Mentre in Medio Oriente sale la tensione sulla questione delle armi chimiche presumibilmente utilizzate dalle forze governative di Assad sulla popolazione civile della Siria, a Washington procedono le indagini di Mueller sul Russiagate, caso venuto alla ribalta per le presunte relazioni tra alcuni personaggi dell’entourage di Trump e dei vicinissimi del governo russo, che avrebbero collaborato per minare il risultato elettorale di Hillary Clinton, e aiutare lo stesso Trump ad aggiudicarsi la contesa.

√ą giunta nella serata di gioved√¨ la notizia che Rudolph Giuliani, ex sindaco di New York e avvocato di chiara fama, di unir√† alla squadra di legali che difender√† Donald Trump nell’intricato affaire internazionale.¬†

L’entourage di Trump ha diffuso lusinghiere dichiarazioni del presidente sul suo nuovo avvocato:”Rudy √® un grande, √® stato mio amico per molto tempo e vuole risolvere rapidamente la questione per il bene del Paese”.¬†

Queste dichiarazioni, in effetti, hanno prodotto delle considerazioni non poco dubbiose circa il vero ruolo di Giuliani nella vicenda. Alcune testate, in effetti, hanno azzardato il fatto che la sua funzione possa essere dichiaratamente politica, piuttosto che strettamente legale. 

Giuliani entra nell’arena dopo che l’avvocato principale del presidente John Dowd si √® improvvisamente dimesso a marzo. Alcune Fonti hanno riferito a ABC News che Dowd si era dimesso in parte perch√© sentiva che il presidente non stava seguendo il suo consiglio.

In realt√†, alcuni sostengono che Giuliani potrebbe fare delle forti pressioni sullo stesso Robert Mueller, che l’ex sindaco conosce da molti anni.

L’ingresso di Giuliani, un avvocato esperto con una reputazione combattiva, solleva immediatamente delle domande su come Trump si impegner√† con Mueller e la leadership in Giustizia. Alcuni consiglieri di Trump temono che il presidente possa usare la sua autorit√† esecutiva per chiudere o smorzare la sonda di consulenza speciale, che ha dato origine a un’indagine parallela a New York indirizzata al suo avvocato personale.

“Lo sto facendo perch√© spero che potremo negoziare la fine di questo per il bene del paese e perch√© nutro grande stima per il presidente e per Bob Mueller”, ha detto Giuliani in un’intervista gioved√¨.

Rudolph W. Giuliani fu un fervente sostenitore del presidente Trump durante la campagna del 2016, e l’ex sindaco di New York fu considerato per la carica di procuratore generale.¬†

Nei giorni scorsi, il presidente ha regolarmente sfogato e speculato sugli assistenti sul suo status legale e sul calendario previsto per la fine dell’indagine sulla Russia, secondo quanto riferito dai suoi soci sulle discussioni.

Trump ha anche lamentato a gran voce e ripetutamente alcuni consiglieri all’inizio di questa settimana che l’ex direttore dell’FBI James B. Comey, l’ex vice direttore dell’FBI Andrew McCabe e l’ex candidato presidenziale democratico Hillary Clinton, tra gli altri, dovrebbero essere accusati di crimini per misfatti presunti da repubblicani, hanno riferito i suoi collaboratori.

Anche se i funzionari della Casa Bianca hanno detto gioved√¨ che Trump non ha chiamato funzionari del Dipartimento di Giustizia o intrapreso alcuna azione formale, il persistente brontolio ha reso ansiosi alcuni consiglieri, secondo due persone vicine al presidente. Un tour pubblicitario di Comey per promuovere il suo libro critico su Trump, “A Higher Loyalty”, ha attirato l’attenzione particolare del presidente, che ha screditato Comey in pubblico e in privato.

In effetti, nelle ultime settimane il Russiagate è entrato nel vivo, così come si è intensificata una battaglia verbale tra il presidente e i suoi ex collaboratori, tra questi proprio Comey.

