale partito di minoranza √® infatti Syriza, quello cio√® del premier uscente Alexis Tsipras. La formazione della sinistra (sempre meno radicale) ha 86 deputati, una circostanza che la pone di gran lunga dietro a Nuova Democrazia ma al tempo stesso in una posizione di forza rispetto alle altre opposizioni. Ha soltanto 22 deputati il cosiddetto “Movimento per il cambiamento“, in cui confluisce anche l’ex Pasok, mentre sono solo 15 i parlamentari eletti nella lista del Partito Comunista (Kke).

Nel nuovo parlamento greco, spazio anche alla nuova formazione della destra ellenica denominata “Soluzione Greca“, la quale pu√≤ contare su dieci deputati, ed al movimento dell’ex ministro Yanis¬†Varoufakis che piazza all’interno della camera nove parlamentari. La nuova legislatura pu√≤ considerarsi ufficialmente avviata anche per via dell’elezione del presidente del parlamento, il quale √® l’esponente di Nuova Democrazia¬†Constantinos Tasoulas.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l‚Äôarticolo che hai appena letto ti √® piaciuto, domandati: se non l‚Äôavessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualit√† in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo √® tutt‚Äôaltro che ‚Äúa buon mercato‚ÄĚ. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.