Il governo del Regno Unito si trova di fronte ad alcune scelte difficili sul tipo di ruolo che il paese intende svolgere negli affari europei e globali. In qualche modo, le sfide attuali costituiscono la continuazione di un processo in corso da anni. La Brexit ha segnato un punto di svolta particolarmente significativo, dal momento che gli elettori britannici hanno deciso che il loro paese non sarebbe più stato una delle numerose potenze leader nell’Unione europea. Tuttavia, non era chiaro all’epoca, e rimane oscuro, su quale tipo di ruolo Londra intenda svolgere a lungo termine.

Sembra che ci siano quattro opzioni principali per il Regno Unito. Una possibilità sarebbe quella di annullare la Brexit e rientrare nell’UE. Un’altra opzione è quella di essere un compagno di viaggio dell’Unione Europea. Questo approccio darebbe ai leader britannici l’opportunità di agire con maggiore indipendenza e flessibilità rispetto ai membri formali dell’UE, ma consentirebbe comunque alla Gran Bretagna di essere un fattore significativo negli affari europei. In entrambi i casi, l’Europa sarebbe l’obiettivo principale della politica estera del Regno Unito.

Un terzo scenario sarebbe che Londra tentasse di diventare una grande potenza veramente indipendente con interessi e obiettivi in tutto il sistema internazionale. Per certi aspetti, quella strategia avrebbe tentato di riconquistare e rivitalizzare il ruolo globale che la Gran Bretagna ha svolto prima che il paese fosse così gravemente indebolito dalla seconda guerra mondiale da essere costretto a ridimensionarsi. Con lo svanire dell’egemonia globale degli Stati Uniti e l’emergere di un mondo sempre più multipolare, la Gran Bretagna potrebbe avere l’opportunità di essere un membro di un concerto di grandi potenze.

L’opzione finale è quella di continuare l’attuale politica di essere il partner obbediente di Washington negli affari globali. Questo approccio presenta vantaggi significativi, ma comporta anche alcuni svantaggi preoccupanti.

Un vantaggio cruciale è che la “relazione speciale” ha dato a Londra un’influenza sproporzionata sulle decisioni di politica estera degli Stati Uniti. Ad esempio, non è certo che l’amministrazione di George H. W. Bush avrebbe scelto di affrontare militarmente l’Iraq dopo che le forze di Saddam Hussein avevano invaso e occupato il Kuwait, se non fosse stato per l’insistente pressione di Londra. Il primo ministro britannico Margaret Thatcher insistette sul fatto che lo sviluppo aveva implicazioni negative di vasta portata e, secondo quanto riferito, esortò Bush a non “vacillare” nel respingere l’aggressione di Baghdad. Bush e i suoi consiglieri alla fine conclusero che la conquista irachena del suo vicino costituiva un precedente inaccettabile in quello che stava emergendo come un mondo post-Guerra Fredda.

Tuttavia, l’approccio sempre più sfacciato e conflittuale di Washington agli affari mondiali sta creando situazioni che potrebbero mettere in pericolo i migliori interessi della Gran Bretagna e persino la sua sopravvivenza. La volontà del primo ministro Tony Blair di abbracciare ciecamente la crociata di George W. Bush per cacciare Saddam non solo ha coinvolto il Regno Unito in crescenti turbolenze in Medio Oriente, ma la sua posizione lo ha anche spinto a ingannare sia il parlamento che l’opinione pubblica britannica, danneggiando così il sistema democratico del paese.

Le cose sono andate altrettanto male in altre occasioni in cui i leader britannici hanno tentato di eguagliare la sconsiderata falsità del patrono americano del Regno Unito. Londra ha sostenuto con entusiasmo la politica dell’amministrazione Biden di convincere i membri della NATO a fornire aiuti militari all’Ucraina. In effetti, ci sono indicazioni che sia le agenzie di intelligence statunitensi che quelle britanniche hanno aiutato Kiev nei suoi piani di battaglia. Un tale approccio comporta seri rischi di coinvolgere il Regno Unito e gli Stati Uniti in un confronto militare diretto con la Russia.