Un lungo reportage curato da The Intercept espone all’opinione pubblica il ruolo di alcune figure chiave di questo caso, tra cui quella di un misterioso professore universitario che parrebbe avere importanti connessioni con il ministero degli Esteri russo.¬†

Il 30 ottobre 2017, Mueller ha svelato le prime accuse¬†nell’ambito dei rapporti¬†Trump-Russia. Quel giorno, il suo ufficio ha annunciato accuse contro l’ex manager della campagna Trump Paul Manafort e il suo socio in affari Rick Gates, nonch√© una dichiarazione di colpevolezza rilasciata da George Papadopoulos, ex consigliere di politica estera della campagna di Trump. Papadopoulos si era dichiarato colpevole di aver reso false dichiarazioni all’FBI in un accordo approvato segretamente tre settimane prima, quindi era chiaro che Papadopoulos stava gi√† collaborando con l’inchiesta di Mueller. L’ambizioso giovane consigliere greco-americano di Trump stava presumibilmente dicendo a Mueller tutto ci√≤ che sapeva sui collegamenti tra la campagna di Trump e la Russia.

Nei documenti del tribunale rilasciati nel caso di Papadopoulos, un personaggio salta fuori dalla pagina: un misterioso e anonimo “professore d’oltremare” che avrebbe fatto da intermediario tra Papadopoulos e i russi. I documenti rivelano che durante un incontro nell’aprile 2016, il professore aveva detto a Papadopoulos che i russi avevano “sporcizia” sul candidato presidenziale democratico Hillary Clinton sotto forma di “migliaia di e-mail“. Ci√≤ succedeva molto prima che il caso dell’hackeraggio e del furto delle mail di Hillary Clinton fosse noto al grande pubblico.

I documenti del tribunale mostrano anche che Papadopoulos aveva buone ragioni per credere al professore; sapeva che Mifsud aveva stretti legami con alti funzionari russi.

Quando Papadopoulos ha parlato per la prima volta con gli agenti dell’FBI , ha cercato di minimizzare il significato di Mifsud. “Ha detto agli agenti inquirenti che il professore era “un niente” e “solo un tizio che parlava di connessioni o qualcosa del genere”. In realt√†, infatti, il difensore Papadopoulos cap√¨ che il professore aveva legami sostanziali con i funzionari del governo russo (e aveva incontrato alcuni di quei funzionari a Mosca immediatamente prima di dire a Papadopoulos delle “migliaia di e-mail”) e, per un periodo dei mesi,¬†questi¬†ha ripetutamente cercato di utilizzare le connessioni russe del professore nel tentativo di organizzare un incontro tra¬†l’entourage di Trump¬†e i funzionari del governo russo”. Quando la dichiarazione di colpevolezza di Papadopoulos fu resa pubblica, la stampa identific√≤ rapidamente il professore come Joseph Mifsud.

La connessione Papadopoulos-Mifsud √® altamente indicativa di un legame diretto tra la campagna presidenziale di Trump e il governo russo, secondo l’Intercept. Il rapporto tra il giovane consigliere della campagna e l’accademico con legami indistinti con Mosca rivelerebbe l’esistenza di un canale segreto attraverso il quale il governo russo √® stato in grado di comunicare con la campagna di Trump rubando le e-mail dei democratici e armandole per aiutare Trump a vincere la presidenza. La connessione Papadopoulos-Mifsud √® ora esposta nell’argomentazione che Trump o quelli a lui vicini hanno collaborato con Mosca per¬†arrivare¬†alla Casa Bianca.

Oltre al canale tra Papadopoulos e Mifsud, una serie di altri collegamenti puntano anche a legami tra la campagna di Trump e la Russia. Alcune di queste connessioni sono note da molto tempo, mentre i dettagli degli altri stanno ancora emergendo.

Un esempio di rilievo, ovviamente, √® il caso¬†di Roger Stone, un consigliere politico di Trump da lungo tempo e gi√† socio di Manafort. Stone, meglio noto come opinionista, e un politico risalente all’era Nixon, ha ammesso che nel 2016 √® entrato in contatto con Guccifer 2.0, l’hacker che ha affermato di aver consegnato le e-mail rubate al Comitato Nazionale dei democratici a WikiLeaks durante la campagna presidenziale. WikiLeaks ha poi pubblicato le e-mail, a volte rilasciandole nei momenti critici in cui sembravano progettate per infliggere il massimo danno alla campagna di Clinton.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l‚Äôarticolo che hai appena letto ti √® piaciuto, domandati: se non l‚Äôavessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualit√† in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo √® tutt‚Äôaltro che ‚Äúa buon mercato‚ÄĚ. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.