Le politiche sempre più intransigenti di Washington nei confronti della Repubblica popolare cinese (RPC) sia su Taiwan che sul disaccoppiamento economico comportano simili spiacevoli rischi. Tuttavia, nonostante alcune deviazioni precedenti, Londra sembra ora pienamente a bordo con l’approccio dell’amministrazione Biden.

Il rapporto rischio-rendimento per continuare ad essere il partner minore di Washington in politica estera non è promettente per gli interessi britannici. Le altre opzioni hanno un potenziale di rialzo maggiore. Concentrarsi sul futuro dell’Europa piuttosto che cercare di svolgere un ruolo globale dovrebbe avere un notevole fascino per una potenza di medie dimensioni. Cercare di farlo rimanendo al di fuori della struttura dell’Unione europea, tuttavia, rende difficile questo compito. Essere un “compagno di viaggio” dell’UE darebbe alla Gran Bretagna una maggiore flessibilità politica, ma limiterebbe anche l’influenza di Londra su questioni importanti.

Se la Gran Bretagna rientrasse nell’UE, il paese sarebbe automaticamente di nuovo uno dei “tre grandi” attori nel determinare l’approccio di tale associazione agli affari europei e mondiali. Allo stesso tempo, l’adesione britannica darebbe all’UE un peso maggiore nei rapporti con gli Stati Uniti, la RPC, l’India e altri importanti paesi. Il ricongiungimento all’UE avrebbe anche un notevole appeal per le fazioni all’interno della Gran Bretagna (in particolare la Scozia) che erano scontente della Brexit in primo luogo.

Tuttavia, essere una potenza veramente indipendente in un sistema globale multilaterale ha anche i suoi vantaggi. Risparmierebbe alla Gran Bretagna di essere soggetta a un’eccessiva ingerenza normativa da parte della burocrazia dell’UE a Bruxelles. Questo tentativo di microgestione economica Ã¨ stato un motivo cruciale per cui gli elettori britannici hanno abbracciato la Brexit in primo luogo. Non vi è alcuna garanzia che un problema simile non si verifichi se la Gran Bretagna decide di rientrare nell’UE.

Una questione chiave è se il sistema globale sia ora sufficientemente multipolare in modo che una potenza di medie dimensioni come il Regno Unito possa essere un attore efficace, economicamente, diplomaticamente e militarmente come parte di un nuovo concerto di grandi potenze. Questo quadro rimane in qualche modo poco chiaro, ma è evidente che sia il sistema bipolare della Guerra Fredda che il sistema unipolare post-Guerra Fredda che gli Stati Uniti hanno dominato fino a questo punto non riflettono più la realtà. La Russia è diventata una potenza di secondo livello nel sistema internazionale, sia economicamente che militarmente, come conferma la sua sorprendente difficoltà nel sottomettere l’Ucraina. Gli Stati Uniti sono ancora dominanti militarmente, ma economicamente il mondo Ã¨ già chiaramente multipolare. In effetti, l’amministrazione Biden sembra avere crescenti difficoltà a preservare il dollaro come valuta di riserva mondiale.

Anche il primato militare di Washington sta svanendo. La RPC è emersa come un serio sfidante, specialmente nel Pacifico. Diversi giochi di guerra condotti dal Pentagono e da think tank indipendenti negli ultimi anni indicano che gli Stati Uniti probabilmente perderebbero una guerra cercando di difendere Taiwan contro la RPC.

In un sistema internazionale multipolare così emergente, il concetto di un concerto di grandi potenze non è più fantasioso. I leader britannici devono prendere seriamente in considerazione questa opzione. Probabilmente è una stretta corrispondenza tra quella scelta e diventare di nuovo uno dei tre leader dell’UE con un focus primario sugli sviluppi in Europa. L’opzione meno attraente per il Regno Unito, di gran lunga, dovrebbe essere quella di rimanere come partner minore di Washington.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.